Giudicare la diversità, parte II

Nelle settimane trascorse dall'ultima volta che ho postato l'argomento, gran parte del furore è diminuito riguardo ai precedenti commenti fatti da Sonia Sotomayor riguardo al ruolo del genere e dell'identità razziale nel giudizio giuridico. In effetti, pochi giorni dopo il mio post, Newt Gingrich (sorta di) ha ritrattato la sua affermazione che Sotomayor era un razzista. Posso solo supporre che l'abbonamento regolare di Gingrich al mio blog abbia avuto un ruolo nella sua (sorta) inversione.

Ma come ho suggerito alla fine di quel post, a mio parere, la questione ancora più interessante di genere / razza ispirata alla nomina di Sotomayor è come la sua aggiunta alla Corte potrebbe avere un impatto sulle tendenze dell'entità della 9-giustizia. Perché la ricerca in una vasta gamma di campi fornisce prove convincenti che la composizione demografica di un gruppo può influenzare il modo in cui si fa prendere decisioni.

C'è una ragione, dopo tutto, che la "diversità" è emersa come una parola strana agli albori del nostro nuovo millennio. Certo, si potrebbe obiettare che il labiale servizio che molti politici, amministratori delegati e amministratori universitari pagano per sostenere iniziative sulla diversità riflette semplicemente le norme contemporanee di correttezza politica. Ma c'è più di quello che sta succedendo.

Sei anni fa, perché dozzine di ex leader militari e amministratori delegati di quasi 70 società della Fortune 500 hanno depositato memorie presso la Corte Suprema schierandosi a favore del processo di ammissione alla corsa della University of Michigan? Era perché pensavano che li avrebbe fatti sembrare buoni? Da una sorta di obbligo morale percepito? Tieni presente che non si tratta di individui che tendono a sacrificare l'efficienza della linea di fondo in nome della reputazione o dei sondaggi di opinione pubblica. No, il loro sostegno all'azione affermativa riflette una convinzione, basata sull'esperienza istituzionale, che la diversità ha effetti osservabili, anche quantificabili, sulla performance di un gruppo (effetti positivi, in questo caso).

Questa è la questione più provocatoria sollevata dalla nomina di Sotomayor, e cioè che la sua presenza influirà sul processo decisionale della Corte. Questa è, alla fine, l'assunto alla base di molte iniziative legate alla diversità: i diversi gruppi sono in qualche modo diversi dai gruppi non diversi. Ma come si suppone che la diversità demografica si traduca in differenze nelle prestazioni di gruppo e nel processo decisionale? Direi che ci sono almeno tre processi in base ai quali si verifica tale influenza.

1) La semplice spiegazione demografica . Ad esempio, se uomini e donne, in media, tendono ad avere opinioni diverse su un determinato argomento, è probabile che cambiando la composizione di genere di un gruppo cambi i suoi totali di voto su quell'argomento. Continuando con l'esempio di genere, le donne hanno più probabilità di essere registrate democratiche rispetto agli uomini. Quindi, se stai mettendo insieme un focus group per valutare un dibattito presidenziale, più donne nella stanza, più probabile sarà il gruppo a votare il Democratico come vincitore, solo per semplici dati demografici.

Nel caso della Corte Suprema, la nomina di Sotomayor non avrà probabilmente un effetto molto importante in questo senso. La giustizia che lei sostituirà, David Souter, è generalmente considerata un liberale moderato. In molti dei casi che compaiono davanti alla Corte, Sotomayor può benissimo votare allo stesso modo di Souter, portando a nessun cambiamento netto nel risultato di gruppo a causa dei dati demografici. Le cose sarebbero state diverse, naturalmente, se Sotomayor avesse sostituito uno degli ultimi due giudici per lasciare la Corte, Rehnquist o O'Connor.

2) Informazioni sullo scambio di informazioni. La diversità di un gruppo ha anche il potenziale per cambiare la portata delle informazioni scambiate durante le sue deliberazioni. Questo è, direi, il modo in cui molti di noi pensano alla diversità: porta in tavola un gruppo di persone con una vasta gamma di esperienze e porti anche una vasta gamma di prospettive ed esperienze.

