Gli americani stanno diventando sempre più isolati? [AGGIORNATO]

[AGGIORNAMENTO: ci sono stati tanti commenti ponderati pubblicati nella sezione commenti e inviati a me via e-mail, quindi li ho scritti qui. Scopri anche questo post di Claude Fischer su ciò che lui chiama "l'amicizia inventata".]

Innanzitutto, parliamo di te. Poi arriveremo a tutti gli altri. Quali sono le tue risposte a queste due domande:

1. Guardando indietro negli ultimi sei mesi – chi sono le persone con cui hai discusso sono importanti per te?

2. Quanti amici al di fuori della tua famiglia hai che vedi o parli almeno una volta alla settimana?

L'ultimo panico mediatico sugli americani soli e isolati

Nel 2006, un panico mediatico è scoppiato su un rapporto sulle risposte alla domanda n. 1. Forse ti ricordi alcuni titoli dei giornali: erano dappertutto. Per esempio:

  • "La cerchia degli amici americani sta diminuendo, i nuovi studi dimostrano" (da Science Daily )
  • "L'americano solitario è appena diventato un po 'più solo" (dal New York Times )
  • "Studio: il 25% degli americani non ha nessuno con cui confidarsi" (da USA Today )

Lo studio che ha infiammato il panico era stato appena pubblicato in una prestigiosa rivista di sociologia. Autori McPherson, Smith-Lovin e Brashears hanno riportato i risultati di un sondaggio rappresentativo a livello nazionale di circa 1.500 americani. I dati sono stati raccolti nel 2004 e confrontati con le risposte a un'indagine analoga del 1985.

I risultati sembravano mostrare che gli americani erano diventati drammaticamente più isolati nel corso dei due decenni. Nel 1985, il 10% ha risposto "nessuno" alla prima domanda. Nel 2004, quasi il 25% (il 24,9%, per la precisione, secondo il primo rapporto) affermava che non c'era nessuno con cui avevano discusso questioni importanti negli ultimi sei mesi.

Anche il numero medio di persone nominate dagli americani in risposta a quella domanda è diminuito. Nel 1985, c'erano circa 3 persone; nel 2004, era solo 2. Questa è una diminuzione di circa un terzo – per gli standard sociologici, un enorme cambiamento in un periodo storico relativamente breve.

Per molti, il caso è stato fatto. Gli americani stavano diventando sempre più isolati. Gli esperti si affrettarono alle loro tastiere per offrire le loro spiegazioni preferite e presagi. Anche più di alcuni studiosi hanno accettato questa conclusione. Ma era proprio vero?

Altre prospettive e altri dati

In astratto dell'articolo di giornale originale, McPherson ei suoi colleghi hanno osservato che "i dati possono sovrastimare il numero di isolati sociali". Il gruppo incaricato dell'indagine (NORC) ha esaminato più da vicino i dati e ha rilevato alcuni errori che hanno reso risultati leggermente meno eclatanti, ma i trend significativi sono rimasti.

Alcuni dei più eminenti studiosi dello studio dei social network, tra cui Claude Fischer e Barry Wellman, erano scettici. Proprio l'anno scorso, la stessa rivista (American Sociological Review) ha pubblicato un'analisi critica di Fischer, nonché una risposta dal team McPherson. Alcuni dei disaccordi riguardavano i modelli statistici appropriati da utilizzare e se fosse plausibile che le connessioni sociali degli americani potessero essere cambiate così tanto in così poco tempo. Fischer ritiene che possa essersi verificato un errore tecnico (ad esempio, nei dispositivi utilizzati per registrare le risposte dei partecipanti). Non è chiaro se sapremo mai con certezza cosa pensare dei dati del 2004 che hanno lanciato innumerevoli saggi "solitari americani".

Per me, sembra più produttivo guardare altri dati, sia all'interno degli stessi sondaggi, sia forse in modo più avvincente, da sondaggi completamente diversi. Fischer riferì che all'interno degli stessi sondaggi, le risposte ad altre domande non sembravano dipingere un quadro di americani sempre più isolati. Ad esempio, alla domanda su quanto spesso trascorrono una serata sociale con vicini, parenti o amici fuori dal quartiere, le risposte non sono cambiate affatto dal 1985 al 2004. Lo stesso dicasi per le risposte alla domanda: "Quanti amici intimi avrebbero dici di avere? "Il numero non si è ridotto nel tempo. Il team McPherson ha risposto che le domande stavano misurando diversi tipi di legami sociali, quindi secondo loro, non c'era alcuna contraddizione.

Ora torniamo alla seconda domanda che ho posto all'inizio di questo articolo: "Quanti amici fuori dalla tua famiglia hai che vedi o parli almeno una volta alla settimana?" Hua Wang e Barry Wellman hanno analizzato le risposte a questo domanda (e altre), come proposto in altri due sondaggi nazionali: uno del 2002 e un altro del 2007.

