Giusto per essere sicuro, dovresti credere in Dio?

Pixabay Public Domain
Fonte: dominio pubblico Pixabay

Uno degli argomenti più comuni che ho sentito contro la non umanistica e umanistica vita è l'affermazione che credere in Dio sia l'approccio "sicuro". I principi della religione tradizionale possono sembrare poco plausibili nel mondo moderno, l'argomento va, ma meglio prevenire che curare.

Questo argomento è essenzialmente una manifestazione moderna di ciò che è noto come Scommessa di Pascal. Il filosofo francese del diciassettesimo secolo, Blaise Pascal, spiegò la sua scommessa considerando quale partito, il credente o il non credente, rischi di più nel grande schema. Se il credente ha torto e l'ateo ha ragione, sosteneva Pascal, poi dopo la morte il credente non è in una posizione peggiore dell'ateo. Ma se l'ateo ha torto, la dannazione eterna attende. Quindi, meglio credere, solo per essere sicuri.

Ci sono numerosi problemi in questa posizione "solo per essere sicuri", molti dei quali sono stati sollevati anche dai contemporanei di Pascal. Come vedremo, tuttavia, nel mondo di oggi la posizione di Pascal è ancora più difficile da difendere.

Un problema chiave, riconosciuto anche da Pascal, è che non si può costringersi a credere. Cioè, l'incredulità non è una scelta. Se si pensa che le dottrine religiose siano false, è difficile immaginare che fingere di crederle possa ingannare un Dio onnipotente e onnisciente. Per questo, Pascal ei suoi difensori esortano il non credente a tentare almeno di credere. "Sforzati allora di convincerti", raccomandò lo scettico.

Anche prendendo questo consiglio, tuttavia, si deve ancora chiedere: quale religione dovrei credere? I cristiani hanno ragione, o sono i musulmani? O dovrei convertirmi al giudaismo? O l'induismo, il buddismo o qualcos'altro? E le domande non si fermano qui, dal momento che le esclusive differenze settarie all'interno di queste religioni restringono la probabilità di selezionare ulteriormente la "giusta" credenza. Cattolici, protestanti o ortodossi? Calvinista o luterano? Sunnita o sciita? Cosa succede se, tra tutte le dottrine religiose conflittuali là fuori, l'unico versetto che è giusto è Rivelazione 7: 4, che dice che solo 144.000 persone entreranno in paradiso? Le probabilità non sono buone per nessuno di noi.

Questo può sembrare un pantano, e lo è, ma se considerato in modo completo l'esercizio indica in realtà una conclusione che, usando la logica di Pascal, è un argomento convincente per l'ateismo: non è proprio possibile che Dio premierà gli atei?

Per capire questo, considera che l'assunto di fondo nella posizione "giusto per essere sicuri" è che potrebbe esserci un Dio che ci giudica dopo la morte . Per quanto poco plausibile possa sembrare uno scettico, accettiamolo per questioni di discussione. Quindi, se dobbiamo assumere che esiste una divinità giudicante, quali sono i criteri di Dio per giudicarci? Più precisamente, perché dovremmo assumere che la via della salvezza può essere trovata in uno dei numerosi sistemi di credenze antiche, quando è proprio possibile che Dio premierà coloro che, pensando in modo critico e utilizzando la loro ragione data da Dio, rifiutano quelle antiche dottrine e resistere per ulteriori prove? Cioè, l'esistenza stessa di dogmi non plausibili potrebbe essere il modo in cui Dio ci tenta, di vedere chi di noi ha forza d'animo e indipendenza mentale. La felicità eterna attende il pensatore critico!

O no. Come umanista, naturalmente, penso che l'idea di un Dio che gratifica la mia secolarità dopo la morte è assurda, ma non più assurda della nozione che un Dio onnipotente e onnisciente ricompenserà Newt Gingrich e Jerry Falwell.

In definitiva, la credenza o l'incredulità sono una questione personale e le persone possono trovare la pace della mente in un'ampia varietà di modi. Ma Pascal's Wager non dovrebbe essere visto come un mezzo logico e razionale per convalidare il teismo, perché chiaramente non è un argomento contro la posizione ateo o agnostica. Se uno è incline all'incredulità, si può respirare facilmente sapendo che le sue probabilità di beatitudine eterna sono altrettanto forti di quelle di ogni credente. Il non credente può essere sincero con se stesso senza fingere di accettare qualcosa che rifiuta dentro di sé. Forse, cosa ancora più importante nel mondo moderno, non ha motivo di abbracciare e convalidare esteriormente istituzioni e sistemi di credenze che, nel suo cuore, non meritino alcuna lealtà e che in realtà spesso rappresentino ostacoli a un mondo migliore.

@ahadave

Solutions Collecting From Web of "Giusto per essere sicuro, dovresti credere in Dio?"