Giudicare la personalità nell'induismo, parte 2

Questo post continua una discussione su come le tradizioni della saggezza affrontano la domanda, "Come e quando, dovremmo giudicare la personalità?" (Vedi qui per un post che prepara il palco) …

Il libro degli insegnamenti indù, la Bhagavad Gita , fu scritto tra il 500 e il 200 aC, probabilmente ispirandosi a una precedente tradizione orale.

La Bhagavad Gita distingue tra le vie indù di devozione e divinità, da un lato, e la confusione e il male derivanti dall'ignoranza di tali insegnamenti, dall'altro.

Particolarmente rilevante per questa serie di post, la Bhagavad Gita contiene scritti riguardanti il ​​modo migliore per giudicare se stessi e gli altri.

La Bhagavad Gita prevede una conversazione tra Arjuna e Sri Krishna. Arjuna è un principe e un guerriero che deve decidere se entrare in una battaglia che potrebbe mettere a rischio molte vite, comprese le vite di alcuni dei suoi familiari che si trovano dalla parte opposta, e anche le vite degli altri che lui rispetta. L'insegnante, Sri Krishna, aiuta Arjuna a trovare la sua strada. All'interno del poema epico Krishna alla fine si rivela come una manifestazione di Dio.

Krishna descrive coloro che sono più vicini al divino – quelli che gli sono più cari – e così facendo, implica come i loro giudizi sui loro compagni uomini e donne possano differire da quelli che sono malvagi e confusi.

Caro per me è l'uomo che odia nessuno, che si sente per tutte le creature,
Chi ha perso i pensieri di "io" e "mio", che non è eccitato da
dolore o gioia.
chi è paziente e sereno, risoluto e sottomesso.

Caro per me è l'uomo che non infastidisce né si infastidisce,
Chi è libero dall'eccitazione, dalla gelosia, dalla paura e dalla preoccupazione.

Tali individui illuminati, dice Krishna, sono distinti da quelli non illuminati:

Il demoniaco confonde ciò che dovrebbe essere fatto con ciò che non dovrebbe essere fatto:
non hanno né virtù, né buona condotta, né verità.

Ipocrita, vanitosa e feroce, gonfiata dall'ambizione esagerata,
Loro lasciano che la loro ignoranza generi cattivi pensieri e lottano per la rovina del mondo.

"… Oggi mi è piaciuto, domani mi divertirò;
… Conosco successo, potere e piacere.
Ho una ricchezza incalcolabile, sono nato di buon auspicio.
Che uomo è come me? "…

Vano, egoista e ossessionato dai beni, …
insolente e appassionato, detestano l'Atman
in se stessi e negli altri.

Sebbene la Bhagavad Gita non affronti direttamente come una persona dovrebbe giudicare un'altra, le descrizioni del caro a Krishna e degli illusi e confusi sembrano molto suggestive a questo riguardo.

Una persona cara a Krishna ed equilibrata e vicina alla grazia (sattvika), "chi odia nessuno … prova per tutte le creature, né infastidisce né si infastidisce … [ed è] … libera dall'attaccamento", sembra probabile che giudichi con empatia e in modo distaccato, mite e imparziale.

Al contrario, qualcuno che è deluso e confuso (tamasika) è "vanitoso … gonfiato … insolente" e chiede "Che uomo è come me?". Una persona simile vedrà gli altri meno di lui e, di conseguenza, probabilmente giudicherà gli altri negativamente e con disprezzo.

Una persona che è confusa e illusa, in altre parole, probabilmente è anche un giudizio severo e negativo nei confronti degli altri. I seguaci di Krishna, al contrario, sono più distaccati, meno facilmente infastiditi e meno inclini a giudicare.

I seguaci di Krishna sono istruiti a cercare e comprendere il loro vero io interiore, il loro atman. Per fare questo spesso richiede l'aiuto di uno yoga (insegnante). Gli insegnanti, tuttavia, per avere successo, devono essi stessi giudicare i loro studenti e i loro personaggi, in modo da aiutare quegli studenti a scegliere il percorso appropriato per l'apprendimento.

Descriverò di più su questo nel prossimo post su come giudicare le persone nella tradizione Hindu …

* * *

Fare clic qui per informazioni sull'analista della personalità, inclusi programmi, serie precedenti e politiche.

Clicca qui per i post precedenti di questa serie.

Gli appunti. Come risorsa generale, ho fatto riferimento a Smith (1991). Le religioni del mondo. San Francisco: Harper Collins. Le citazioni dalla Bhagavad Gita provengono da Lal, P. (Trans) (1965). La Bhagavad Gita. Lake Gardens, Calcutta: P. Lal. "Caro per me è l'uomo che non odia nessuno …" Dal Capitolo 12: La Via della Devozione (pagina 49), "Il demoniaco confonde …" Capitolo 16: Il Divino e il Demoniaco. p. 60.

Correzione 08/09/09: Ho chiarito nel 4 ° paragrafo che Arjuna espresse il timore per le vite degli altri nell'entrare in battaglia. Il post originale parlava della sua paura per la propria vita; la correzione rappresenta una maggiore fedeltà al testo. Grazie ad un commento sul post di "Seshagiri" per aver segnalato il problema.

(c) Copyright 2009 John D. Mayer

Solutions Collecting From Web of "Giudicare la personalità nell'induismo, parte 2"