Gli impotenti non sono necessariamente puri

Non sono così entusiasta dell'idea che il potere corrompa e ne ho già discusso in una certa misura in un precedente post. La mia difficoltà con questa inquadratura è multipla. Per prima cosa, questo detto sostiene la convinzione diffusa che il potere sia cattivo in sé e per sé, una credenza che può solo portare a perpetuarsi, poiché manterrà molte persone lontane dal prendere il potere per timore di opprimere gli altri.

A mio avviso, l'entrata al potere non crea il desiderio fondamentale di avere le cose come nostre; fornisce solo l'accesso alle risorse che consentono di farlo. Nel processo, danno straordinario può essere fatto agli altri, a volte a milioni di altri. Qualunque sia la nostra sfera di influenza, e qualunque sia la nostra visione o gli obiettivi personali, il nostro potere ci dà accesso a risorse aggiuntive, e quindi può moltiplicare sia i nostri benefici che i nostri danni. Non c'è alcun sostituto per un'attenzione meticolosa agli effetti delle nostre azioni. Lo vedo come un'enorme sfida per arrivare al potere e vivere la sua responsabilità senza creare danni. Sono preoccupato, in parte, che meno di questo lavoro accadrà fintanto che continueremo a credere che la questione sia il potere piuttosto che ciò che facciamo con esso. La mia speranza rimane che tutti possiamo riconoscere che possiamo avere potere e ancora non usarlo sugli altri.

Un'altra difficoltà che vedo derivante dall'associare potere e cattiveria è la mossa corollaria di associare l'impotenza con la purezza. Non riesco a immaginare di trovare un modo per dirlo più chiaro di MLK:

Uno dei più grandi problemi della storia è che i concetti di amore e potere sono solitamente contrapposti come poli opposti. L'amore si identifica con una rassegnazione di potere e potere con una negazione dell'amore …. Ciò che è necessario è la consapevolezza che il potere senza amore è avventato e violento e che l'amore senza potere è sentimentale e anemico. La potenza al suo meglio è l'amore che realizza le esigenze della giustizia. La giustizia al suo meglio è l'amore che corregge tutto ciò che si oppone all'amore. (Da "Where We Go From Here?", Discorso del 1967).

Se l'impotenza è associata alla purezza, allora quelli senza potere sono, per necessità, migliori in un certo senso. Questa assenza di umiltà è uno dei motivi per cui vedo perché, quando in precedenza persone oppresse entravano al potere, spesso ricreavano ciò che era stato fatto loro. In realtà, non dobbiamo andare molto lontano. Ogni genitore era una volta un bambino con i propri genitori che, molto probabilmente, non gli lasciava molto potere. Come la ricerca sembra indicare, e molti, me compreso, credo sia profondamente vero, ogni volta che un genitore maltratta un bambino, possiamo supporre che in precedenza siano stati maltrattati. Non impegnarsi con gli effetti di essere impotenti e, soprattutto, negare gli effetti di impotenza interiorizzata sulla nostra capacità di prendere decisioni che prendono in considerazione gli effetti delle nostre azioni, può avere effetti seri e dannosi (vedi Power Under: Trauma and Nonviolent Social Change, di Steve Wineman).

La Nakba, 1948: i palestinesi espulsi da Israele.

L'esempio più doloroso per me è quello che è successo alla mia gente, gli ebrei, dopo molti secoli di oppressione e in particolare di mancanza di sovranità. Quando l'indipendenza politica ci diede improvvisamente lo stato di Israele, con essa venne la possibilità di opprimere gli altri. Proprio sulla scia dell'Olocausto, la generazione dei miei genitori ha partecipato all'espulsione di massa di centinaia di migliaia di palestinesi dalle loro case, a volte dopo molti secoli di vita lì. La mia generazione e oltre si impegnano in un'occupazione che priva i palestinesi di mezzi di sussistenza, indipendenza politica, spesso di sopravvivenza e quasi sempre di dignità. Devo ancora essere in grado di respirare a sufficienza quando contemplo questo giro di eventi. Sento un tremendo desiderio di allontanarmi e prendere le distanze, un grande fattore che è andato nella mia scelta di esilio per tutti questi anni. Resisto a questa attrazione, per quanto sia difficile sforzarmi di essere testimone di ciò che sta accadendo. Continuo a scegliere, per quanto posso, a gestire, internamente, il mio apprezzamento per alcuni aspetti della mia cultura, pur mantenendo nella stessa consapevolezza gli altri aspetti di quella stessa cultura che sono così dolorosi da conoscere. In qualunque misura lo faccio, espongo la mia capacità umana in me stesso – per mantenere la complessità, per tenere tutti con tenerezza, per avere empatia per molte forme di essere umano. Questo non è un compito facile.

Parte di ciò che rende questo tipo di situazioni così complesse è che le persone che vedo opprimere gli altri non pensano: "Oh, è così meraviglioso essere potenti e offensivi". Stanno pensando: "Oh mio Dio, siamo così minacciato. Siamo così in inferiorità numerica. Come può il mondo non vedere? Ce ne sono milioni e milioni, e siamo solo una piccola nazione povera che sta solo cercando di guadagnarsi da vivere, e sono anti-semiti quando ci chiamano razzisti. "Da dentro ha perfettamente senso. La paura e la preoccupazione non sono false. Le persone che vivono in Israele non sono focalizzate sul danno che stanno creando per palestinesi e beduini, per esempio. Sono concentrati sulla loro paura di ciò che i palestinesi e gli altri potrebbero fare per loro. Questa paura e ciò che vedo come una distorsione rendono gli israeliani più pericolosi che se sapessero di essere la nazione più potente del Medio Oriente, perché li rende meno propensi a vedere gli effetti delle loro azioni, e ancor meno è probabile che diventino proprietari e responsabilità oltre a giustificare le scelte fatte.

Il punto più alto di un allenamento che ho fatto per un gruppo di organizzatori sindacali è stato il momento in cui sono stati in grado di vedere e riconoscere che, se avessero avuto il potere, avrebbero trattato la gestione tanto malamente quanto la direzione li stava trattando. Questo esempio è la chiave per me per illustrare il motivo per cui dobbiamo fare il lavoro di trasformare i nostri giudizi e continuare a vedere l'umanità di tutti, compresi coloro le cui azioni deploriamo maggiormente. Quanto più esteso è il periodo di impotenza, tanto più importante è questo lavoro interiore. A meno che non siamo in grado di vedere l'umanità degli altri insieme alla guarigione dagli effetti dei nostri stessi traumi di impotenza, nulla ci proteggerà abbastanza da diventare oppressori se entriamo al potere.

Clicca qui per leggere le domande su questo post e unirti a noi per discuterle in una conference call martedì prossimo, 1 ottobre, 5: 30-7: 00 pm ora del Pacifico. Questo è un modo che puoi connettere con me e altri che leggono questo blog. Chiediamo $ 30 per partecipare alla chiamata, in base all'economia del regalo: quindi paga più o meno (o niente) come puoi e vuoi.

Solutions Collecting From Web of "Gli impotenti non sono necessariamente puri"