Gli effetti collaterali ne valgono la pena?

Adderall è stato usato come farmaco per i bambini con ADHD, e in qualche modo trasformato in un farmaco ricreativo preso da adolescenti che si sono serviti per i farmaci del fratello più giovane. Ora gli adulti lo usano, e non è perché sono iperattivi. Sono iper-preoccupati di pesare troppe once per adattarsi a un abito da ballo oa jeans attillati. L'additivo funziona come altri farmaci simili alle anfetamine come la fentermina, diminuendo l'attività alimentare e stimolante. La combinazione risultante di assenza di appetito, insieme all'essere nervosi e agitati (alcuni degli effetti collaterali delle anfetamine), fanno miracoli per "sciogliersi" senza peso. Quando l'esercizio e l'autodisciplina sull'assunzione di cibo inizia a rallentare o diventare noioso, alcuni cinici credono che non ci sia nulla di meglio di un buon stimolante per rimettere in moto la dieta.

Le persone non raccolgono Adderall agli angoli delle strade o nei parchi giochi. Piuttosto, stanno andando in cliniche gestite da medici in tutto il paese, dove i medici prescrivono questo farmaco da solo o in combinazione con antidepressivi come il Prozac. Questo uso di tali farmaci è definito "off-label", il che significa che non ci sono studi clinici che dimostrino l'efficacia, gli effetti collaterali oi risultati a lungo termine se usati per condizioni mediche per le quali non sono mai stati testati. Ma dal momento che questi farmaci hanno superato l'esame della FDA quando sono stati valutati per l'uso in altre condizioni mediche, il medico è autorizzato a prescriverli per altri usi.

E sono sovraprescritti. Secondo le linee guida FDA, la fentermina, uno stimolante simile all'anfetamina che non dovrebbe essere usato per più di 12 settimane a causa del suo potenziale di dipendenza, viene ora combinato con antidepressivi come un potente preparato per perdere peso. Gli antidepressivi spesso non hanno alcun effetto sulla perdita di peso e quando usati da soli sono spesso associati all'aumento di peso. Ma gli antidepressivi migliorano l'umore, possono diminuire l'ansia e anche migliorare i sintomi della PMS grave e della fibromialgia. Le anfetamine, oi loro primi cugini come phentermine, eliminano la voglia di mangiare; anche se una volta che non vengono più presi, potrebbe verificarsi un abbuffata. Quindi, che grande idea: una pillola anti-fame combinata con una pillola buonumore … Sembra una ricetta perfetta per la perdita di peso.

Ma è così? Tutti questi farmaci hanno effetti collaterali e Adderall, phentermine e farmaci simili stimolanti, possono diventare dipendenza in poche settimane. Allucinazioni, anormali ritmi cardiaci e intorpidimento delle estremità sono anche effetti collaterali poco noti. Gli antidepressivi hanno i loro effetti collaterali. (Nel film "Silver Linings Playbook", i due personaggi principali in una scena molto divertente recitano alcuni di loro.) Eppure il ritiro dalle droghe simili alle anfetamine è particolarmente spiacevole, perché oltre alla tendenza a mangiare tutto ciò che non è legato verso il basso, le persone sentono una schiacciante sfinimento. Questa, ovviamente, è una prescrizione perfetta per l'aumento di peso. E così un circolo vizioso può insinuarsi e sembrare intrattabile, frustrando i più motivati ​​dieter venduti questo disegno di legge.

Le persone che hanno una grande quantità di peso da perdere possono trarre beneficio dalla prescrizione di pillole dimagranti e la FDA concorda. L'agenzia ha recentemente approvato due farmaci: Belviq, che aumenta la sazietà, e Qsymia, una combinazione di fentermina e il farmaco antiepilettico Topamax. Ma secondo la FDA, la prescrizione di questi farmaci dovrebbe essere limitata alle persone in sovrappeso (un BMI di oltre 27) e hanno problemi di salute correlati come l'ipertensione e quelli che sono obesi (un BMI di 30 o superiore e circa 100 libbre di peso eccessivo). Idealmente, questi farmaci dovrebbero consentire una perdita di peso iniziale sufficiente a motivare il dieter ad aderire ad un programma di dimagrimento ed esercizio fisico a lungo termine. La strategia a lungo termine? Che alla fine il peso si perde senza usare i farmaci.

Questi nuovi farmaci per la perdita di peso hanno una lunga lista di effetti collaterali potenzialmente dannosi, ma la FDA considera i rischi dell'obesità sufficientemente grandi da bilanciare i vari effetti collaterali che i farmaci possono produrre.

Ma le persone che hanno una piccola quantità di peso da perdere dovrebbero prendere questi farmaci approvati dalla FDA, o i farmaci off-label dispensati da vari medici? La tentazione di rimuovere, apparentemente senza sforzo, quei 5-10 chili indesiderati usando un soppressore dell'appetito è facile da capire. Questa "forza di volontà in una bottiglia" aggira la noia di costringersi a controllare ogni caloria, considerare ogni grammo di grassi e carboidrati e misurare le dimensioni del pasto. Con queste pillole, l'appetito svanisce e il dieter non ha problemi a mangiare piccole quantità di cibo. Sembra grandioso, vero? Ma oltre al quasi inevitabile eccesso di cibo che segue il ritiro da questi farmaci, il loro potenziale di dipendenza ad alto rischio e molti spiacevoli effetti collaterali, essi agiscono anche per mascherare il vero problema: cosa impedisce alla dieta di perdere quei 10 libbre indesiderate?

Adderall e phentermine, se combinati con antidepressivi, possono annullare le conseguenze di troppo cibo, alcool e troppo poco esercizio fisico. Ma aiutano i dietisti ad avere uno stile di vita salutare ed esercizio fisico, in combinazione con il peso perso? Ne dubito. È come una persona con reflusso che prende le medicine per diminuire il dolore acuto dello stomaco ma continua a mangiare gli alimenti che causano l'angoscia allo stomaco. È una terapia autodistruttiva che è meglio descritta come una perdita-perdita, e non di eccesso di peso, ma perché un ciclo di ritiro, quindi l'incapacità di mantenere la perdita di peso, e gli effetti collaterali a lungo termine ancora sconosciuti.

Purtroppo queste veloci terapie farmacologiche per la perdita di peso impediscono di imparare a mangiare in modo sano, a capire come usare alimenti come carboidrati a basso contenuto di grassi per aumentare la sazietà in modo naturale attraverso l'aumento della serotonina e scoprire come trovare il benessere emotivo e mentale dall'esercizio. L'assenza di questi cambiamenti positivi nello stile di vita non può compensare la perdita di alcune sterline. Né le prescrizioni off-label per la riduzione del peso possono ridurre i rischi di effetti collaterali potenzialmente deleteri. Meglio lasciare le pillole dietro e mantenere la perdita di peso sulla sua formula ormai onorata di nutrizione bilanciata ed esercizio fisico e modelli mentali positivi che rimodellano l'eccesso di cibo emotivo. Prendi dieci minuti in più sul tapis roulant per migliorare le tue prestazioni e lascia i farmaci per il loro unico scopo.

Solutions Collecting From Web of "Gli effetti collaterali ne valgono la pena?"