Giornata di sensibilizzazione sull'HIV-AIDS degli uomini gay nazionali il 27/09/2017

John-Manuel Andriote/photo
Fonte: John-Manuel Andriote / foto

I Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) affermano che se i tassi attuali di nuove infezioni da HIV continuano, a uno su sei uomini gay / bi sarà diagnosticato l'HIV nel corso della loro vita. Ancora più sorprendente, metà dei gay / bi-uomini neri / afro-americani e uno su quattro gay / uomini latino-americani si infetteranno.

Allarmanti come questi numeri, continueranno a salire fino a quando non cambieremo il modo in cui pensiamo all'HIV.

Una nuova ricerca chiarisce quale sia il modo migliore per pensare a una nuova infezione da HIV, o una rinascita in una persona che vive con l'HIV che non sta assumendo correttamente le sue medicine è che è davvero un sintomo di qualcos'altro: trauma.

Considera questo: un ampio studio su uomini gay e bisessuali ha rilevato che quasi la metà (46%) degli omosessuali che riportano sesso anale senza conduttori, più alti tassi di alcol o di altre sostanze, più partner sessuali e più infezioni trasmesse sessualmente, riferiscono anche di essere abusato sessualmente da ragazzi. I numeri sono ancora più alti tra gli uomini afro-americani.

"Avere quella storia è ripetutamente associata in ogni campione di uomini gay con una maggiore probabilità di essere sieropositivi", ha detto uno dei ricercatori, Conall O'Cleirigh, Ph.D., in un'intervista per il mio nuovo libro Stonewall Strong: La lotta eroica degli uomini gay per la resilienza, la buona salute e una forte comunità . O'Cleirigh è un omosessuale, uno psicologo clinico del personale nel dipartimento di psichiatria del Massachusetts General Hospital e un assistente professore di psichiatria ad Harvard. Si è specializzato nell'uso della terapia cognitivo comportamentale per curare la depressione e altri disturbi dell'umore, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e disturbi d'ansia, in particolare tra le minoranze sessuali.

All'università della California di San Francisco, Edward Machtinger, MD, un omosessuale, professore di medicina e direttore del Programma HIV per le donne dell'UCSF, mi ha detto in un'intervista a Stonewall Strong che affrontare il trauma – compreso l'abuso sessuale infantile – ha letteralmente il potenziale trasformare le cure mediche primarie. Invece di trattare i sintomi con i farmaci, questo nuovo paradigma di "cura informata da trauma" mira ad affrontare i problemi di salute mentale e medica arrivando alle cause profonde di così tanti di questi problemi, e quindi promuovere una vera guarigione.

Machtinger ha descritto uno studio in un'altra clinica della UCSF, guardando i gay più anziani. Ha trovato un tasso di PTSD corrente del 12 percento, un tasso drammaticamente più alto rispetto ai tassi generali di PTSD tra gli uomini. "Per me", ha detto, "l'HIV è un sintomo, soprattutto nei nuovi casi di HIV, di un problema molto più grande: trauma non affrontato".

Per gli uomini gay più giovani, Machtinger ha detto: "Il loro HIV sembra essere un sintomo o una conseguenza di una storia soggiacente di trauma o discriminazione, stress tossico o qualsiasi altra cosa stia accadendo nella loro vita che li mette a rischio di HIV." che molti uomini gay più anziani di San Francisco hanno vissuto per anni con l'HIV, come gli uomini presenti nella storia del marzo 2016 di San Francisco Chronicle "Last Man Standing" – lotta contro la depressione, l'isolamento e pensieri di suicidio. "Queste non sono conseguenze dei loro farmaci per l'HIV o del virus dell'HIV", ha detto, "sono legate alle storie di fondo del trauma che non vengono affrontate semplicemente trattando il loro HIV con i farmaci".

Descrivendo un'analisi delle cause della morte nelle persone con HIV a San Francisco che stava facendo con il dipartimento della salute della città, Machtinger ha detto che era chiaro "quanto inadeguate sono le statistiche sulla morte". Riferendosi a come le morti sono classificate quando qualcuno con HIV muore, ha detto che è irresponsabile riferire che circa il 40 per cento delle persone che vivono con l'HIV muoiono di AIDS. Infatti, ha detto Machtinger, "Stanno davvero morendo per abuso di sostanze, depressione, PTSD e altre conseguenze del trauma che portano le persone a smettere di prendere i loro farmaci. È come morire da una condizione completamente prevenibile. "

Per quanto riguarda le soluzioni, Machtinger ha detto, "Ridurre l'isolamento è di gran lunga il modo più efficace che ho trovato per aiutare le persone a sviluppare meccanismi di coping più sani, che permettano loro di lasciare partner abusivi, perdonare se stessi e, infine, diventare leader nella loro comunità ". Ha aggiunto:" L'unico intervento più efficace che abbiamo, e che ho visto per aiutare le persone a guarire dall'impatto del trauma, è stata la divulgazione e la costruzione della comunità. Periodo."

Nel 1998, solo due anni dopo che le combinazioni di farmaci rendevano possibile vivere con l'HIV piuttosto che sviluppare l'AIDS e morire, l'ultimo attivista gay e AIDS Eric Rofes sembrava prevedere ciò che gli scienziati medici, come Conall O'Cleirigh e Eddy Machtinger , hanno dimostrato nella loro ricerca. Nel suo libro Reviving the Tribe: Rigenerare la sessualità e la cultura degli uomini gay nell'epidemia in corso , Rofes ha scritto: "Gli sforzi di prevenzione dell'AIDS indirizzati agli uomini gay dovrebbero essere riconcettualizzati come programmi di salute multipla per uomini omosessuali che includono componenti forti riguardanti l'uso di sostanze, bisogni di base (cibo, alloggio e abbigliamento) e salute sessuale (ampiamente definiti). Non prenderebbero più come missione centrale la limitazione della diffusione dell'HIV, ma invece mirano a migliorare la salute e la vita degli uomini gay ".

Le vite dei traumi – compresi gli abusi sessuali infantili, il bullismo, il rifiuto, la condanna religiosa e le discriminazioni legalmente sanzionate – non impostano gli omosessuali per una sana età adulta.

Ma se noi – e il CDC, il cui compito è quello di proteggere la salute del pubblico spendendo correttamente i nostri dollari fiscali su interventi efficaci – concentriamoci prima di tutto sulla guarigione dei nostri traumi, vedremo finalmente un vero cambiamento nei numeri e all'inizio della fine di HIV e AIDS tra i gay americani.

Solutions Collecting From Web of "Giornata di sensibilizzazione sull'HIV-AIDS degli uomini gay nazionali il 27/09/2017"