Gli Stati Uniti dovrebbero limitare l'immigrazione?

Recenti dibattiti sulla nuova legge sull'immigrazione dell'Arizona hanno messo in evidenza che le restrizioni dell'immigrazione sono una buona politica, con l'unica questione di stabilire quale livello di governo dovrebbe applicare la legge e come. Eppure il caso delle restrizioni sull'immigrazione è tutt'altro che convincente.

I sostenitori di queste restrizioni si basano su quattro possibili argomenti. Innanzitutto, l'immigrazione diluisce le lingue, le religioni, i valori familiari, le norme culturali e così via. In secondo luogo, gli immigrati si riversano in paesi con generosi programmi di assistenza sociale, che portano a baraccopoli urbane e reti sociali inondate. In terzo luogo, l'immigrazione può danneggiare il paese di provenienza se gli immigrati in partenza sono lavoratori altamente qualificati. In quarto luogo, l'immigrazione riduce il reddito dei lavoratori nativi e con poche abilità.

Tutti questi argomenti sono sbagliati, esagerati o fuorviati. L'immigrazione può cambiare i valori o le norme culturali, ma nulla suggerisce che sia negativo. Molte società prosperano perché hanno incorporato nuove imprese, culture, alimenti e così via. Ancora più importante, gli immigrati normalmente assimilano la cultura preesistente a condizione che la politica del governo non li separi dal resto della società. In passato i paesi ricchi hanno incorporato ampi flussi migratori con modesti costi di adeguamento. Molti di questi immigrati vivevano in condizioni difficili all'inizio, ma all'interno di una generazione hanno raggiunto lo status di classe media o meglio.

La possibilità che l'immigrazione faccia pressione sullo stato sociale è una preoccupazione ragionevole, sebbene le prove esistenti non suggeriscano che questo è un problema grave. In ogni caso, la possibilità che una generosa rete di sicurezza sociale incoraggi l'immigrazione è un motivo per moderare questa rete di sicurezza, piuttosto che una ragione per limitare l'immigrazione. In effetti, l'espansione dell'immigrazione potrebbe creare pressione per mantenere il welfare state modesto.

Il rischio che l'immigrazione prosciughi manodopera altamente qualificata dai paesi poveri è reale, ma questo tipo di immigrazione ha impatti positivi sul paese d'origine che mitigano i negativi. La possibilità di migrare in un paese ad alto salario genera un incentivo per acquisire istruzione, e solo alcuni di coloro che sono stati educati lasciano effettivamente. La minaccia di una fuga di cervelli spinge i paesi poveri lontano dalle cattive politiche – come le aliquote fiscali eccessive – che generano la fuga dei cervelli in primo luogo. Molti immigranti inviano rimesse ad amici o parenti nel loro paese di origine. Inoltre, se i confini fossero veramente aperti, molti immigrati avrebbero cercato istruzione all'estero, ma sarebbero tornati nel loro paese d'origine, sapendo che se ne sarebbero andati se i fattori economici fossero stati dettati. Allo stesso modo, con frontiere aperte molti immigrati perseguono soggiorni temporanei in paesi con salari più alti. La migrazione temporanea è comune in molti paesi, ed era comune negli Stati Uniti prima del rafforzamento delle norme sull'immigrazione negli anni '10 e '20. La migrazione temporanea solleva meno preoccupazioni standard rispetto alla migrazione permanente, mentre aiuta ancora molte persone nei paesi a basso salario.

La preoccupazione per i poveri, supponendo che ciò includa i poveri in altri paesi, sostiene un'immigrazione enormemente ampliata poiché molti potenziali immigranti sono molto più poveri dei nativi di cui potrebbero deprimere i salari. Solo una visione bizzarra dell'equità favorisce le persone che guadagnano il salario minimo nei paesi ricchi per le persone che hanno fame nei paesi in via di sviluppo.

La conclusione che le frontiere aperte è la migliore politica di immigrazione è tanto più forte perché i tentativi di limitare l'immigrazione hanno i loro negativi. Questi includono i costi diretti dei controlli alle frontiere, la creazione di un mercato nero violento per l'immigrazione e incentivi alla corruzione. Inoltre, l'immigrazione potrebbe avere effetti benefici sulla produttività promuovendo la concorrenza e introducendo nuove idee, approcci, modelli di business, prodotti e così via. Allo stesso tempo, molte persone nei paesi di accoglienza godono dell'influenza delle nuove culture. Gli immigrati lavorano anche in posti di lavoro per i quali l'offerta nativa è piccola.

Le persone ragionevoli possono sostenere che l'immigrazione dovrebbe aumentare gradualmente per moderare i costi di transizione. Ma ogni ragionevole bilanciamento implica un'immigrazione ampiamente espansa rispetto ai livelli attuali. Ciò migliorerebbe molto il benessere delle persone povere di altri paesi rispetto agli aiuti stranieri.

Solutions Collecting From Web of "Gli Stati Uniti dovrebbero limitare l'immigrazione?"