Gli sport sono giochi giocati da umani

E 'stato un recente gioco di spareggio della NHL che alla fine mi ha fatto superare – l'ho avuto con il replay al rallentatore istantaneo nello sport. Stavo assistendo ad una partita serrata (la squadra di casa era in testa per uno nel 3 ° periodo) e ho giocato a ritmo vertiginoso. È stato un esaltante esempio dell'entusiasmo che puoi provare semplicemente osservando le incredibili imprese degli altri. E per rendere le cose migliori per gli osservatori non impegnati (non mi importava chi ha vinto ma si divertiva a guardare), i visitatori hanno segnato per pareggiare!

O lo hanno fatto? Una "sfida da allenatore" è arrivata suggerendo che il gioco era in fuorigioco e quindi l'obiettivo non dovrebbe essere contato. Quindi era fuori campo? Il guardalinee pensava che fosse in-on in quanto nessun fischio era saltato. Inserisci replay istantaneo e interminabile movimento lento della squadra in attacco avanti e indietro, avanti e indietro ancora più lentamente, avanti e indietro su una scala temporale apprezzata solo dagli insetti più piccoli, tutti a rivelare … che non era chiaro ma certamente c'era nessuna prova per fuorigioco. L'obiettivo si fermò e il gioco proseguì.

Ma perché abbiamo dovuto affrontare l'esame minuzioso di una lama da skate che potrebbe (o meno) avere la larghezza di un lato di carta spenta? I funzionari sul ghiaccio pensavano che ci fosse un problema e, cosa più importante, nessuno dei giocatori sul ghiaccio era preoccupato. Eppure eravamo tutti lì, in ostaggio della tecnologia.

Possiamo incolpare molto di questo su George Retzlaff. Nel 1955, Retlzaff lavorava come produttrice nello spettacolo "Hockey Night in Canada" della CBC (lo show continua ed era, in effetti, quello che stavo guardando quando andai fuori dal …) quando inventò e creò un replay istantaneo di un obiettivo per la trasmissione televisiva.

Ma probabilmente non dovremmo incolpare Retzlaff. Non ha preso le cose al prossimo passo che causa tutti i problemi (a mio avviso), quello del replay al rallentatore. Devo ammettere che non mi importa se abbiamo dato una rapida occhiata a un evento in un gioco per confermare problemi che gli stessi funzionari non sono sicuri. Nell'hockey, il disco entra nella rete o rimbalza sul palo, nel calcio la palla ha attraversato la linea di porta, o nel baseball la palla ha colpito il palo fallo nel baseball? Queste sono tutte domande ragionevoli e avere un'altra possibilità di vedere le cose è almeno percepire la realtà negli stessi termini con cui si è evoluta inizialmente.

Invece, quello che spesso otteniamo è il movimento lento, riproduzione fotogramma per fotogramma (avanti e indietro) per dirci qualcosa che non avremmo potuto notare in tempo reale, non importa quante volte ci è stato mostrato. Questo perché i nostri sistemi percettivi operano in tempo reale. Noi, umani, ci siamo evoluti in due tempi per apprezzare il mondo che ci circonda. Il primo a cui siamo tutti bravi è in genere su una scala temporale di secondo-secondo. Abbiamo difficoltà a risolvere le differenze tra una performance, un movimento o una mossa inferiore a un secondo. Ecco dove una seconda specie di orologi percettivi sembra entrare in gioco. Ed è quello che di solito otteniamo con il replay istantaneo al rallentatore.

Di solito, le nostre percezioni di intervalli di tempo molto brevi (al centesimo di secondo) sono distorte. Ma si scopre che gli atleti altamente qualificati hanno anche orologi sub-secondissimi e percezioni del tempo molto allenati. In un articolo "Il tempo vola quando guardiamo un'azione sportiva" pubblicato in Experimental Brain Research, Yin-Hua Chen, Fabio Pizzolato e Paolo Cesari hanno studiato quanto gli atleti possano allenarsi per regolare la loro percezione di intervalli di tempo molto brevi.

Chen e colleghi hanno studiato un gruppo di atleti di salto con l'asta d'élite e li hanno identificati in immagini che erano familiari al loro sport (immagini di salto con l'asta), casuali o immagini di uno sport diverso (ad es. Scherma). Gli atleti sono stati esposti alle immagini per diversi intervalli di millisecondi e hanno chiesto di determinare i dettagli. Questi risultati sono stati confrontati con partecipanti di pari età senza esperienza di salto con l'asta.

Sorprendentemente questa ricerca (e successiva) mostra una certa "trainabilità" di intervalli di tempo inferiori al secondo. Gli atleti d'élite hanno nettamente sovraperformato i controlli di abilità percettiva chiaramente collegati ai propri background ed esperienze relative alle immagini mostrate. Chiaramente, la nostra pratica può migliorare le nostre percezioni anche a intervalli di tempo molto brevi e c'è una certa specificità in gioco.

Gli sport sono praticati all'aperto, al chiuso, sui campi, sull'acqua, nell'acqua, nell'aria, praticamente ovunque, ma non vengono riprodotti nelle scene del crimine. È tempo di respingere il replay istantaneo e la rievocazione al rallentatore. Sei un umano e percepisci il mondo in tempo reale. Voglio che passiamo da "fare bene" a "farlo correttamente come un essere umano potrebbe distinguere".

Quindi, con tutto questo in mente, mi piacerebbe lanciare un'idea per gli sport in cui il replay istantaneo è davvero, davvero usato (sì, sto guardando voi MLB e NFL). Voglio scappare da allenatori o manager che chiedono ripetizioni. Invece, deve essere avviato dai giocatori, quelli con la migliore capacità percettiva per rilevare i dettagli di tempo e movimento. Questo ha senso dal momento che sono quelli che stanno effettivamente giocando, ma anche perché i loro cervelli sono meglio sintonizzati sull'azione a portata di mano, non importa dove o quando è giocata.

(c) E. Paul Zehr (2017)

Solutions Collecting From Web of "Gli sport sono giochi giocati da umani"