Gli investitori possono beneficiare di un effetto X-Mas del mercato azionario?

La psicologia del Natale presenta opportunità di investimento?

Gli investitori si sono a lungo interrogati sul cosiddetto “effetto festivo” sui mercati azionari di tutto il mondo – ma questo significa che puoi negoziare un “Effetto natalizio” e, se esiste, su che cosa si basa?

In una recente inchiesta intitolata “L’efficiente ipotesi di mercato e le anomalie del calendario: una revisione della letteratura”, Matteo Rossi dell’Università del Sannio in Italia, ha definito i cosiddetti “effetti delle vacanze” come accade nei mercati poco prima di una borsa prevedibile chiusura, a causa di un giorno festivo.

Risulta che questo sembra influenzare in modo affidabile l’andamento dei rendimenti azionari giornalieri. Lo studio pubblicato nella rivista accademica “International Journal of Managerial and Financial Accounting” sottolinea che nei giorni di negoziazione precedenti le festività, i mercati tendono a salire.

Alcuni studi esaminati da Rossi concludono che i rendimenti prima della vacanza sono 23 volte più alti dei rendimenti nei giorni normali. Uno studio condotto negli anni ’90 ha riscontrato un effetto pre-festivo affidabile in tutti e tre i principali mercati azionari degli Stati Uniti (NYSE, AMEX e NASDAQ), nonché in Giappone e nel Regno Unito.

La prevalenza di un simile effetto indica, secondo Matteo Rossi, che non si tratta di particolari disposizioni istituzionali proprie del mercato azionario di un determinato paese.

La ricerca nel Sud-Est asiatico ha anche rivelato la presenza di un “effetto Capodanno cinese”, riferito a rendimenti più elevati nei giorni immediatamente precedenti e, in alcuni casi, dopo il Capodanno lunare cinese.

L’effetto “vacanze” è stato confermato in Spagna, Nuova Zelanda e Australia. Si è persino scoperto che il calendario islamico ha un effetto stagionale sui rendimenti azionari di 12 paesi in cui i musulmani costituiscono la maggioranza della popolazione.

Questo è stato definito un “ritorno del Ramadan” e supera i rendimenti medi per gli altri mesi del calendario islamico in quattro paesi islamici.

George Marrett e AC Worthington dell’Università di Wollongong, in Australia, nel loro studio sull’argomento, sottolineano che alcune ricerche hanno persino dimostrato che l’effetto “vacanza” rappresenta circa il 30-50% del rendimento totale sul mercato statunitense in il periodo pre-1987.

Il loro studio intitolato “Una nota empirica sull’effetto vacanza nel mercato azionario australiano, 1996-2006”, sostiene che una spiegazione dell’effetto delle vacanze risiede probabilmente nella psicologia degli investitori.

Gli investitori acquistano azioni prima delle vacanze a causa di “buon umore” e “euforia festiva”?

Il loro studio incentrato sul mercato azionario australiano ha confermato un effetto festivo con rendimenti pre-festivi in ​​genere cinque volte superiori rispetto ad altri giorni. Un piccolo effetto collaterale è stato anche scoperto con rendimenti pre-festivi in ​​titoli a bassa capitalizzazione più di dieci volte più alti rispetto ad altri giorni di negoziazione.

Gli autori di questo studio concludono che è molto probabile che la forte stagionalità delle festività nel settore del commercio al dettaglio sia la ragione principale della stagionalità delle festività nel mercato e gli autori ritengono che al momento della stesura di questi rappresentino opportunità di profitto non sfruttate.

Lily Fang, Chunmei Lin e Yuping Shao dell’INSEAD e del MIT Sloan School of Management, Erasmus University e National University di Singapore, in un altro documento recente, documentano un nuovo modello di prezzo delle attività: a livello globale, i rendimenti a livello di mercato sono dallo 0,5% a 1 percentuale inferiore nei mesi dopo le vacanze scolastiche più importanti di altre volte.

Gli autori di questo studio sostengono che questa stagionalità dei rendimenti azionari è attribuibile all’inattenzione dell’investitore durante le vacanze, con conseguente lenta incorporazione di notizie negative.

In questo studio intitolato “Vacanze scolastiche e stagionalità del mercato azionario”, gli autori sottolineano che è stato ampiamente diffuso tra i commercianti di Wall Street che il mese di settembre, il mese dopo le vacanze scolastiche estive, è stato tradizionalmente il mese peggiore.

Gli autori sottolineano che questo “effetto settembre” è impressionante: dal 1896, il rendimento medio del Dow Jones per il mese di settembre è stato del -1,09%, mentre quello degli altri mesi è stato del +0,75%.

Gli autori sottolineano che la persistenza dell’effetto settembre è notevole: è l’unico mese ad avere un rendimento medio negativo per 20, 50 e 100 anni.

Questi autori sostengono che i rendimenti dei mercati azionari dopo le principali festività sono storicamente bassi perché durante le vacanze, il mercato è collettivamente meno attento alle notizie e, di conseguenza, le informazioni vengono incorporate lentamente nei prezzi. Questo effetto è particolarmente forte per le informazioni negative perché sfruttare le notizie negative è più difficile e richiede più attenzione, una scarsa risorsa cognitiva, che notizie positive.

Sembrerebbe che approfittare dell’effetto vacanza implichi il tipo di vigilanza durante la pausa che richiede agli investitori di non prendere una vacanza vera e propria.

Poi di nuovo forse il regalo più grande che puoi darti in questo momento è prendersi una pausa da quella incessante presa di opportunità che il resto dell’anno rappresenta.

Ma, ancora una volta, alcuni investimenti canny in questo momento, sfruttando il possibile “effetto festivo” nei mercati, potrebbero pagare quei costosi regali di Natale …

Bah Humbug!

Riferimenti

Una nota empirica sull’effetto vacanza nel mercato azionario australiano, 1996-2006 GJ Marrett, AC Worthington – Applied Economics Letters , 2009

L’efficiente ipotesi di mercato e le anomalie del calendario: una revisione della letteratura. M Rossi – International Journal of Managerial and Financial Accounting , 2015, vol. 7, nn. 3/4, 285-296

Vacanze scolastiche e stagionalità del mercato azionario. L Fang, C Lin, Y Shao – Gestione finanziaria, 2017

Solutions Collecting From Web of "Gli investitori possono beneficiare di un effetto X-Mas del mercato azionario?"