Gli animali domestici non sono spazzatura

Fonte: Flickr: Castaway in Scozia / CC

Se vuoi sentirti a disagio per l'umanità e come trattiamo gli animali, trascorri un po 'di tempo in giro per la presa del tuo rifugio per animali. Assisterai a tutti i tipi di comportamento offensivo e irresponsabile e lascerai probabilmente la tristezza di come le persone trattano i nostri cosiddetti animali da compagnia.

Ho avuto l'occasione di essere alla reception più di quanto mi piacerebbe nelle ultime settimane. La mia famiglia ha allevato cinque cuccioli orfani che sono stati salvati dal Sud Dakota e trasferiti nel nostro rifugio Colorado locale. Il coordinatore adottivo lavora alla scrivania accanto al coordinatore dell'assunzione, così mentre aspettiamo di compilare moduli di affido o di fermarci per ottenere più sacchetti di cibo per cuccioli e pastiglie per i cuccioli, assistiamo al flusso di animali nel rifugio. Ad una scrivania, il rifugio lavora instancabilmente per salvare gli animali; alla scrivania successiva, il lavoro è stato annullato.

La più angosciante di queste esperienze di assunzione è avvenuta lo scorso martedì. Erano le 11, proprio mentre i banchi di accettazione e di affido si stavano aprendo, e il caldo era già soffocante. Un paio di adolescenti ci precedettero, portando tra loro una gabbia sporca e in rovina. Sotto una mensola di plastica rotta, potevamo distinguere un po 'di pelliccia. Mentre aspettavamo una nuova scorta di pastiglie per i cuccioli, sentimmo i ragazzi spiegare che avevano trovato la gabbia da un cassonetto, e ora potevamo vedere che c'erano due giovani porcellini d'India che si nascondevano sotto lo scaffale.

Alcuni giorni prima, siamo entrati mentre una madre e suo figlio adolescente rinunciavano a un altro paio di porcellini d'India. Ho sentito per caso il coordinatore dell'assunzione che ha esaminato l'elenco delle domande sul documento di rinuncia. "Qual è la ragione per cui rinunciare?" La risposta: "Abbiamo troppi animali". In quel giorno venne anche portato un cane ("Non va d'accordo con altri cani in casa"). La volta prima, altri due cani.

La domanda che potresti porre è "come siamo arrivati ​​in un posto dove gli animali domestici sono trattati come spazzatura?" Ma questa non è la domanda giusta, davvero, perché non c'è nulla di nuovo su ciò che sta accadendo. È un problema che non sembra mai peggiorare, anche se la nostra retorica sugli animali potrebbe essere cambiata e potremmo sentire gli animali domestici nominati sempre più spesso come membri della famiglia amati.

C'è una grande misura di dissonanza cognitiva nei nostri atteggiamenti nei confronti degli animali da compagnia. Noi professiamo una serie di credenze, eppure sembra che agiamo secondo un altro insieme di valori. Da un lato, i ricercatori accademici ei media ripetutamente affermano che gli animali vengono trattati in modo diverso, che valutiamo le loro vite più e meglio, che il nostro amore per loro sta crescendo. Ma il nostro comportamento collettivo nei confronti degli animali domestici è sorprendentemente in contrasto con questa famiglia luminosa e con un'immagine centrata sull'amore.

Perché alcune persone – troppe persone, sicuramente – continuano a trattare gli animali da compagnia come spazzatura? Ci sono infinite risposte complesse a questa domanda, ma qui ci sono alcune possibilità: gli animali sono commercializzati e venduti come prodotti in negozi appositamente progettati per far sembrare normale e buona l'impresa di pet-keeping. Gli animali sono venduti a buon mercato. I porcellini d'India costano circa $ 20 ciascuno. Il fatto che mettiamo un cartellino del prezzo sulle loro teste, e che il prezzo sia inferiore al costo di una maglietta, rafforza la convinzione che le loro vite abbiano poco valore e che il nostro impegno debba corrispondere al nostro impegno per un pezzo di cucito cotone. Non ti piace più la T-shirt? Buttalo via. Non sei soddisfatto dell'acquisto della tua cavia? Buttali fuori.

