Gli alcolisti possono bere sempre moderatamente?

Quando sei sobrio, è così facile dirti che avrai solo un drink. O se stai cercando di essere onesto con te stesso, dici che ti fermerai alle due; forse due sono sufficienti per sentirlo, ma non abbastanza per avere conseguenze. Ma cosa succede quando finisci quella seconda bevanda? In che modo le tue sobrie intenzioni resistono alla realtà di quel ronzio in attesa proprio nel frigo o sullo scaffale? In breve, puoi davvero fermarti a uno o due o bere qualcosa che distrugge la forza di volontà che hai avuto prima di sera fino a quando non hai finito il resto dell'alcol in casa … e vai a cercare altro?

Questa domanda è la spina dorsale di un grande dibattito sulla ricerca e sul trattamento delle dipendenze: le persone dipendenti dall'alcool possono tornare a bere moderatamente? Per anni, la risposta è stata considerata un no inequivocabile: i programmi basati sui trattamenti in 12 fasi hanno dominato il trattamento e non c'è spazio per "solo una bevanda" in AA.

Ma ora questi programmi tradizionali sono influenzati dalla ricerca moderna per creare nuove e talvolta migliorate strategie di trattamento delle dipendenze. Stiamo mettendo in discussione tutto e nel processo stiamo scoprendo cosa funziona e cosa no. Questo riesame delle verità che un tempo ritenevamo assolute apre il dibattito sulla moderazione.

Quindi qual è? Il modello di astinenza assoluta in 12 passaggi è ancora scientificamente accurato o l'approccio della "gestione della moderazione" sostenuto da ModerateDrinking.com e altrove ha un posto nella moderna cura delle dipendenze?

La risposta arriva a che tipo di bevitore sei: perché bevi, quanto bevi e da quanto tempo sei stato in questo schema? Questo perché più a lungo sei stato in un modello di bere aggressivo, più il tuo consumo cambia le caratteristiche fisiche del tuo cervello.

I "bevitori problematici" possono ancora essere puramente motivati ​​da emozioni o associazioni o coping o opinioni sugli effetti desiderabili dell'alcol. In altre parole, il loro bere potrebbe avere una causa puramente cognitiva. Ci sono prove abbastanza forti che questi "bevitori problematici non dipendenti" possono ritirarsi dalla dipendenza in bere moderato. Ad esempio, questo studio clinico del principale sostenitore del bere moderato, Dr. Reid Hester, dimostra che anche tra i bevitori problematici non dipendenti, i bevitori più leggeri beneficiano più dei forti bevitori dalla gestione della moderazione.

Ma sembra esserci un punto critico dopo il quale i bevitori problematici non possono più moderare il loro consumo.

Quando il problema del bere diventa dipendenza, le cause cognitive non sono le uniche ragioni per bere. Invece, la dipendenza a lungo termine dall'alcol crea cambiamenti nella fisiologia del cervello, con conseguenti complicazioni come la perdita di memoria e persino l'arresto della capacità del cervello di far crescere nuovi neuroni. Nel corso del tempo, un cervello cronicamente esposto all'alcol perde anche la sua capacità di produrre e utilizzare la dopamina, una delle principali sostanze chimiche che rende gli esseri umani "buoni" o euforici. Il cervello dipendente è dipendente. E non è uno o due drink che il cervello dipendente vuole.

Il Dott. Keith Humphreys, che scrive sul giornale "Servizi psichiatrici" , fa un punto simile, dimostrando che "La stragrande maggioranza dei membri della Moderation Management ha problemi di alcol a bassa severità, alta stabilità sociale e scarso interesse per gli interventi orientati all'astinenza." l'impostazione di problemi di bassa gravità, la gestione della moderazione ha dimostrato di essere moderatamente efficace e, secondo Humphrey, "l'inclusione di MM nella gamma di opzioni per le persone che tentano di risolvere i problemi di alcol sembra un beneficio per la salute pubblica".

Ma Humphrey si unisce a quasi tutti i ricercatori ragionevoli nel campo della dipendenza, concordando che c'è un'enorme differenza tra il cervello di un bevitore problematico non dipendente e il cervello di una persona dipendente dall'alcool. Per questi cervelli dipendenti, l'unica opzione reale rimane l'astinenza. Una bevanda dà al cervello la leva di cui ha bisogno per costringere la persona dipendente in molti.

Durante il mese di aprile sulla consapevolezza dell'alcol, spero che mi unirai a me nella vera esperienza interiore di scoprire che tipo di bevitore sei. Se la risposta è "non dipendente", potresti avere la scelta della gestione della moderazione. Ma se la risposta è l'alcolismo, il tuo obiettivo migliore è stato e rimane l'astinenza.

Richard Taite è fondatore e CEO di Cliffside Malibu, offrendo un trattamento individualizzato basato sull'evidenza basato sulle prove del modello Stages of Change. È anche coautore di Constance Scharff del libro Ending Addiction for Good.

Solutions Collecting From Web of "Gli alcolisti possono bere sempre moderatamente?"