Giornata mondiale degli animali: una celebrazione globale per futuri promettenti

Il 4 ottobre è la Giornata mondiale degli animali 2017. È un momento meraviglioso per valutare attentamente come animali non umani (animali) stiano viaggiando in un mondo dominato dall'uomo e per festeggiare i successi nel ridurre e abolire il dolore, la sofferenza e la morte "nel nome degli umani". , per coincidenza, anche se non credo davvero nelle coincidenze, questo è il mio 1000 saggio su questo sito. Mi stavo chiedendo cosa avrei potuto scrivere in questa occasione, e sono entusiasta di vedere la convergenza non pianificata di questo giorno speciale per gli animali e la mia scrittura per Psychology Today . Non avrei potuto programmarlo meglio se ci provassi.

La Giornata mondiale degli animali è un evento globale e in tutto il mondo ci sono celebrazioni di successi e speranze. Uno dei temi di questo giorno speciale è offerto in questo poster, vale a dire, ognuno può fare la differenza nella vita di altri animali.

Courtesy World Animal Day UK
Fonte: Courtesy World Animal Day UK

E, insieme con le celebrazioni di ciò che è stato fatto per proteggere altri animali dagli abusi e dalla morte orribili, è necessario guardare avanti per rendere la vita migliore e migliore per i miliardi di non umani che ancora soffrono e muoiono per mano degli umani .

La scienza del benessere animale

Un argomento su cui ho scritto riguarda il modo in cui la scienza del benessere degli animali fallisce altri animali perché li proteggia "in nome degli umani". A tal fine, nel nostro libro L'agenda degli animali: libertà, compassione e convivenza nel L'età umana , Jessica Pierce e io abbiamo sostenuto che dobbiamo sostituire la scienza del benessere degli animali con la scienza del benessere animale in cui conta la vita di ogni singolo individuo . La nostra opinione è coerente con gli obiettivi del campo interdisciplinare in rapida crescita della conservazione compassionevole in cui i principi guida sono "Primo, non nuocere" e ogni individuo conta.

Il nostro libro ha attecchito da un senso condiviso di frustrazione con la scienza e con un particolare tipo di scienza. Avevamo entrambi assunto, prima nelle nostre carriere, che lo studio scientifico delle vite emotive e cognitive degli animali avrebbe portato a importanti cambiamenti nel modo in cui gli esseri umani trattano gli altri animali – come non potrebbe? Una volta che le persone vedono che gli animali sono intelligenti e si sentono creature, proprio come noi, non saranno in grado, in buona coscienza, di infliggere sofferenze e privazioni. Sembrava, mentre ci guardavamo intorno, che la ricerca accumulata nella vita interiore degli animali non aveva fatto nulla per aiutare la loro situazione: più animali venivano allevati e macellati per il cibo, altri sono tenuti prigionieri in luoghi di intrattenimento, la ricerca di laboratorio invasiva si sta espandendo , e così via. Abbiamo avuto molte discussioni in cui siamo rimasti perplessi su questo apparente paradosso: più sappiamo, le cose peggiori si ottengono per gli animali.

L'agenda degli animali era il nostro tentativo di capire perché la scienza sta fallendo gli animali. La risposta, in breve, è che lo studio delle emozioni e della cognizione animale è stato incanalato nella scienza del benessere degli animali. E la "scienza del benessere" non è la scienza al servizio degli animali, ma piuttosto la scienza al servizio dell'industria.

La scienza del benessere animale che sviluppiamo si concentra sui singoli animali e non permetterebbe agli animali di essere usati e abusati nel modo in cui lo permette il benessere. Il Welfarism mette al primo posto i bisogni umani e cerca di accogliere gli animali all'interno della struttura "bisogni umani prima". Il benessere allarga la questione di "cosa vogliono e di cui hanno bisogno gli animali" al di là del welfare box e cerca di capire le preferenze degli animali dal punto di vista degli animali. Ad esempio, l'assistenzialismo chiede se il visone in una fattoria di pelliccia preferirebbe gabbie più alte o più corte; il benessere sfida l'idea che il visone dovrebbe essere in gabbie di batterie in una fattoria di pelliccia, in primo luogo, perché non possono avere un vero benessere o "buone vite" in tali condizioni, indipendentemente da quante modifiche del benessere apportiamo.

Quindi, la linea di fondo per i welfarist è che stanno cercando di rendere la vita marginalmente migliore per gli animali nelle arene in cui gli animali vengono sfruttati, lasciando indiscusse le pratiche umane che causano tremende sofferenze agli animali. Il Welfarism è un salasso per la nostra coscienza.

