Giustizia sociale

In molti campus universitari, c'è una spinta a promuovere la giustizia sociale. Ci sono due modi per definire "giustizia sociale".

Primo, questo concetto può essere definito in modo sostanziale. Qui, è tipicamente associato alle analisi, alle politiche e alle prescrizioni di sinistra o socialista. Ad esempio, la povertà è causata dal capitalismo sfrenato; la soluzione è regolamentare pesantemente i mercati o vietarli a titolo definitivo. Il razzismo e il sessismo rappresentano la situazione relativa delle minoranze e delle donne razziali; le leggi dovrebbero essere approvate proibendo il loro esercizio. È necessaria una maggiore dipendenza dal governo come soluzione a tutti i tipi di problemi sociali. Il pianeta è in grande pericolo per la despoliazione ambientale, a causa di un'ingiustificata dipendenza dai diritti di proprietà privata. Le tasse sono troppo basse; dovrebbero essere sollevati La carità è un insulto ai poveri, che devono ottenere più entrate per diritto, non condiscendenza. La diversità è la conditio sine qua non della società equa. La discriminazione è uno dei più grandi mali ad aver mai afflitto l'umanità. L'uso della terminologia come "umanità" è sessista e costituisce un discorso di odio.

In secondo luogo, la giustizia sociale può essere vista non come un punto di vista particolare su tali questioni, ma piuttosto come preoccupazione per studiarle senza idee preconcette. In questa prospettiva, nessuna posizione particolare viene presa su questioni di povertà, capitalismo, socialismo, discriminazione, regolamentazione governativa dell'economia, libera impresa, ambientalismo, tassazione, carità, diversità, ecc. Piuttosto, l'unica affermazione è che tali argomenti sono importanti per un'educazione alle arti liberali, e che qualsiasi istituzione di insegnamento superiore che li ignori, lo fa a rischio della propria missione.

Affinché possiamo essere chiari su questa distinzione, un sostenitore della prima giustizia sociale potrebbe affermare che le imprese sono di per sé improprie, mentre chi perseguiva questa impresa nel secondo senso si accontenterebbe semplicemente affermando che lo status degli affari è un importante da studiare.

Un'università dovrebbe dedicarsi alla promozione della giustizia sociale? Sarebbe un disastro farlo nel primo senso di questo termine, e nel secondo non è necessario. Consideriamo ogni opzione a turno.

Se un istituto di istruzione superiore richiede alla sua facoltà di sostenere la giustizia sociale nel senso sostanziale della sinistra, in un colpo solo perderebbe ogni credibilità accademica. Perché in realtà richiederebbe che i suoi professori sposassero il socialismo. Ma questo è totalmente incompatibile con la libertà accademica: il diritto di perseguire la conoscenza con una mente aperta e di giungere a conclusioni basate su ricerca, prove empiriche, logica, ecc., Invece di lavorare con i paraocchi, essendo obbligati ad arrivare solo a un certo punto di vista su tutti questi problemi.

Ciò significherebbe, ad esempio, in economia, l'area con la quale sono più familiare, essere costretto a concludere che la legge sul salario minimo è l'ultima speranza per i non qualificati, e che innalzarla continuamente è sia giusta che rapida; che il libero scambio è pernicioso e sfruttatore. È più che curioso che quelli della comunità universitaria più fortemente dipendenti dalla diversità non possano tollerarlo quando si tratta di divergenze di opinioni, conclusioni, prescrizioni di politiche pubbliche, ecc.

Che dire promuovere la giustizia sociale nel secondo senso? non far rispettare le conclusioni sui ricercatori, ma limitarsi ad insistere su questo tipo di domande da studiare?

Questo è fuorviante o non necessario.

È fuorviante in discipline quali matematica, fisica, chimica, musica, contabilità, statistica, ecc., Poiché queste chiamate generalmente non affrontano questioni relative alla giustizia sociale. Non esiste un modo "giusto" o "ingiusto" per gestire un conto "T", un'equazione quadratica o una regressione econometrica; ci sono solo modi corretti e sbagliati per andare su queste imprese. Chiedere, per non parlare di chiedere, che i professori di questi settori si preoccupino della povertà, dello sviluppo economico, delle lacune salariali o dell'inquinamento atmosferico è quello di portarli lontano dalle loro aree di competenza. È sciocco come chiedere a un filosofo di insegnare musica o viceversa.

Ed è totalmente inutile, in particolare nelle scienze sociali ma anche nelle scienze umane. Perché se i membri di queste discipline non stanno già conducendo studi su questioni inerenti alla giustizia sociale (e, naturalmente, ad altre cose), allora sono semplicemente derelitti nel loro dovere. Se storici, sociologi, antropologi, economisti, filosofi ignorano la povertà, la disoccupazione, la guerra, l'ambientalismo, ecc., Nessuna esortazione in senso contrario può migliorare le cose.

I collegi e le università dovrebbero quindi cessare e desistere immediatamente dall'etichettatura di se stessi in questo modo, e dalla promozione di tutti i programmi esistenti a tal fine. È sconveniente poggiare sulla sua facoltà e sugli studenti qualsiasi punto di vista su questi temi altamente controversi. Sarebbe altrettanto improprio farlo da una libera impresa, da una prospettiva governativa dei diritti di proprietà privata limitata come dal suo attuale atteggiamento nella direzione opposta. Per materiale aggiuntivo critico su queste iniziative, vedi Michael Novak e Walter Williams.

Certo, la giustizia sociale può essere definita ancora in una terza maniera: come favorire la giustizia nell'arena "sociale", al contrario di altre sedi. Qui, tutti i combattenti intellettuali favorirebbero la promozione di questo valore; l'unica differenza è che la sinistra, per esempio, intende con questa versione dell'egualitarismo, mentre per i libertari la giustizia consiste nel sostenere i diritti di proprietà privata. Per un college sostenere la giustizia sociale in questo senso sarebbe altamente problematico, in quanto due cose molto diverse sarebbero connotate da questa frase.

Solutions Collecting From Web of "Giustizia sociale"