Gli studenti che difendono le vittime di bullismo diventano più popolari

I bulli prosperano quando gli spettatori non fanno nulla

I bulli non operano in privato. Amano un pubblico, preferibilmente un pubblico di sostenitori che vedono l'aggressività di uno spaccone come uno sport da spettatore. Eppure anche passanti passanti, che vengono spesso scambiati per gli entusiasti del bullismo, promuovono le conseguenze sociali tossiche di questo comportamento pericoloso, a volte mortale.

Swearer e Hymel in "Understanding the Psychology of Bullying" (2015) lo descrivono come "una forma unica ma complessa di aggressività interpersonale". [I] Descrivono giustamente non solo una relazione tra un bullo e la vittima, ma un gruppo evento che si verifica in un contesto sociale in cui molteplici fattori operano per "promuovere, mantenere o sopprimere tale comportamento".

Uno di questi fattori è la presenza di altri che sono in grado di rallegrare il bullo o di intervenire a nome della vittima. Tale intervento è assolutamente necessario, dato che le famiglie e persino i funzionari scolastici hanno un controllo limitato sul comportamento di bullismo, in particolare quando accade dopo la scuola e fuori dal campus. Tuttavia, ci sono comunque dei passi che possono prendere.

La scuola come zona sicura: cultura dell'empowerment

Sebbene i genitori possano creare l'ambiente domestico più solidale che un adolescente possa desiderare, hanno un controllo limitato su ciò che accade a scuola. Fortunatamente, gli amministratori scolastici stanno diventando sempre più interessati a creare e mantenere una zona priva di bullo per gli studenti. Questo impegno include una maggiore consapevolezza e percezione del comportamento a scuola.

I distretti possono prendere provvedimenti per valutare la frequenza e la gravità del bullismo valutando in modo proattivo la situazione nella loro area. Possono raccogliere dati locali e collaborare con i partner della comunità, le forze dell'ordine e i genitori, per raccogliere le informazioni necessarie.

Le scuole possono anche combattere contro il bullismo creando un clima scolastico positivo in cui i giovani si sentono connessi e al sicuro. Possono attuare politiche anti-bullismo e fornire formazione per il personale e gli studenti per aumentare il riconoscimento del comportamento di bullismo e apprendere i metodi migliori per intervenire o segnalarlo.

Nel sensibilizzare e sostenere gli sforzi antibullismo, le scuole possono ottenere l'aiuto di studenti, docenti, tutor per adulti e la comunità in generale. [Ii]

Tuttavia una delle componenti più significative di una campagna antibullismo è un impegno per l'intervento. Gli sforzi per fermare il bullismo dovrebbero scoraggiare gli spettatori e incoraggiare la protezione delle vittime.

Il bullismo non è uno spettatore Sport: non essere un astante

La maggior parte delle persone ha assistito a un episodio di bullismo. La parola chiave è testimoniata . Sfortunatamente, data la prevalenza del bullismo nelle scuole di oggi, la maggior parte dei testimoni sono spettatori, non soccorritori.

Swearer e Hymel (2015) discutono sul ruolo dell'influenza dei pari sul bullismo, osservano che gli astanti spesso rispondono in modi che incoraggiano, piuttosto che scoraggiare, il bullismo. Questo include passivamente il comportamento di bullismo, che può essere interpretato come condonare il bullismo. Osservano che gli astanti sono considerati una risorsa critica nel tentativo di fermare il bullismo e il sostegno tra pari è una componente importante degli sforzi antibullismo nelle scuole.

Molti adolescenti hanno paura di intervenire nel comportamento di bullismo degli altri o di attaccare una vittima vittima di bullismo per paura di compromettere il proprio status sociale. Tuttavia, alcune ricerche indicano che gli studenti che si attaccano alle vittime possono effettivamente diventare più popolari.

Supereroi della scuola: la difesa delle vittime di bullismo può aumentare la popolarità

Un recente studio di ven der Ploeg et al. (2017) hanno studiato la dinamica del bullismo tra i bambini delle scuole elementari finlandesi nei gradi da 4 a 6, in relazione alla popolarità. [Iii] Pur riconoscendo la sfortunata realtà che la maggior parte degli studenti non difendono vittime di bullismo, hanno scoperto che gli studenti che lo hanno fatto sono diventati più popolari. Non hanno trovato alcuna differenza tra i difensori che erano stati vittime di bullismo e quelli che non l'avevano fatto.

Swearer e Hymel notano anche che le persone che difendono le vittime di bullismo sono di solito più popolari e più gradite alle vittime, così come al gruppo di pari. Suggeriscono che un alto status sociale può generare la fiducia necessaria per intervenire per proteggere le vittime del bullismo senza preoccuparsi di ritorsioni.

Supereroi della scuola salvano vite

I bulli dovrebbero essere individuati e fermati. Gli adolescenti che intervengono nel comportamento di bullismo fanno più che permettere a una vittima di salvare la faccia, possono salvare la vita di una vittima. Difendere le vittime aumenta la consapevolezza, ispira gli altri a seguire il tuo esempio e scoraggia il comportamento di bullismo.

Circa l'autore:

Wendy Patrick, JD, PhD, è un procuratore di carriera, autore e esperto comportamentale. Lei è l'autrice di Red Flags: come individuare i frenemies, gli underminers e gli spietati (St. Martin's Press), e coautore della versione rivista del bestseller del New York Times , Reading People (Random House).

Tiene conferenze in tutto il mondo sulla prevenzione degli assalti sessuali, sulla psicologia dell'attrazione e sulla lettura delle bandiere rosse. Insegna inoltre violenza sul posto di lavoro e tutti gli aspetti della valutazione delle minacce ed è un Certified Threat Manager di Association of Threat Assessment Professionals. Le opinioni espresse in questa colonna sono le sue.

Trovala su wendypatrickphd.com o @WendyPatrickPhD.

Riferimenti

[i] Susan M. Swearer e Shelley Hymel, "Capire la psicologia del bullismo: muoversi verso un modello socio-ecologico di stress-diatesi", lo psicologo americano 70, n. 4 (2015): 344-353.

[ii] Per ulteriori informazioni, consultare https://www.stopbullying.gov/prevention/training-center/hrsa_guide_schoo…

[iii] Rozemarijn van Der Ploeg, Tina Kretschmer, Christina Salmivalli e René Veenstra, "Difendere le vittime: cosa serve per intervenire nel bullismo e in che modo viene ricompensato dai pari?" Journal of School Psychology 65 (2017): 1- 10.

Solutions Collecting From Web of "Gli studenti che difendono le vittime di bullismo diventano più popolari"