Gli studenti dovrebbero essere addestrati per rispondere alle riprese scolastiche?

Mentre episodi di sparatorie di massa a scuola hanno portato a un allarme diffuso e chiede maggiore sicurezza nelle scuole degli Stati Uniti, quanto sono sicuri gli studenti a scuola?

Nonostante gli episodi di ripresa di alto profilo come la sparatoria della scuola di Columbine nel 1999, le riprese di Virginia Tech nel 2007 e Sandy Hook nel 2012, i ricercatori che hanno esaminato le sparatorie nelle ultime due decadi sostengono che l'isterismo pubblico sulla sicurezza scolastica è in gran parte ingiustificata. Secondo un rapporto pubblicato nel 2000, il rischio reale di essere uccisi dalla violenza a scuola è molto più basso del rischio di morire altrove. Anche se le sparatorie di massa sono triplicate dal 2011 al 2014, le sparatorie nelle scuole restano relativamente rare. Almeno, finora.

A prescindere dal fatto che le sparatorie a scuola siano in aumento, la percezione diffusa rimane che le scuole sono luoghi non sicuri per gli studenti, specialmente negli Stati Uniti. Un sondaggio di opinione riporta che il 71% degli intervistati ritiene che sia probabile una sparatoria nella propria comunità. Gran parte del panico sulla sicurezza scolastica deriva dalle storie dei media sui tiratori di scuola come Adam Lanza, Eric Harris e Dylan Kleebold, nonché sulla percezione generale che le scuole siano mal preparate a proteggere gli studenti quando queste tragedie accadono.

Sulla scia della sparatoria di Sandy Hook, sono state approvate leggi che chiedevano maggiori misure di sicurezza per le scuole in dozzine di stati e comunità statunitensi in tutto il paese hanno speso milioni di dollari per rafforzare la sicurezza scolastica. Ciò include l'installazione di metal detector, serrature elettroniche, vetri antiproiettile, allarmi anti-intrusione e videocamere di sicurezza per tenere sotto controllo continuo la scuola. Nuove politiche di "tolleranza zero" sono diventate più comuni nel trattare con gli studenti che hanno commesso infrazioni varie come portare un penne a penna a scuola. I funzionari scolastici sono anche molto più inclini a chiamare la polizia e far arrestare questi studenti di quanto non siano stati in passato.

Ma un approccio di sicurezza ancora più controverso implica la formazione degli studenti direttamente su come rispondere a un tiro a scuola. Alcuni distretti scolastici hanno organizzato sessioni di formazione "dal vivo" organizzate dalla sicurezza del campus con studenti come "attori" insieme a finti colpi di pistola e sangue finto. Uno dei nuovi programmi più completi disponibili è noto come ALICE (Alert-Lockdown-Inform-Counter-Escape) in cui gli studenti sono addestrati a seguire una serie di linee guida per affrontare una situazione di tiro. L'addestramento ALICE è disponibile per scuole e college K-12 ed è stato sviluppato da un ufficiale di polizia Greg Crane sulla scia di Columbine per aumentare la sicurezza scolastica. Alcuni degli allenamenti di ALICE, tra cui uno dei passi che gli studenti sono addestrati a seguire, "Counter", è particolarmente controverso in quanto implica che gli studenti "sciamano" un uomo armato per rimuovere la minaccia, qualcosa che la maggior parte delle forze dell'ordine sconsiglia, tranne che come ultimo ricorrere.

Sono disponibili anche video di addestramento progettati per addestrare gli studenti a rispondere a una situazione di tiro a scuola. Uno di questi video, Shots Fired: When Lightning Strikes, è un video di allenamento di 20 minuti preparato dal Centro per la protezione e la sicurezza personale. Pubblicizzato come un modo per "potenziare le persone con conoscenze e strategie per prevenire e sopravvivere a una situazione di sparatutto attiva", il video viene venduto a $ 700 ($ 1500 per una licenza universitaria).

È difficile dire con certezza quanto sia comune il tirocinio attivo o quanto le scuole e le scuole stanno spendendo per fornirlo. Tuttavia, un sondaggio realizzato poco dopo le riprese di Virginia Tech suggerisce che oltre la metà di tutti i campus universitari fornisce una qualche forma di addestramento per "personale non addetto alla sicurezza" (professori, personale o studenti). Per i college che hanno avuto un incidente di tiro negli ultimi anni, oltre il 70 percento fornisce formazione. Ma quanto è efficace questo allenamento? E il costo è effettivamente giustificato in un'epoca in cui i budget scolastici sono in diminuzione?

Anche per le scuole che hanno fornito una qualche forma di formazione, determinare se effettivamente aiuta a proteggere il personale e gli studenti dal male sembra discutibile Nonostante ciò, centinaia di migliaia di studenti sono ora obbligati a guardare video di formazione o partecipare a una formazione più completa in quel momento. -potrebbe che possa funzionare nel prevenire i decessi Anche se gli studenti sono già passati attraverso esercitazioni di emergenza per insegnare loro a fronteggiare il fuoco o disastri naturali, alcuni studi suggeriscono che l'addestramento sparatutto attivo potrebbe effettivamente fare più male che bene, soprattutto se aumenta la paura di essere vittima.

