Gli psicopatici sono davvero più intelligenti del resto di noi?

Pressmaster/Shutterstock
Fonte: Pressmaster / Shutterstock

Quando i laici pensano a uno psicopatico, possono, abbastanza ragionevolmente, pensare a qualcuno che è potenzialmente molto pericoloso, o addirittura malvagio. Eppure possono anche immaginare qualcuno che è molto intelligente . Tuttavia, la ricerca dimostra che gli psicopatici non hanno più probabilità di essere molto intelligenti rispetto alla persona media. Quindi perché si verifica questo equivoco? La cultura popolare, con i suoi frequenti ritratti di personaggi del "genio del male", può essere in parte la colpa. Eppure questo equivoco potrebbe anche riflettere qualcosa sul modo in cui le persone percepiscono la natura dell'intelligenza. Cioè, le persone possono associare l'alta intelligenza con la freddezza emotiva e il disprezzo per le norme sociali, indipendentemente dal fatto che ciò sia vero o meno.

La psicopatia è un disturbo di personalità associato a un'insensibilità estrema e una volontà di sfruttare gli altri e violare i loro diritti. Sebbene non tutte le persone che potrebbero essere considerate psicopatici commettano crimini, hanno tassi di criminalità e violenza notevolmente più alti rispetto ad altre persone.

I laici tendono ad avere una serie di idee sbagliate sui disturbi psicologici, e questo sembra applicarsi anche alla loro comprensione della psicopatia. In uno studio, è stato chiesto alle persone di leggere una serie di affermazioni sulla psicopatia e valutare quanto concordavano sul fatto che ogni affermazione fosse vera (Furnham, Daoud, & Swami, 2009). Molti partecipanti erano probabilmente d'accordo con affermazioni come "Gli psicopatici sono spesso molto intelligenti" e "Gli psicopatici sono molto socialmente competenti e competenti nella maggior parte delle situazioni sociali." Quest'ultima affermazione contiene un granello di verità: gli psicopatici tendono ad essere socialmente audaci e molto fiduciosi, e possiedono un fascino superficiale che usano per manipolare gli altri. Tuttavia, non ci sono prove che siano più propensi ad essere molto intelligenti rispetto alla persona media. Una revisione degli studi ha rilevato che la correlazione tra psicopatia e intelligenza è quasi pari a zero, suggerendo che la maggior parte delle persone con tratti psicopatici non sono né molto intelligenti né particolarmente noiose (O'Boyle, Forsyth, Banks e Story, 2013).

In un altro studio, è stato chiesto alle persone che partecipavano a una giuria di valutare la loro percezione di un imputato in un processo per omicidio basato su un breve riassunto del caso (Edens, Clark, Smith, Cox e Kelley, 2013). I partecipanti hanno valutato l'imputato in base alla forza con cui possedevano 20 tratti psicopatici, derivati ​​dalla Psicopatia Checklist Revised (PCL-R), utilizzata dagli psicologi per valutare la psicopatia. Il PCL-R valuta due ampi fattori di psicopatia: il fattore 1, chiamato psicopatia primaria, è associato a affetto superficiale, bassa empatia e freddezza interpersonale. Il fattore 2, chiamato psicopatia secondaria o ostile / reattiva, è associato a comportamenti aggressivi, impulsivi, antisociali e stili di vita socialmente devianti.

L'imputato era anche valutato su molte altre caratteristiche psicologiche e comportamentali, tra cui l'intelligenza, l'audacia, la pericolosità e il male. I partecipanti che hanno giudicato il difensore alto nei tratti psicopatici hanno anche avuto la tendenza a considerarlo estremamente audace, intelligente, pericoloso e malvagio. Ciò era vero per le valutazioni dell'imputato sui tratti del Fattore 1 (psicopatia primaria), sebbene non del tutto vero delle valutazioni dei tratti del Fattore 2 (psicopatia secondaria), che erano predetti da audacia, pericolosità e malvagità, ma non dall'intelligenza.

Le persone tendevano ad associare l'intelligenza con il Fattore emotivamente freddo 1, ma non con il Fattore 2 più emotivamente reattivo. Questo, nonostante il fatto che la vignetta del caso contenesse informazioni minime, con nulla che indicasse l'intelligenza (per esempio non c'erano informazioni sul conoscenze generali, abilità professionali o istruzione).

