Giudicando la diversità, parte I

Come accademico la cui ricerca si concentra su 1) gli effetti della diversità sul processo decisionale di gruppo e 2) le prospettive psicologiche sul sistema legale americano, c'è molto sulla nomination di Sonia Sotomayor alla Corte Suprema che attira il mio interesse. In qualche modo prevedibile, la copertura mediatica e la reazione politica alla sua selezione si sono concentrati su questioni di genere e razza, portando in primo piano il discorso pubblico sull'intersezione dei dibattiti contemporanei sulla diversità, sull'attivismo giudiziario e sull'identità personale.

Gran parte della frenesia immediata dopo la nomina di Sotomayor ha assunto la forma della carica imposta da Newt Gingrich e Rush Limbaugh – che il giudice è un "razzista" alla luce dei suoi precedenti commenti sul ruolo della razza e del gioco di genere nel processo decisionale giudiziario . Nel caso lo avessi perso, la citazione precisa al centro della polemica era la seguente: "Spero che una saggia donna latina con la ricchezza delle sue esperienze sia più spesso che non raggiunga una conclusione migliore di un maschio bianco che non ha" Ho vissuto quella vita. "

Tra gli altri argomenti, Gingrich ha suggerito che se qualcuno avesse fatto lo stesso tipo di commenti sulle migliori conclusioni, auspicabilmente raggiunte dai giudici bianchi e maschi, avrebbe dovuto ritirare immediatamente la sua nomina. Ha assolutamente ragione.

Per quanto riguarda la razza, il genere e molte altre categorie sociali, le dinamiche di potere che esistono nella nostra società non sono simmetriche. Una citazione del genere avrebbe, inequivocabilmente, avuto un sentimento diverso da un giudice di White White riguardo alla mascolinità bianca, proprio come Chris Rock può raccontare barzellette sui bianchi con impunità che dovrebbe ispirare invidia tra i suoi colleghi bianchi.

Quindi Gingrich ha ragione: ci sono sicuramente standard diversi per come i commenti vengono interpretati in base al background di chi parla. Ma per quanto riguarda l'accusa secondo cui Sotomayor è un razzista la cui nomina dovrebbe essere ritirata? Questa affermazione è difficilmente convincente.

Quando in realtà leggi tutto il suo discorso, diventa impossibile sostenere la conclusione che Sotomayor sia un razzista o qualcosa di simile a un estremista. Si può ragionevolmente non essere d'accordo con aspetti o anche la spinta principale di ciò che ha da dire. Ma è chiaramente un ragionamento ragionato, razionale e rispettoso del ruolo che lei crede che il genere e la razza giochino nel sistema legale, per non parlare nella vita quotidiana più in generale.

La citazione su cui Gingrich e Limbaugh si sono concentrati si avvicina alla fine del discorso, mentre Sotomayor discute la questione spinosa di come le esperienze personali e l'identità di un giudice influenzano le prestazioni in panchina. È rispettosamente in disaccordo con una citazione spesso attribuita all'ex giudice Sandra Day O'Connor, vale a dire che un saggio vecchio e una vecchia saggia prenderà la stessa decisione in un caso. Penso che il giudizio di Sotomayor sui giudici e sull'identità sia il più accurato, anche se è anche più controverso.

La linea di partito tra i giudici è che essi si limitano a pronunciarsi su ciascun caso nel merito: che la decisione che raggiungono è un risultato inevitabile basato sull'insieme degli argomenti presentati. In altre parole, molti giudici sostengono l'idea dal basso verso l'alto del processo decisionale giudiziario: i giudici imparano a valutare imparzialmente le informazioni di cui dispongono nel prendere una decisione sulla questione di ordine superiore di fronte a loro. Questo è il punto cruciale dell'aforisma O'Connor.

Ma come ho già scritto in precedenza, il processo decisionale è molto più top-down di quanto vorremmo pensare che sia. Cioè, per prima cosa arriviamo alla nostra ultima conclusione, e poi valutiamo le prove a supporto in un modo che giustifica la conclusione che abbiamo preferito iniziare. Guarda come gli sportivi reagiscono in modo così diverso quando le accuse di steroidi iniziano a ronzare intorno alle teste dei giocatori della loro squadra preferita. So che va contro il protocollo legale suggerire questo, ma i giudici non sono diversi rispetto al resto di noi in questo senso.

Prendiamo il famigerato – e almeno un attuale Giustizia, scomodo da discutere – la decisione della Corte Suprema in Bush v. Gore nel 2000. E 'semplicemente una coincidenza che i cinque giudici conservatori-inclinanti su quella Corte abbiano deciso in modo tale da beneficiare il candidato presidenziale repubblicano? E i quattro giudici più liberisti hanno votato nella direzione democratica-amichevole? C'era davvero qualcosa di così avvincente in questo caso particolare che i giudici conservatori furono persuasi ad andare contro le loro tendenze tipiche intervenendo con forza in una questione di stato? Mi sembra che il processo decisionale dall'alto verso il basso sia una spiegazione molto più convincente e parsimoniosa per il voto del 5-4.

E questo è solo un esempio. Vedi, ho letto il discorso di Sotomayor e sono giunto alla conclusione che lei è onesta e abbastanza realistica. Naturalmente le esperienze passate e le interazioni dei giudici colorano il modo in cui vedono i casi. Suggerire il contrario, affermare che questi individui sono in grado di elevarsi al di sopra della percezione soggettiva del mondo su cui il resto di noi fa affidamento, è ingenuo o ingenuo.

L'argomentazione di Sotomayor, anche se non lo precisa esplicitamente, è che tutti i giudici – non solo le latine, non solo le donne, e non solo lei – sono influenzate dal loro passato. Da una prospettiva psicologica, lei ha ragione sui soldi. Anche se nessuno al Congresso ha pensato di chiedere, per esempio, ai giudici Alito o Roberts durante le loro udienze di conferma, come la mascolinità bianca abbia influenzato le loro decisioni in panchina, tale influenza si verifica certamente in una forma o in una forma. Come non potrebbe? A parte l'aspetto austero e le vesti nere, i giudici sono umani come il resto di noi.

È il riconoscimento di Sotomayor a questa umanità che è al centro della controversia sulle sue osservazioni. Non fa mai affermazioni assolute che i giudici di Latina siano più saggi o migliori dei giudici bianchi. Piuttosto – per analizzare le sue parole – suggerisce che spera che un saggio giudice di Latina con una ricchezza di esperienze spesso raggiunga conclusioni migliori di un maschio bianco che non ha vissuto una vita piena di interazioni e sforzi così diversi. Lei crede che l'esposizione a una vasta gamma di punti di vista e le persone rende un giudice migliore. Justice O'Connor e altri potrebbero obiettare diversamente, suggerendo che tali esperienze personali sono irrilevanti. È un foraggio interessante e provocatorio per il dibattito.

In tutta onestà, però, per me la domanda ancora più interessante è come Sotomayor – se lei è confermata – potrebbe alterare le dinamiche di gruppo della Corte di 9 persone. La ricerca in domini sia legali che altrimenti offre prove convincenti che la composizione demografica di un gruppo può avere un impatto profondo sul modo in cui prende le decisioni. E l'analisi delle decisioni effettive dei giudici rivela il sostegno all'affermazione di Sotomayor secondo cui i vecchi e saggi giudici, maschi e femmine, non sempre guardano negli occhi. Esplorerò queste e altre idee nel mio prossimo post …

Solutions Collecting From Web of "Giudicando la diversità, parte I"