Giornalisti, medici, tutti: facciamolo bene

Facciamolo bene. Le vite dipendono da questo.

Ci sono, certamente, tonnellate di teorie complesse e spiegazioni contraddittorie quando si tratta di malattie mentali e diagnosi. Discutere sulla salute mentale materna non fa eccezione. Le definizioni sono sfocate, la ricerca non è sempre coerente con ciò che vediamo nella pratica clinica, gli esperti sfidano le classificazioni esistenti e, forse, soprattutto, ciò che è stampato in parole non è necessariamente valido per l'esperienza di ogni singola donna. Pertanto, le spiegazioni rimangono ambigue e aperte all'interpretazione.

Cos'è la depressione postpartum?

Quando una storia tragica (avviso di allerta) schizza i titoli, ci impegniamo nuovamente in una conversazione nazionale che riporta diagnosi e definizioni; esploriamo significati e implicazioni che portano un significato profondo. I media, affamati di esposizione, in genere sollevano la questione se queste catastrofi strazianti siano il risultato della "depressione postpartum". Per quanto ben inteso, questo riferimento indirizza la nostra attenzione e si focalizza sulla malattia sbagliata.

Non ci sono molti assoluti in questo campo di studi. I problemi di salute mentale sono per sempre fraintesi e travisati. Ho accettato che questa mancanza di chiarezza arriva con il territorio e ho cercato, per trent'anni, di essere un portavoce per conto di ciò che sappiamo. E ad essere onesti, più recentemente, alcuni giornalisti stanno iniziando a farlo bene. Alcuni fanno correttamente la differenziazione tra depressione postpartum e psicosi postpartum. Questo è un enorme passo nella giusta direzione.

Recentemente, c'è stato uno studio impressionante (Woolhouse) che ha sollevato importanti domande su se le nostre attuali pratiche di salute mentale e le cure primarie per le madri sono effettivamente sufficienti. La ricerca ha concluso che la percentuale di donne che soffrono di depressione è più alta tra le madri di quattro anni, rispetto alle madri entro i primi 12 mesi dopo l'anno di nascita. Questa è una grande informazione e ci ricorda che non abbiamo fatto attenzione alla salute mentale di una madre dopo il primo anno dopo il parto.

Non sorprende che Internet sia tutto questo e che lo studio sia pubblicato per il pubblico in generale per vedere che stiamo espandendo sempre più le nostre conoscenze sui bisogni di salute mentale delle madri. Questo è meraviglioso.

Tuttavia, stamattina, ho letto questo articolo sull'argomento – stesse grandi informazioni, stessa ricerca, stessi riferimenti al grande significato di questa ricerca, stesso tutto.

Tranne una cosa. Il titolo di questo particolare articolo: "Baby Blues più probabile dopo quattro anni di parto".

Veramente?

Leggere le parole. "Quattro anni di parto?" Va bene, darò loro una pausa. Intendevano dire "Quattro anni dopo il parto". Errore onesto.

Tuttavia, più inquietante: "Baby Blues".

Baby Blues? Quattro anni "di" o dopo il parto? Andiamo, forza. È ora di chiarire questo

Anche se può sembrare irrilevante, se non pignolo per evidenziare le parole inappropriate scelte per un articolo, si parla di un modello pervasivo di disinformazione che infetta l'accesso pubblico alle informazioni.

Diciamolo chiaramente che sappiamo:

1) Il baby blues si verifica SOLO durante le prime 2-3 settimane dopo il parto.

Il baby blues si riferisce a un evento transitorio, limitato nel tempo e limitato nel tempo, caratterizzato da labilità emotiva, ansia e tristezza, che si alternano a periodi di gioia ed eccitazione, stanchezza e irritabilità. Questa è considerata un'esperienza "normale" post-parto e si verifica in quasi l'80% di tutte le neo mamme. Nessun trattamento è necessario e questi lievi sentimenti di sofferenza si risolvono da soli. Se i sintomi che sembrano essere o si sentono come il blues, durano più di 2-3 settimane, non è il baby blues.

Medici, operatori sanitari, giornalisti e altri professionisti che si dedicano al mantenimento e al miglioramento della salute materna devono imparare e ricordare questo. Se i sintomi che sembrano essere blues-persistono oltre il marker di 2-3 settimane, non è più il blues del bambino. Potrebbe essere un altro umore postpartum o disturbo d'ansia e richiede una valutazione completa.

2) Le donne con depressione postpartum non uccidono i loro bambini.

Le donne con depressione postpartum (tristezza, senso di colpa, ansia, stanchezza, pianto, irritabilità, disperazione, insonnia) fanno di tutto per proteggere i propri figli. In realtà, le donne con depressione postpartum hanno molte più probabilità di uccidersi e il potenziale rischio di suicidio è alto quando i sintomi sono gravi. Vi è una lieve depressione postpartum, moderata depressione postpartum e grave depressione postpartum, a seconda dell'intensità dei sintomi e del livello di sofferenza. La grave depressione postpartum non è la stessa cosa della psicosi postpartum.

Le donne con psicosi postpartum, che è una malattia, distinte dalla depressione postpartum, possono (incredibilmente così) nascondere i loro sintomi di psicosi (allucinazioni, convinzioni bizzarre, paranoia, delusioni) in una certa misura. Famiglia, amici, operatori sanitari devono essere vigili se si sospetta la psicosi o se è a rischio. I sintomi sono aggressivi e sempre un'emergenza.

Perché è così urgente che abbiamo capito bene? Perché le donne hanno paura. Le donne sono confuse Quando i media e i loro medici non sono chiari, come possiamo aspettarci che trovino conforto nell'assistenza che ricevono o nelle parole che stanno leggendo?

Mentre aumentiamo la consapevolezza, possiamo, inavvertitamente, aumentare l'ansia se non stiamo attenti. Quelli di noi che lavorano in questo campo, a qualsiasi titolo, hanno la responsabilità di essere chiari su ciò che stiamo dicendo e su come lo stiamo dicendo. Essere informato. Fai i tuoi compiti. C'è molto in gioco.

copyright 2014 Karen Kleiman, MSW

credito pic

Solutions Collecting From Web of "Giornalisti, medici, tutti: facciamolo bene"