È interessante notare che ai partecipanti è stato anche chiesto chi è stata la prima persona (reale o di fantasia) a venire in mente quando hanno sentito la parola "psicopatico" o "sociopatico" e il 90% degli intervistati potrebbe identificare qualcuno in questa categoria. Le persone erano anche più propense a trarre esempi reali rispetto a quelli immaginari. La maggioranza identifica serial killer o omicidi di massa (ad esempio Charles Manson), mentre la successiva risposta più popolare riguarda figure politiche (ad esempio Hitler), mentre solo una piccola minoranza (8%) identifica un personaggio fittizio (ad esempio Hannibal Lecter).

Wikimedia commons
Un genio del male per eccellenza
Fonte: beni comuni di Wikimedia

Gli psicopatici tendono a essere freddi, emotivamente distaccati dagli altri, ei criminali con tratti psicopatici possono pianificare gravi crimini in modo calmo e calcolatore. Pertanto, presentano un'immagine di persone con cuori freddi e cervelli crudeli. Come discusso in un post precedente, quelli che si identificano con la testa tendono a considerarsi più logici e intellettuali, eppure sono anche emotivamente più freddi di quelli che si identificano con il proprio cuore. Inoltre, le persone che sono più nella loro testa tendono ad essere inferiori nella gradevolezza rispetto alle persone che hanno più nel loro cuore (Fetterman e Robinson, 2013).

La gradevolezza è un tratto della personalità associato alla preoccupazione per le altre persone; la psicopatia è costantemente associata alla scarsa gradevolezza (Decuyper, De Pauw, De Fruyt, De Bolle e De Clercq, 2009). Allo stesso modo, gli studi sull'intelligenza auto-valutata hanno scoperto che le persone che si considerano altamente intelligenti tendono ad essere poco gradevoli (Chamorro-Premuzic & Furnham, 2006; Chamorro-Premuzic, Furnham, & Ackerman, 2006). Ciò è piuttosto curioso, perché una revisione degli studi ha rilevato che l'intelligenza misurata oggettivamente non è correlata alla gradevolezza: la correlazione media tra i due è vicina allo zero (DeYoung, 2011). Ciò suggerisce che le persone a basso grado di gradevolezza tendono a sovrastimare quanto siano intelligenti in realtà, mentre coloro che sono in alto nella gradevolezza tendono ad essere più modesti e sottovalutano la loro vera capacità. Per essere onesti, la maggior parte delle persone probabilmente ha un'idea ragionevolmente precisa di quanto siano intelligenti, ma tale precisione può essere distorta in una certa misura dai tratti della personalità, in particolare dalla gradevolezza.

E come ho notato in un post precedente, ci sono alcune discrepanze tra i tratti della personalità che le persone tendono a considerare socialmente desiderabili e quelli che considerano intelligenti. Uno studio ha scoperto che le persone valutavano i tratti della fiducia, dell'onestà, della conformità e della modestia come socialmente desiderabili, tuttavia non consideravano questi tratti caratteristici delle persone intelligenti (Mõttus, Allik, Konstabel, Kangro, & Pullmann, 2008). Le persone con queste qualità possono essere generalmente considerate belle, ma non particolarmente intelligenti, indipendentemente dal fatto che ciò sia oggettivamente giustificato.

Ciò che questi studi suggeriscono è che, sebbene l'intelligenza sia molto apprezzata, i laici possono essere preoccupati che le persone altamente intelligenti siano più inclini al lato oscuro. Questo potrebbe aiutare a spiegare l'idea sbagliata secondo cui gli psicopatici sono molto intelligenti, anche se, ammettiamolo, questo è speculativo. Certamente, le persone di alta intelligenza hanno il potenziale per abusare dei loro doni per scopi nefandi: esistono geni malvagi. Forse allora potrebbe essere giusto dire che le persone altamente intelligenti non sono più propense di altre a trasformare il male, ma quando lo fanno, il loro potenziale per fare del male potrebbe essere amplificato a causa di una maggiore capacità mentale.

© Scott McGreal. Si prega di non riprodurre senza permesso. Brevi estratti possono essere citati a condizione che venga fornito un link all'articolo originale.

Altri post sulla psicopatia:

  • Qual è il legame tra eroismo e comportamento antisociale?
  • Cosa hanno in comune gli eroi e gli psicopatici?
  • L'intelligenza emotiva è rilevante per la psicopatia?

Altri post sull'intelligenza:

  • Cos'è una personalità intelligente?
  • Quando essere bello diventa un modo per essere intelligenti
  • The Illusory Theory of Multiple Intelligences
  • La personalità esperta
  • L'intelligenza e la politica hanno una relazione complessa

Credito d'immagine: Davros e Daleks visti nel Doctor Who Experience, Wikimedia Commons

Solutions Collecting From Web of "Gli psicopatici sono davvero più intelligenti del resto di noi?"