Gli "esperti" prendono davvero decisioni migliori di te?

Minerva Studio/Shutterstock
Fonte: Minerva Studio / Shutterstock

Mi piace il vino, ma non sono un intenditore. Ho letto le descrizioni sulle etichette; rendono l'esperienza del bere vino più esotica. Un cabernet sauvignon "porta aromi di prugne e cacao dando una buona struttura," mentre un merlot ha "aromi di frutta nera e setosità." Un chardonnay "mette in mostra sapori di pera matura e mela, accompagnati da note di vaniglia e un tocco di quercia “.

Non so cosa significhi. So solo cosa mi piace.

Nel loro nuovo libro, The Biased Mind , gli economisti francesi Jérôme Boutang e Michel De Lara descrivono il processo che gli esperti degustatori di vino attraversano per valutare la qualità di un'annata particolare. In primo luogo, eseguono un'ispezione visiva, rilevando il colore e la chiarezza del vino e assegnando un punteggio visivo su una scala da 0 a 100.

Successivamente, sentono l' odore del vino, attribuendolo a caratteristiche come "intensità", "frutto", "spezie" e "complessità", utilizzando la stessa scala 0-100. La media di questi numeri insieme forma un punteggio del naso .

Solo allora gli intenditori in realtà assaggiano il vino, valutandolo su qualità come "tannini morbidi", "concentrazione", "dolcezza", "equilibrio" e "fine". Ancora una volta, la media di queste valutazioni individuali produce un punteggio alla bocca .

Mentre l'aspetto, l'aroma e il palato sono i tre aspetti che gli assaggiatori di vino considerano, questi non guadagnano la stessa importanza. Invece, gli esperti moltiplicano ogni valutazione di una percentuale: 25% per il punteggio visivo, 25% per il punteggio del naso e 50% per il punteggio della bocca. Quindi aggiungono questi punteggi ponderati per ottenere un punteggio complessivo.

Utilizzando questo processo, gli intenditori arrivano a valutazioni molto simili per lo stesso vino. Potresti pensare che un tale processo intenzionale aiuti gli intenditori a orientarsi verso una valutazione accurata. Tuttavia, quando gli esperti degustatori di vini danno semplicemente la loro prima impressione di un vino particolare sulla stessa scala 0-100, tendono anche ad essere d'accordo l'uno con l'altro. Inoltre, queste valutazioni spur-of-the-moment, o "edonistiche", sono solitamente vicine ai punteggi risultanti da un'attenta analisi.

Allora perché perdere tempo con la scheda punteggio?

Il processo di valutazione riflette la complessa struttura della conoscenza che gli intenditori hanno del vino. Tuttavia, questi risultati suggeriscono che gli esperti usano davvero le loro intuizioni per giudicare il vino in entrambi i casi. È solo che hanno anche il vocabolario per razionalizzare quelle intuizioni.

Tuttavia, si potrebbe obiettare, sicuramente una vasta esperienza ha affinato le intuizioni degli esperti. Non esserne troppo sicuro. Quando ai bevitori di vino dilettanti viene chiesto di valutare un'annata con la stessa scala 0-100, danno punteggi simili a quelli degli esperti.

Se diciamo ai dilettanti che gli esperti valutano il vino sull'aspetto, sull'aroma e sul palato, anche loro possono valutare queste tre caratteristiche. Tuttavia danno a ciascuno dei pesi diversi, in genere circa il 10% per la vista, il 20% per il naso e il 70% per la bocca. Tuttavia, quando calcolano i punteggi, ottengono una valutazione molto simile a quella che un esperto avrebbe dato.

Quindi, potresti chiedere, gli esperti sanno davvero qualcosa di diverso rispetto al resto di noi?

In effetti, gli esperti sanno molto. Per prima cosa, capiscono che l'aspetto e l'aroma influenzano la nostra esperienza di gusto più di quanto un dilettante possa assumere. Ciò non sorprende gli psicologi cognitivi, i quali sanno che la nostra percezione del mondo implica una fusione dei sensi, con l'influenzare l'altro in misura significativa. Gli esperti possono anche identificare molti aspetti sottili dell'aspetto, dell'aroma e dell'esperienza orale di un vino a cui il dilettante è ignaro.

La ricerca nell'area del giudizio e del processo decisionale ha da tempo dimostrato che gli esperti sono altrettanto suscettibili ai pregiudizi cognitivi dei non esperti. Indipendentemente dai processi decisionali formali che mettiamo in atto, alla fine … andiamo con il nostro istinto. Qualunque cosa la matematica dice, la decisione deve ancora avere ragione.

Allora abbiamo anche bisogno di fare affidamento su esperti per prendere decisioni? Come sottolineano Boutang e De Lara, gli esperti conoscono molto il loro campo. In particolare, hanno un buon senso di quali variabili sono importanti e quali non sono nel prendere una decisione. Ad esempio, i medici generalmente sanno quali sintomi considerare in una diagnosi.

Tuttavia, gli esperti non sono molto bravi a pesare più variabili simultaneamente, cosa che è spesso necessaria nel complesso processo decisionale. Quindi, un modello matematico abbastanza semplice, la regressione lineare, invariabilmente punta a una decisione migliore di quella che può fare un gruppo di esperti. In breve, abbiamo bisogno che gli esperti indichino le variabili rilevanti, ma saremmo ben serviti contando su un computer per scricchiolare i numeri su quelle variabili.

Ad esempio, Boutang e De Lara considerano la selezione del personale. L'intuizione ci dice che i datori di lavoro hanno almeno bisogno di intervistare una breve lista di candidati. Eppure indicano ricerche che dimostrano che questo "tocco umano" è difettoso. Non appena incontriamo le persone faccia a faccia, emergono ogni sorta di pregiudizi cognitivi. Siamo molto più bravi a valutare i candidati in base a un elenco di variabili oggettivamente quantificabili, come anni di istruzione, numero di progetti completati, e così via. sopra.

A tutti noi piace pensare a noi stessi come esperti in un settore o in un altro. Eppure una maggiore conoscenza non significa un migliore processo decisionale; significa solo migliore razionalizzazione delle nostre intuizioni. Abbiamo perfezionato queste intuizioni durante gli eoni trascorsi come cacciatori e raccoglitori nella savana africana, ma non sempre ci stanno bene nel nostro stile di vita moderno.

Non dovremmo mai dimenticare che l'autista della nostra mente di intenditore è un cervello di uomo delle caverne.

Riferimento

Boutang, J. & De Lara, M. (2016). La mente prevenuta: come l'evoluzione ha plasmato la nostra psicologia, inclusi aneddoti e suggerimenti per prendere decisioni valide . Cham, Svizzera: Springer.

David Ludden è l'autore di The Psychology of Language: An Integrated Approach (SAGE Publications).

Solutions Collecting From Web of "Gli "esperti" prendono davvero decisioni migliori di te?"