Gli atei dovrebbero provare a convertire i credenti?

CikerFreeVectorImages, Public Domain
Fonte: CikerFreeVectorImages, Public Domain

Sono un ateo incrollabile. Per me, si tratta di questo:

Credo che l'uomo abbia creato "Dio" per far fronte alle sfide della vita, che è straordinariamente improbabile che un Dio piuttosto che un processo scientifico ancora inspiegabile abbia creato il mondo ed è un'entità che, secondo la Bibbia, vede tutto, conosce tutto e ama . Dopotutto, possiamo davvero razionalizzare miliardi di morti dolorose per cancro, disastri naturali, ecc. Come "mistero oltre la comprensione umana", "punizione di Dio" o "Dio ha dato all'uomo il libero arbitrio?" Non posso.

Quando le persone religiose mi parlano della loro fede, sono di fronte a una decisione: cerco di disilluderli? Ecco il processo di pensiero che ho attraversato:

ME: Certo, non disilluderli. Trovano conforto nella loro fede. Solo un sadico proverebbe a prenderlo da loro.

ALTER EGO: Ma la fede in qualcosa di inesistente esternalizza la responsabilità, rendendo in tal modo meno probabile che migliorino le loro vite. Ad esempio, il Nuovo Testamento esorta le persone a consegnare il controllo a Dio, a fidarsi di Dio al di sopra della ragione:

  • "Non essere saggio nei tuoi stessi occhi. Dio provvederà a tutti i tuoi bisogni ". (Filippesi 4:19)
  • "Confidati nel Signore con tutto il tuo cuore, e non appoggiarti alla tua comprensione". (Proverbi 3: 1:)
  • "Se hai fede come un granello di senape, dirai a questa montagna, 'Muovi da qui a là', e si muoverà, e nulla sarà impossibile per te." (Matteo 17:20)

ME: Anche la maggior parte delle persone religiose non la prende alla lettera. Fanno del loro meglio e poi lasciano andare. Non è psicologicamente la cosa sana da fare?

ALTER EGO: Molte persone religiose lasciano molto nelle mani di "Dio", a loro danno perché non c'è Dio.

ME: Cosa vorresti che rimpiazzassero la fede in Dio?

ALTER-EGO: un piano d'azione pratico e poi, sì, dopo aver fatto ciò che è possibile, rendersi conto che c'è così tanto controllo da poter ricordare anche loro che l'umanesimo secolare ci permette di pensare oltre i nostri compiti e piaceri quotidiani .

ME: Questo ha un senso razionale, ma sembra ovvio, se non addirittura banale, cercare di distruggere la fede di una persona.

ALTER EGO: raramente lo farai. Gli atei hanno così spesso provato e di solito falliscono.

ME: Questo non giustifica il tentativo. Inoltre, la fede delle persone religiose essendo irremovibili dimostra che trovano così prezioso che sono disposti ad ignorare gli argomenti razionali contro la fede.

ALTER EGO: Beh, anche io faccio cose che sono irrazionali ma in qualche modo mi danno conforto, come coltivare le mie piante di pomodoro, anche se sono ore di lavoro e finiscono per costare molto di più di quanto non avessero comprato pomodori gourmet a Whole Foods. Mi sentirei male se qualcuno riuscisse in qualche modo a convincermi a non coltivare pomodori.

ME: Giusto. Ora sono chiaro: non cercherò di convertire i religiosi all'ateismo.

ALTER-EGO: Ma questo articolo non è un tentativo, anche se involontario, di scuotere la fede religiosa delle persone?

ME: Credo di sì.

ALTER-EGO: Allora non dovresti eliminarlo piuttosto che pubblicarlo?

ME: Credo che sia utile spunti di riflessione sia per gli atei che per i fedeli. Se anche un breve articolo è sufficiente a scuotere la fede di qualcuno, probabilmente sono pronti a farlo scuotere.

ALTER-EGO: Penso che tu stia razionalizzando. Semplicemente non vuoi aver sprecato tutto lo sforzo per averlo scritto.

ME: Forse hai ragione. Su questo, sono agnostico.

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko.

Solutions Collecting From Web of "Gli atei dovrebbero provare a convertire i credenti?"