Sebbene io abbia il più profondo rispetto per il lavoro dei rifugi della nostra nazione, possono permettere che il comportamento irresponsabile continui senza controllo. Il fatto che tu possa portare i tuoi porcellini d'India non desiderati e gentilmente usati nella società umana locale, e che il personale amichevole si assicuri che essi siano ben assistiti, lascia semplicemente le persone fuori dai guai. (Alla madre e al figlio che portavano i porcellini d'India in eccesso, l'operatore dell'assunzione disse: "Non ti preoccupare, ci prenderemo davvero veramente bene a loro e troveremo loro una buona casa"). Anche la parola "rinuncia" è, nel mio opinione, un eufemismo inutile. La connotazione della frase "rinunciare" è di dare qualcosa, anche se davvero non lo vuoi. E a volte, naturalmente, i proprietari di animali domestici responsabili e premurosi sono costretti dalle circostanze a rinunciare a un animale anche se causa loro un profondo disagio. Ma la maggior parte degli abbandoni non rientra in questa categoria: gli animali diventano scomodi e abbandonarli è la via più facile. (Come nota a margine sull'uso dell'eufemismo nell'industria degli shelter, ho visto di recente uno studio che esamina come gli animali finiscono nel sistema di protezione: quegli animali, come i porcellini d'India dal cassonetto, rientrerebbero nella categoria di animali che erano "Liberare" dai loro proprietari.)

La mia reazione emotiva alle persone che abbandonano le cavie da un cassonetto nel mezzo dell'estate e che non riescono a controllare la loro voglia di comprare troppi animali domestici è di rabbia e disgusto. Anche se penso che questi sentimenti siano appropriati, non penso nemmeno che la proprietà irresponsabile degli animali domestici sia il "loro" problema; non è solo qualcosa che fanno gli altri. Siamo tutti responsabili della piaga degli animali, perché viviamo in una cultura che incoraggia l'acquisizione impulsiva di animali domestici, che vende animali come oggetti per l'intrattenimento umano in casa e che consente al comportamento irresponsabile di continuare senza controllo. La disapprovazione sociale è un forte fattore di comportamento, e coloro che trattano gli animali come spazzatura dovrebbero essere soggetti a una maggiore pressione negativa tra pari.

Come possiamo aumentare le probabilità per gli animali e aiutarli a evitare il banco di assunzione? Innanzitutto, possiamo vietare la vendita di animali vivi come i porcellini d'India nei negozi. Molte comunità lo hanno già fatto per cani e gatti; possiamo anche farlo per piccoli mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci. Ci sono molti animali senzatetto, abbastanza per riempire la domanda attuale. In secondo luogo, coloro che hanno deciso di portare un animale nella loro casa possono adottare dal rifugio locale. Questo è altrettanto importante con piccoli mammiferi, uccelli, rettili e altre creature che spesso fanno fatica a uscire dal sistema di protezione rispetto a cani o gatti. (Non tutti i rifugi prendono uccelli, rettili o esotici, ma molte comunità hanno organizzazioni di soccorso che gestiscono queste specie, ad esempio la nostra comunità ha un soccorso per i rettili.) Terzo, tutti i potenziali proprietari di animali domestici (o tutori) possono assicurarsi che il la decisione di acquisire un animale è ben ponderata e non presa d'impulso. Dovremmo riconoscere che un animale non è un oggetto, come una maglietta o un nuovo paio di scarpe, che può essere riciclato o gettato via. Prendersi cura di un animale richiede tempo e denaro. Il costo monetario di un animale non è un riflesso del loro valore e persino gli animali domestici "a buon mercato" come le cavie richiedono impegno, denaro, tempo e impegno a lungo termine.

Solutions Collecting From Web of "Gli animali domestici non sono spazzatura"