Wang e Wellman hanno scoperto che sia nel 2002 che nel 2007, solo il 5% degli adulti americani ha dichiarato di non avere amici con cui hanno visto o parlato almeno una volta alla settimana. (Ricordate che la McPherson ha riferito che circa il 25% degli americani era isolato nel 2004.) Gli autori dello studio di amicizia hanno anche calcolato il numero medio di amici e hanno scoperto che era 5 o 6. Nelle loro parole:

"Il numero medio di amici contattati faccia a faccia e per telefono è stato sostanziale all'inizio del decennio, e ha continuato a essere sostanziale. Il numero di amicizie non diminuì. Piuttosto, è aumentato in media tra il 2002 e il 2007 e aumentato di più per gli utenti di Internet pesanti ".

Altri studi (descritti nell'articolo di Fischer del 2009 e nel documento di Wang e Wellman) suggeriscono anche che gli americani non sono così isolati come sosteneva McPherson. Quest'ultima squadra potrebbe nuovamente dire che le domande non sono le stesse: il numero di persone con le quali si discutono questioni importanti non è lo stesso del numero di amici che si vedono o parlano almeno una volta alla settimana. Potrebbe essere così. Tuttavia, il peso delle prove non sembra supportare affermazioni radicali su come gli americani già soli siano diventati in modo allarmante più isolati.

Se hai studiato storia sociale, questo maggio tutto familiare

I panici dei media sull'isolamento sociale non sono una novità. Per citare di nuovo Wang e Wellman:

"Putnam (2000) ha guardato indietro nostalgicamente dagli anni '90 agli anni '60 e ha sostenuto che gli americani erano" da solo "perché il guardare la televisione impediva alle persone di partecipare alla comunità. Allo stesso modo, negli anni '60 Stein (1960) e Nisbet guardarono indietro agli anni '30 e piansero il declino della connettività sociale. Tuttavia, negli anni '30, Wirth (1938) guardò l'America preurbana e si preoccupò della perdita della connettività sociale nella vita urbana transitoria ".

Indubbiamente, molti americani sono soli e la loro angoscia non dovrebbe essere ignorata o banalizzata. Ma né il numero delle persone sole dovrebbe essere esagerato.

Voglio solo menzionare altri due punti che non sono sempre riconosciuti. Considera, ancora una volta, la domanda n. 1: negli ultimi 6 mesi, "chi sono le persone con cui hai discusso questioni importanti per te?" La domanda NON era "ci sono persone con le quali potresti aver discusso questioni importanti se avevi volevo farlo? "

Nella società americana contemporanea, molte persone apprezzano l'apertura e la comunicazione e avere amici intimi. Sono spesso uno di loro. Non dobbiamo dimenticare, tuttavia, che le altre persone non amano la condivisione emotiva. Solo perché un certo modo di relazionarsi, o un certo tipo di connessione sociale, è generalmente una buona cosa, non significa che sia il modo ideale di essere per ogni singola persona.

Il mio secondo punto è forse meno plausibile, e non sono sicuro di crederci anch'io, ma lo metterò comunque là fuori. Se c'è una vera tendenza che mostra che le persone hanno meno probabilità di discutere di questioni importanti con gli altri rispetto a quelle che erano nel passato, forse questo significa che le loro vite sono migliorate. I tipi di argomenti importanti che motivano le persone a cercare un ascoltatore ricettivo sono probabilmente più spesso negativi che positivi. Nei dati (controversi) della McPherson, tra le persone che segnalano un declino particolarmente marcato nella discussione di questioni importanti sono stati i più istruiti. L'istruzione è spesso collegata a un migliore stato finanziario. Le disparità economiche sono aumentate nel tempo negli Stati Uniti. Forse gli americani più abbienti non avevano tante questioni importanti da discutere con gli altri.

Lo stato dei legami sociali è una storia in via di sviluppo. Claude Fischer ha un libro che sta per andare in stampa, e dalle telefonate che ho ricevuto, altri potrebbero anche essere in lavorazione. Se il mio sé ideale prevale, leggerò tutto ciò che riesco a trovare.

[Parlando di Claude Fisher, vorrei ringraziarlo per il suo aiuto. Non lo conosco, ma l'ho contattato improvvisamente con una lunga lista di domande. Ha risposto immediatamente.]

[Su un argomento diverso, grazie a tutti quelli che mi hanno inviato delle note gentili sul mio nuovo sito web e blog. Se qualcuno è interessato, ci sono già alcune voci rilevanti per singoli single pubblicate, inclusa una sul gioco di carte Old Maid.]

Solutions Collecting From Web of "Gli americani stanno diventando sempre più isolati? [AGGIORNATO]"