Gli adolescenti sono confusi riguardo alla politica?

Il voto per il candidato di nostra scelta è un diritto americano concesso ai cittadini di almeno 18 anni di età. Ma la psicologia di come votiamo inizia molto prima – nelle case e nelle scuole in tutto il paese dove gli adulti si impegnano in adolescenti in conversazioni significative sul futuro della nazione.

In un recente articolo del New York Times, Thomas B. Edsall, professore di giornalismo alla Columbia University, riferì la sua conversazione con un sostenitore di Romney in Pennsylvania. Chiedendo perché il suo stato avrebbe probabilmente appoggiato Obama, il sostenitore di Romney rispose: "Le persone sono stupide. I funzionari della città e dello stato hanno eliminato il civismo dal nostro curriculum. Gli studenti non sanno di educazione civica, non sanno della nostra storia, del nostro governo, della nostra costituzione ".

Devo ammettere che la mia prima reazione a questo commento fu di rabbia. Di solito, le persone chiamano gli altri "stupidi" quando sono così bloccati nella propria visione del mondo che non possono impegnarsi in un dialogo rispettoso con gli altri. Ma ho fatto un respiro profondo e ho fatto la prossima e più importante domanda.

Non riusciamo a preparare i bambini e gli adolescenti a votare con cognizione di causa per i candidati che ritengono contribuiranno positivamente alla società? Il problema non è se diventeranno repubblicani o democratici, ma se voteranno con una comprensione approfondita dei problemi. O, in molti casi, se voteranno a tutti.

Peter Levine, direttore del Centro per l'informazione e la ricerca sull'educazione civica e l'impegno (CIRCLE) ha svolto un eccellente lavoro di revisione dello stato attuale dell'educazione civica negli Stati Uniti in un recente articolo di Huffington Post. La ricerca di CIRCLE ha rilevato che la maggior parte degli stati ha ancora programmi di educazione civica, ma spesso non sono richiesti fino all'anno precedente. Crede che questo sia molto spesso "troppo poco e troppo tardi".

I risultati che vogliamo dai giovani sono le competenze per analizzare gli eventi e le problematiche attuali, confrontare diversi modi di pensare a tali problemi, impegnarsi in un dialogo e una deliberazione rispettosi e giungere a decisioni informate. Se giudichiamo noi stessi se abbiamo raggiunto questi risultati, sono d'accordo con Levine sul fatto che non siamo all'altezza.

L'adolescente di oggi è l'elettore di domani

Allevare futuri elettori e cittadini impegnati non avviene per caso. Nel mio articolo, stiamo allevando buoni cittadini? Io mostro il percorso evolutivo con cui i bambini crescono per credere nelle loro capacità di aiutare a risolvere i problemi della società.

Gli anni dell'adolescenza sono particolarmente importanti per sviluppare i tipi di abilità enfatizzati da Levine. Sono capacità di pensiero critico. Il cervello degli adolescenti è in grado di sviluppare le capacità di rivedere, analizzare e sintetizzare le informazioni e quindi prendere decisioni. Il modo in cui queste competenze sono sviluppate è attraverso l'impegno di insegnanti, genitori e leader civici. Non è raccontando agli adolescenti cosa pensare. È mostrando loro come pensare.

Dalla confusione all'impegno

Ci sono così tanti argomenti ricchi da discutere nelle elezioni di quest'anno. E quei problemi continueranno a essere importanti negli anni a venire. Scegli un problema: qualsiasi problema. Discutere sull'economia, i posti di lavoro, le tasse, l'istruzione, i diritti delle donne, il matrimonio omosessuale, l'immigrazione clandestina, l'assistenza sanitaria, l'indipendenza energetica o la difesa.

Questi problemi sono fonte di confusione per molti adulti, non solo per i giovani. Francamente, molti adolescenti sono informati e profondamente coinvolti in questi problemi. Ma molti non lo sono. Più ascoltiamo, discutiamo e impariamo, più siamo informati da tutti come elettori.

Il tempo delle elezioni è un ottimo momento per avere queste discussioni. Ma non fermarti qui. Dobbiamo anche parlare tra le elezioni! Nelle conversazioni sulla politica, rispondere alle seguenti domande aiuta noi ei nostri figli a passare dalla confusione al vero fidanzamento.

  1. Quali sono entrambi i lati del problema?
  2. Quali prove sono state presentate per supportare una parte o l'altra?
  3. Dove prendi le tue prove? (Da più fonti imparziali?)
  4. Quali sono i valori impliciti in ciascuna parte del problema?
  5. In che modo questi valori sono in conflitto o supportano i tuoi valori o credenze personali?
  6. Qual è il quadro generale? Pesando i tuoi conflitti personali e le prove, quale pensi sia la strada migliore per il paese?

Se approfondisci queste domande, i giovani saranno sulla buona strada per diventare buoni decisori nei giorni delle elezioni negli anni a venire.

Non aver paura di condividere rispettosamente ciò che pensi con il tuo studente o adolescente. Ma sii pronto ad ascoltare, coinvolgere e sostenere il tuo stesso pensiero con la stessa profondità di pensiero che vuoi incoraggiare in loro. Più adolescenti sono in grado di pensare criticamente alle questioni nazionali e globali durante l'adolescenza, maggiore è la loro capacità di crescere in cittadini responsabili, impegnati e informati. Con quelle abilità, è improbabile che qualcuno le definisca "stupide".

© 2012 Marilyn Price-Mitchell. Tutti i diritti riservati. Si prega di contattare per il permesso di ristampare.

Marilyn Price-Mitchell, PhD, è una psicologa dello sviluppo e ricercatrice che lavora all'incrocio tra psicologia, educazione e impegno civico giovanile. Seguila su TWITTER o FACEBOOK

Foto di FreeDigitalImages.Net

Solutions Collecting From Web of "Gli adolescenti sono confusi riguardo alla politica?"