Per esempio, in uno studio di finte giurie che ho condotto alcuni anni fa, abbiamo scoperto che quando si discuteva del processo di assalto di un imputato nero, giurie di razza diversa in realtà avevano deliberato più a lungo di quanto non facessero tutte le giurie bianche. Diverse giurie hanno discusso una gamma più ampia di fatti probatori dal processo in sé, sollevato più domande su ulteriori prove che avrebbero voluto essere state presentate, ed erano più disponibili a discutere questioni controverse durante le deliberazioni di quanto non fossero tutte le giurie Bianche.

Nel caso di Sotomayor, ci sono molti che sostengono che aggiungere una donna e il primo latino alla Corte sia importante proprio a causa di questo scambio di informazioni, perché le donne e le minoranze etniche vedono molte cose diversamente da uomini e bianchi, e questi diversi i punti di vista sono stati sottorappresentati (o non rappresentati affatto) sul campo più alto. E probabilmente hanno ragione, almeno per alcuni dei problemi che verranno presentati alla Corte: la ricerca suggerisce che i giudici di sesso femminile sono più propensi dei giudici di sesso maschile a trovare per il querelante in cause di discriminazione sessuale.

La mia reazione all'idea di scambio di informazioni è più mista, lo ammetto. Penso certamente che sia importante avere una migliore rappresentanza di donne e gruppi etnici, religiosi e di minoranza sessuale nella Corte Suprema e in altre aule di tribunale, sale riunioni e aule in tutto il paese. Fare così non solo parla di valori fondamentali come la rappresentatività e l'equità di base, ma rafforza anche la legittimità percepita di queste varie istituzioni.

Ma preso troppo lontano, l'idea dello scambio di informazioni può essere un'eccessiva semplificazione. Insinuare che esiste una "prospettiva femminile" o una "prospettiva di Latina" su un problema suggerisce un monolite che è al tempo stesso non realistico e ingiusto per la nuova giustizia. Come chiunque sia mai stato chiesto – apertamente o più sottilmente – di "parlare per" il proprio gruppo demografico che Ican attesta, mettere l'onere degli effetti della diversità direttamente sulle spalle dei membri delle minoranze è un onere gravoso da portare. Ecco perché penso anche che sia importante tenere a mente …

3) Effetti non informativi della diversità. Nello studio della giuria finta che ho menzionato sopra, molti degli effetti della diversità che abbiamo osservato derivano dal fatto che i giurati bianchi si sono comportati in modo molto diverso nei gruppi omogenei rispetto a quelli eterogenei. Forse a causa di una combinazione di preoccupazione per l'apparente correttezza e l'aspettativa di una discussione tesa, i giurati finti bianchi hanno fatto un lavoro migliore e hanno ricordato accuratamente i fatti del caso quando facevano parte di una giuria diversa.

E i dati che ho citato sopra riguardo al sesso dei giudici nei casi di discriminazione sessuale? Bene, si scopre anche che semplicemente avere un giudice donna seduto su un pannello di tre giudici rende anche i giudici maschi più propensi a schierarsi con la querelante. E nei casi di diritti di voto, il semplice fatto di avere un giudice Nero seduto su un pannello rende i giudici bianchi più propensi a concludere che una violazione sia avvenuta.

Vedete, effettivamente pensiamo e vediamo il mondo in modo diverso quando siamo in contesti diversi. Non devi credermi sulla parola – guarda quello che Antonin Scalia ha detto una volta sull'impatto che la presenza di Thurgood Marshall ha avuto sulla discussione dei casi nei tribunali:

Marshall potrebbe essere una forza persuasiva semplicemente seduto lì. Non avrebbe dovuto aprire bocca per influenzare la natura della conferenza e quanto seriamente la conferenza avrebbe preso questioni di gara.

Così la diversità aggiunta che Sonia Sotomayor porterebbe alla Corte Suprema influirà sulle sue dinamiche e sul suo processo decisionale? Probabilmente, ma non semplicemente perché dovrà inserire nella discussione di gruppo la prospettiva "femminile" o "latina". Se la ricerca sulla scienza comportamentale e le esperienze passate sulla Corte sono degli indicatori, allora l'aumento della diversità avrà un impatto anche sul modo in cui i giudici attuali elaborano e valutano le informazioni prima di loro.

Non sono solo gli individui della minoranza demografica a essere responsabili e influenzati dagli effetti della diversità. Siamo tutti noi

Sì, anche Newt.

Solutions Collecting From Web of "Giudicare la diversità, parte II"