Uno studio del 2010 condotto da Robert Kaminski e da un team di ricercatori di criminologia mostra che l'aumento della paura derivante da questo tipo di traning può influire sulla volontà degli studenti di partecipare alle attività del campus in generale. Come sottolineano gli autori, "invece di far sentire gli studenti più sicuri riguardo a ciò che li circonda, queste nuove politiche possono, di fatto, rendere gli studenti più paurosi e meno impegnati nei loro campus universitari" Insieme al trauma generale associato all'attività di tirocinio attivo, c'è anche la vera preoccupazione dell'effetto copione che potrebbe ispirare studenti in difficoltà a imitare i tiratori di scuola precedenti. I video di formazione potrebbero innescare un aumento delle sparatorie a scuola?

Un nuovo studio di ricerca pubblicato nel Journal of Threat Assessment and Management valuta un video di formazione popolare e il suo impatto psicologico su un campione di studenti universitari comunitari. Jillian Peterson della Minnesota's Hamline University e un gruppo di colleghi ricercatori hanno reclutato 197 studenti in un college della comunità del Midwest e hanno fatto compilare una serie di questionari online. Questi questionari misuravano la depressione generale e l'ansia così come la paura generale delle sparatorie a scuola e quanto erano preparati a sentirsi se si verificassero delle sparatorie nel campus. Hanno anche risposto alle domande sull'efficacia generale delle diverse strategie per mantenere gli studenti al sicuro nel campus.

Dopo aver completato questi questionari, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una delle due condizioni sperimentali che sono state completate online. Il primo gruppo di 97 partecipanti (il gruppo sperimentale) ha visto il video Shots Fired: When Lightning Strikes mentre il secondo gruppo di 100 partecipanti (il gruppo di controllo) ha visto il documentario della PBS Frontline Raising Adam Lanza. Nel primo video di venti minuti, gli attori rievocano una sparatoria a scuola per dimostrare cosa dovrebbero fare gli studenti quando succede. Il secondo video si occupa anche di riprese a scuola, ma è notevolmente meno grafico e ha principalmente lo scopo di presentare l'argomento in modo più informativo. Dopo aver visto uno dei due video, i partecipanti hanno poi completato gli stessi questionari di prima per vedere eventuali cambiamenti avvenuti.

I risultati hanno mostrato che guardando entrambi i video i partecipanti si sono sentiti più preparati per le riprese a scuola, ma hanno anche aumentato la loro paura di essere vittime. Le donne in particolare tendono ad avere più paura degli sparuti rispetto agli uomini e hanno riferito di sentirsi meno preparate a rispondere a loro. Guardare il video di allenamento ha aumentato il livello di paura delle donne per le sparatorie a scuola, ma non ha avuto lo stesso impatto sugli uomini. Tuttavia, sia le donne che gli uomini hanno riferito di sentirsi più preparati a rispondere alle riprese della scuola dopo aver visto il video di allenamento.

Mentre questo studio suggerisce che i video di formazione possono essere utili per far sì che gli studenti si sentano meglio preparati per una sparatoria a scuola, ciò non equivale a dimostrare che sono effettivamente preparati. Inoltre, poiché questo è uno studio di una volta, non c'è modo di dire per quanto tempo i benefici di guardare un video come questo possono durare. Anche se guardare un video di formazione sulle riprese scolastiche può avere qualche beneficio in termini di rendere gli studenti più consapevoli, ci sono anche importanti inconvenienti a questo tipo di allenamento.

Nonostante il clamore dei media che circonda le sparatorie, rimangono estremamente rari. Per esempio, le probabilità di morire in una scuola sono ancora molto inferiori a morire in un incidente d'auto. Fornire un tirocinio per gli studenti può anche dare loro una falsa percezione del livello di pericolo reale che affrontano. Ancora più controverso è la questione se questo tipo di formazione debba essere fornita anche agli studenti più giovani, forse anche agli studenti delle scuole elementari.

Quindi gli studenti dovrebbero ricevere una formazione sparatutto attiva? I budget scolastici limitati significano che il denaro speso per questo tipo di formazione verrà sottratto ad altri programmi potenzialmente più efficaci. Questo include risorse per la salute mentale che potrebbero aiutare a prevenire le sparatorie a scuola in primo luogo. Identificare e disinnescare il tipo di problemi che potrebbero portare gli studenti a diventare tiratori, inclusi bullismo e problemi psichiatrici, è probabilmente un approccio molto più efficace per mantenere i bambini al sicuro.

Concentrarsi sulle sparatorie a scuola ignorando la loro causa non farà sparire il problema.

Solutions Collecting From Web of "Gli studenti dovrebbero essere addestrati per rispondere alle riprese scolastiche?"