Giustizia senza retribuzione

Nel sistema di giustizia criminale, l'incarcerazione è spesso vista come giustificata dal deserto dei trasgressori: perché sono colpevoli – in via generale , e non semplicemente legalmente, colpevoli – possiamo imporre loro sanzioni significative. Questa giustificazione retributivista per la punizione sostiene che la punizione di un trasgressore è giustificata per il fatto che si merita qualcosa di brutto che gli capita solo perché ha consapevolmente fatto torto: questo potrebbe includere dolore, privazione o morte. Per il retributivista, è il deserto di base attaccato alla sola azione immorale del criminale che fornisce la giustificazione per la punizione. Ciò significa che la posizione retributivista non è riducibile a considerazioni consequenzialiste né fa appello a un bene come la sicurezza della società o il miglioramento morale del criminale nel giustificare la punizione.

Mentre ci sono molti retributivisti ragionevoli che riconoscono che imprigionare troppe persone, in condizioni troppo dure, il retributivismo rimane comunque fedele alla convinzione fondamentale che i criminali meritino di essere puniti e soffrano per i danni che hanno causato. Questo impulso retributivo nella pratica attuale spesso porta a pratiche e politiche che cercano di rendere la vita in prigione il più spiacevole possibile. È stato questo impulso retributivo, ad esempio, che è stato recentemente alle spalle lo sforzo in Inghilterra e nel Galles di creare un divieto generale di inviare libri ai prigionieri. Fortunatamente, l'alta corte ha dichiarato illegale il divieto del libro, ragionando sul fatto che i libri sono spesso essenziali per la riabilitazione dei criminali. È anche questo impulso retributivo che ha portato, almeno in parte, alla crisi di incarcerazione di massa negli Stati Uniti.

Il numero di persone incarcerate negli Stati Uniti è sbalorditivo. Con solo il 5% della popolazione mondiale, gli Stati Uniti imprigionano il 25% dei prigionieri del mondo, molto più di qualsiasi altra nazione al mondo. Gli Stati Uniti imprigionano più di 700 prigionieri per ogni 100.000 persone, mentre i paesi scandinavi come Svezia, Finlandia e Norvegia si aggirano intorno al 70 per 100.000. E non solo gli Stati Uniti imprigionano a un ritmo molto più alto, ma imprigionano anche in condizioni notoriamente dure. Le carceri supermax americane sono spesso luoghi crudeli, usando una serie di dure forme di punizione tra cui l'isolamento prolungato. L'organizzazione Watchdog Solitary Watch stima che fino a 80.000 persone negli Stati Uniti sono attualmente in qualche forma di isolamento. Questi prigionieri sono isolati in cubicoli senza finestre e insonorizzati per 23-24 ore al giorno, a volte per decenni. Tale punizione eccessivamente punitiva non solo causa gravi sofferenze e gravi problemi psicologici, non fa nulla per riabilitare i prigionieri né riduce il tasso di recidiva. In realtà, i prigionieri che vengono rilasciati nella società in seguito alle condizioni di supermax recidivano di più rispetto ai prigionieri non supermax e prima rispetto ai prigionieri che hanno lasciato la supermax per 3 mesi o più prima del loro rilascio (vedi qui). Inoltre, gli Stati Uniti hanno uno dei più alti tassi di recidiva al mondo, con il 76,6% dei detenuti arrestati di nuovo nei cinque anni successivi al rilascio. La Norvegia, al contrario, ha una media di circa il 20%.

Farah Focquaert e Adrian Raine scrivono: "Anche se spesso si sostiene che solo l'incapacitazione può offrire una sicurezza adeguata, nella società odierna, dove le carceri mancano delle risorse necessarie per fornire cure adeguate e opportunità di riabilitazione, dobbiamo ammettere che le pene spesso aggravano comportamento recidivo, e quindi aumentare piuttosto che diminuire i tassi di criminalità "(vedi qui).

Una nuova rete di ricercatori interdisciplinari di giurisprudenza, filosofia, psicologia, neuroscienza e giustizia criminale, chiamata Justice Without Retribution Network (JWRN), è stata recentemente costituita per indagare se approcci non-retributivi alla punizione possano affrontare adeguatamente il comportamento criminale e se sarebbero preferibili al nostro sistema attuale. Il JWRN è uno sforzo congiunto della University of Aberdeen School of Law, che ospiterà la rete, la Cornell University, la Ghent University e SUNY Corning e sarà diretto da Elizabeth Shaw, Derk Pereboom, Farah Focquaert e io (Gregg Caruso) . La rete esplorerà le implicazioni pratiche dello scetticismo della libera volontà per il sistema di giustizia penale e valuterà se approcci non retributivi a comportamenti criminali che non si basano su una comprensione tradizionale del libero arbitrio possano essere eticamente difendibili e praticamente attuabili.

Lo scetticismo del libero arbitrio sostiene che ciò che facciamo, e il modo in cui siamo, è in definitiva il risultato di fattori al di fuori del nostro controllo e per questo non siamo mai moralmente responsabili delle nostre azioni nel senso del deserto di base – il senso che ci renderebbe veramente meritevoli di lode e biasimo. Una delle critiche più frequentemente espresse sullo scetticismo della volontà libera è che non è in grado di affrontare adeguatamente il comportamento criminale poiché è incoerente con il retributivismo, la più importante giustificazione per punire i criminali. Gli scettici del libero arbitrio, tuttavia, in genere rispondono che l'imposizione di sanzioni penali ha scopi diversi dalla punizione dei colpevoli: può anche essere giustificata dal suo ruolo nel rendere incapace, riabilitare e scoraggiare i trasgressori. Il mio modello di quarantena sulla salute pubblica (disponibile qui) è un esempio di approccio non retributivo al comportamento criminale, che ritengo sia sufficiente per trattare criminali pericolosi, porta a una politica sociale più umana ed efficace, ed è in realtà preferibile alle dure e spesso eccessive forme di punizione che tipicamente vengono con il retributivismo. Altri scettici del libero arbitrio – tra cui Derk Pereboom, Michael Corrado, Neil Levy e Benjamin Vilhauer – hanno sviluppato le loro alternative non retributive. Uno degli scopi del JWRN sarà quello di esplorare questi diversi approcci al comportamento criminale per vedere se sono eticamente difendibili e praticamente utilizzabili.

Nei prossimi anni, la rete Justice Without Retribution organizzerà diverse conferenze ed eventi, tra cui conferenze alla Cornell University (2016), Ghent University (2017) e l'Università di Aberdeen (2018) (vedi qui), oltre a produrre un certo numero di pubblicazioni. Riunendo ricercatori di spicco provenienti da diversi settori – tra cui accademici e responsabili politici, scettici liberi e difensori del retributivismo – la rete spera di spostare l'ago in avanti e dare pratica alla teoria. Forse, solo forse, un giorno abbracceremo la nozione di giustizia senza retribuzione.

Solutions Collecting From Web of "Giustizia senza retribuzione"