Colmare il divario di traduzione delle conoscenze

Sosteniamo anche che in futuro dobbiamo usare ciò che conosciamo per conto di altri animali. Scriviamo del gap di traduzione della conoscenza, riferendosi alla pratica di ignorare tonnellate di scienza che mostrano che altri animali sono esseri senzienti e che vanno avanti e causano danni intenzionali nelle arene orientate all'uomo. Su larga scala, significa che ciò che ora sappiamo della cognizione e dell'emozione animale non è stato ancora tradotto in un'evoluzione negli atteggiamenti e nelle pratiche umane. Un grande esempio del divario di traduzione delle conoscenze si trova nella formulazione dell'Atto federale sul benessere degli animali (AWA), che esclude esplicitamente ratti e topi dal regno Animalia (anche se un primo selezionatore sa che ratti e topi sono animali). Nel gergo post-elettorale, potremmo anche chiamare l'AWA come un "fatto alternativo".

Lo stato e il futuro di altri animali

Abbiamo bisogno di un altro e di un concetto più saggio e più mistico di animali. Remoto dalla natura universale, e vivendo per artificio complicato, l'uomo nella civiltà esamina la creatura attraverso il vetro della sua conoscenza e vede così una piuma ingrandita e l'intera immagine in distorsione. Noi li proteggiamo per la loro incompletezza, per il loro tragico destino di aver preso forma sotto di noi. E qui sbagliamo e commettiamo grandi errori. Perché l'animale non deve essere misurato dall'uomo. In un mondo più vecchio e più completo del nostro si completano completati e completi, dotati di estensioni dei sensi che abbiamo perso o mai raggiunto, vivendo da voci che non sentiremo mai. Non sono fratelli, non sono inferiori; sono altre nazioni, prese con noi stessi nella rete della vita e del tempo, compagni prigionieri dello splendore e del travaglio della terra. Henry Beston, The Outermost House

Questa citazione dal bel libro di Henry Beston è uno dei miei preferiti di tutti i tempi. Ci vado costantemente perché dice tanto di chi sono gli altri animali e delle nostre relazioni con loro. In primo luogo, effettivamente vediamo gli altri attraverso i nostri sensi e, come abbiamo visto chiaramente, i cani non sentono il mondo come lo facciamo. Quindi i nostri punti di vista sono, in effetti, distorti. Inoltre li proteggiamo per non essere come noi, per ciò che percepiamo come loro incompletezza, come se fossimo completi. Questa rappresentazione errata consente ad alcune persone di collocare altri animali sotto di noi su una scala mitologica evolutiva. Sono indicati come esseri "inferiori", una mossa che si traduce in maltrattamenti violenti e abusi egregi. Come afferma Beston, "E qui sbagliamo", perché non dovremmo essere il modello contro il quale misuriamo altri animali.

Mi piace anche come vede gli altri animali come "altre nazioni", dal momento che questo ci chiede di vederli come gli esseri che sono, non come ciò che vogliamo che siano. E sicuramente, altri animali sono coinvolti nel "travaglio della terra", prigionieri di qualunque cosa vogliamo che facciano e di chiunque vogliamo che siano. Come abbiamo visto, questo comporta una notevole quantità di stress nelle loro vite mentre cercano di adattarsi a un mondo dominato dall'uomo.

Ecocentrismo, ribellione e speranza

"Che l'universo sia una comunione di soggetti piuttosto che una collezione di oggetti è l'impegno centrale dell'Ecozoico. L'esistenza stessa è derivata e sostenuta da questa intimità di ogni essere con ogni altro essere dell'universo. "(Brian Swimme e Thomas Berry, 1994, The Universe Story: dal Primordiale Flaring Forth all'Ecozoico: Una Celebrazione del Dispiegamento del Cosmo , 243).

Sono un ottimista portatore di carte e sono pienamente convinto che con un sacco di duro lavoro possiamo continuare a rendere la vita di altri animali molto meglio col passare del tempo. In un saggio intitolato "Un viaggio verso l'ecocentrismo: giurisprudenza e risonanza terrestre", sostengo che se adottiamo l'ecocentrismo nei nostri cuori e nelle nostre azioni c'è speranza. L'ecocentrismo riconosce che una visione della natura centrata sulla natura, piuttosto che umana, significherà che gli esseri umani dovranno cambiare i loro valori se favoriscono gli umani sulla natura nel suo insieme, compresi gli animali non umani e le loro case.

