Gli animali non sono proprietà di nostra proprietà: il caso di Morgan, una balena killer

Quando un animale malato o ferito viene portato in cattività in modo che possiamo aiutarli a riabilitare fino alla piena salute in modo che possano essere finalmente rimessi in libertà, fanno gli umani che hanno assunto il ruolo di "prendersi cura di quell'individuo allora" possedere 'loro e chi arriva a decidere sul futuro di quella persona?

Questo è un dilemma che è stato messo a fuoco dal caso di un'orca (killer whale) che è stata portata in cattività in seguito al salvataggio in mare con l'obiettivo di riabilitarla e poi rilasciarla di nuovo in libertà. Mentre è in cattività, le è stato dato il nome umano "Morgan". Tuttavia, invece di essere riabilitata in natura per tornare alle sue acque domestiche, attualmente vive in un acquario nel delfinario di Harderwijk, nei Paesi Bassi.

La Whale and Dolphin Conservation Society (WDCS) afferma giustamente che nessuno "possiede" alcuna balena o delfino. Questo principio è sancito dalla Dichiarazione dei diritti per i cetacei: Whales and Dolphins, che afferma tra l'altro che:

'Nessun cetaceo dovrebbe essere tenuto in cattività o servitù; essere oggetto di trattamento crudele; o essere rimosso dal loro ambiente naturale ';

Tutti i cetacei hanno il diritto alla libertà di movimento e di residenza nel loro ambiente naturale; e

Nessun cetaceo è di proprietà di alcuno stato, società, gruppo umano o individuo.

Nell'intraprendere qualsiasi "atto di buona volontà", al fine di aiutare un animale selvatico, dobbiamo stare molto attenti a fare delle scelte che siano veramente indipendenti dall'interesse umano acquisito, o dai potenziali interessi acquisiti di una società che potrebbe quindi sfruttare questo situazione per i propri profitti. Mentre l'intento iniziale di aiutare può essere serio, la questione di chi decide sul futuro dell'individuo in tali casi deve sicuramente risiedere con un tutore nominato che non ha interesse a mantenere l'individuo in cattività. Un tale guardiano non avrebbe "posseduto" l'individuo, ma avrebbe dato una voce veramente indipendente agli interessi dei singoli animali.

È difficile concepire una situazione simile in cui un paziente umano che è stato portato in un ospedale per il trattamento viene poi, una volta recuperato, tenuto in ospedale come "pezzo da mostra" o "bambino poster" per aiutare l'ospedale ad aumentare i suoi fondi. Le orche vivono in complessi gruppi sociali e sono individui altamente senzienti (vedi anche e) e abbiamo il dovere di proteggere i loro interessi in tali situazioni, proprio come faremmo con altre persone che non possono parlare da sole.

Invia una lettera di e-protesta oggi al governo olandese, chiedendo loro di sostenere la proposta di liberare Morgan, e per favore firma questa petizione.

Per ulteriori informazioni sulle orche e sulla realtà della loro vita in cattività, dai un'occhiata a Orca Watch.

Questo post è stato scritto con Philippa Brakes, un biologo senior WDCS con la Whale and Dolphin Conservation Society.

diritti d'autore della foto

Solutions Collecting From Web of "Gli animali non sono proprietà di nostra proprietà: il caso di Morgan, una balena killer"