L'idea che tutti i residenti della Terra siano parte di una comunità interconnessa costituisce la base delle mie idee sulla "ricomposizione" personale che sono delineate Rewilding Our Hearts: Building Pathways of Compassion and Coexistence . Le idee sono nuove e richiedono trasformazioni spirituali personali (e alcune potrebbero dirsi individuali) che servono a ricollegare le persone alla natura e ad abbracciare la magnificenza del nostro pianeta. Tutti gli individui sono visti come soggetti interessati che devono lavorare insieme.

In Rewilding Our Hearts, ho sostenuto che rielabilizzando personalmente, annullando lo svezzamento e ricollegando e diventando incantato con la natura, compresi altri animali, possiamo superare la negatività e vedere il mondo in modi più positivi. Quello che chiamo "l'etologia del ribellarsi" implica concentrarsi su ciò che sappiamo su chi siano realmente gli altri animali e usare queste informazioni per arrivare ad un più profondo apprezzamento delle somiglianze e delle differenze tra animali non umani e tra animali non umani e umani.

In questo libro offro anche ciò che ho trasformato nelle '12 P's of rewilding ': essere proattivo, positivo, persistente, paziente, pacifico, pratico, potente, appassionato, giocoso, presente, con principi e orgoglioso . Negli ultimi 3 anni la lista è passata da 8 P a 12, e spero che continuerà ad espandersi nel tempo.

La Carta per la compassione degli animali

Teniamo presente anche la Carta per la compassione degli animali (vedi "La Carta per la compassione degli animali per non umani e umani" per un'intervista che ho condotto con Rob Percival, suo fondatore e direttore). Molti degli obiettivi di questa Carta sono in linea con la mia Dichiarazione Universale sulla Sensibilità Animale (per ulteriori discussioni si prega di vedere "Una Dichiarazione Universale sulla Sensibilità degli Animali: nessuna Finzione") e si fondono piacevolmente con gli obiettivi di Animal Sentience: Un Giornale Interdisciplinare su Sensazione animale.

L'importanza di lavorare con i giovani

Marc Bekoff
Fonte: Marc Bekoff

È anche essenziale lavorare con i giovani. Sono la speranza per il futuro e dobbiamo fare tutto il possibile per aiutarli a mantenere vive le loro speranze e i loro sogni. In un progetto in cui ai giovani è stato chiesto per cosa sono grati e quali sono i loro sogni, Jane Goodall e io abbiamo imparato che esiste già molta speranza nei giovani di tutto il mondo. Disegni dei ragazzi e dichiarazioni su ciò di cui sono grati e su ciò che sognano possono essere visti in Kids and Animals , un libro che è disponibile online gratuitamente. Un esempio meraviglioso è stato fornito da Anisa, in un programma Roots & Shoots a Barcellona, ​​in Spagna.

Marc Bekoff
Fonte: Marc Bekoff

Klara, che vive in Romania, ha scritto: "Ho un sogno: cani e gatti per essere liberi. Buon compleanno a loro. Ti amo! "Conner, di Denver, in Colorado, era grato agli alberi, e Claudia, in Italia, voleva che tutti gli animali avessero una famiglia adorabile e felice. Kids and Animals è pieno di dichiarazioni e disegni ispiratori, e mi ritrovo costantemente a riaccenderlo per riaccendere speranza e per mantenere vivi i miei sogni.

Marc Bekoff
Fonte: Marc Bekoff
Marc Bekoff
Fonte: Marc Bekoff

La Giornata mondiale degli animali invita tutte le persone a fare qualcosa per altri animali. Come ha detto Gretchen Wyler, "la crudeltà non può stare sotto i riflettori". E non c'è ragione per cui dovrebbe farlo.

Siamo molto fortunati ad avere altri animali nelle nostre vite e dobbiamo lavorare per il giorno in cui tutti loro si sentiranno molto fortunati ad averci nelle loro vite. Tutti quelli che possono così qualcosa devono fare qualcosa.

Altri animali hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere. A lungo termine, staremo tutti meglio, non umani e umani, quando lavoriamo come comunità unita per rendere il mondo un posto migliore per tutti.

Ricordiamo la Giornata mondiale degli animali e rendiamola una celebrazione globale per la speranza e per un futuro migliore per tutti gli esseri. In effetti, mi piacerebbe vedere ogni giorno essere la Giornata mondiale degli animali. Non c'è davvero alcuna ragione per cui questo non può essere così.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Ulteriori informazioni su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Giornata mondiale degli animali: una celebrazione globale per futuri promettenti"