Gioia e dolore come un crogiolo dello spirito

Tutto è una lezione. Ogni esperienza che incontriamo nelle nostre vite, sia positive che negative, ci fornisce un'opportunità sia per l'evoluzione dell'ego sia per l'evoluzione dell'anima. Ciò che importa è che siamo aperti alle opportunità che la nostra vita ci presenta, riconoscendo sia il sacro nel banale sia il banale nel sacro.

Ottenere un biglietto di parcheggio perché non abbiamo alimentato il contatore è una lezione di responsabilità. Il sorriso che riceviamo da un addetto ai lavori quando usiamo queste stupide targhette e ringraziamo una persona per nome mentre usciamo da un negozio è una lezione di umanità e gratitudine. La perdita e la morte sono un'opportunità per salutare la trasformazione a testa alta.

L'idea qui è di prendere il più possibile da ogni momento, in modo da poter restituire completamente ogni momento. Questa è una sensibilità sia alla presenza mentale che alla presenza nelle nostre vite e nella vita degli altri. Uno dei modi in cui lo facciamo è mettere da parte l'ego.

C'è molto rumore negli insegnamenti di saggezza sul superamento dell'ego. A proposito di lasciar andare e non aggrapparsi. Va benissimo, ma non è il quadro completo. Come un mio insegnante ama dire "Se nessuno è a casa, chi tiene le luci accese?". In altre parole, non possiamo vivere in uno stato senza ego. Ma, se viviamo in uno stato pieno di ego, ci manca tutto; cosa più importante, ci manca l'opportunità di evolversi.

Quindi, viviamo con un piede in dentro e un piede fuori – un piede saldamente radicato nel qui ed ora e l'altro nel regno dell'anima e dello spirito. Per un uomo che cammina – per andare avanti – lui / lei deve avere due gambe, e per chi cerca il sé e lo spirito, questo significa vivere in questi due mondi contemporaneamente. Significa rimanere radicati nel qui e ora e approfittare delle opportunità presentate da qui e ora per forgiare lo spirito, avvicinandosi, quindi, alla Sorgente.

Se perdiamo un grande amore, per esempio, o se ci viene tolto, questa è una causa per piangere. Ma è anche un'opportunità in quanto il nostro dolore, piuttosto che legarci irrevocabilmente alla nostra tristezza umana, può essere un motore di evoluzione perché ci porta le lezioni dell'impermanenza e della costanza del cambiamento.

Dovremmo piangere la nostra perdita? Sì, perché siamo umani e sentiamo i nostri sentimenti; e la tristezza della perdita è probabilmente il più umano dei sentimenti. Ma, mettendo da parte il nostro ego – il nostro attaccamento, piuttosto che il nostro impegno, verso il qui e ora – possiamo muoverci in uno spazio di evoluzione dell'anima cogliendo l'opportunità di esplorare questi elementi di impermanenza, cambiamento di costanza, la nostra stessa paura e negazione della morte, e così via.

Quindi, ecco un esercizio – un "take away", come ama dire la mia amica Nancy. Dopo aver letto questo post, prenditi del tempo oggi per cercare la lezione in tutto e in ogni momento. È più facile (e, sì, richiede meno tempo) di quanto si possa pensare.

Mentre guardo intorno alla mia scrivania vedo un enorme mucchio di Post-it dal produttore di Abilify – e mi ricorda di essere grato per la generosità della mia collega Judy, che me li ha consegnati … Vedo una carta di credito scaduta , che mi ricorda di guardare la mia posta e di trovarne la nuova, di essere responsabile delle mie finanze e, per associazione, di me stesso … Vedo una piccola statua di bronzo di Ganesh, avvolta nel mala benedetto e donatami da Gurudev, che ricorda io che niente è impossibile (Ganesh supera tutti gli ostacoli) … Vedo i miei occhiali egregiamente costosi – un oggetto che non potrei mai permettermi – regalatami come regalo da un amico il cui amore e compagnia mi sono ormai persi, e mi viene in mente della gioia che mi ha portato nel nostro tempo insieme … Sento il freddo pavimento di bambù sotto i miei piedi nudi mentre la stagione è cambiata così rapidamente e drasticamente, e mi viene in mente che il cambiamento è, in effetti, l'unica costante … Vedo la luce del messaggio lampeggia sul mio telefono e mi viene in mente che ci sono persone che Io amo e le persone che mi amano …

Post-it notes, carte di credito, icone, occhiali, la tarda aria autunnale, i telefoni cellulari … questi sono i ken dell'ego, del banale. Gratitudine, responsabilità, cura di sé, forza d'animo, dignità, gioia, cambiamento, perdita, amore … questi sono i ken dell'anima e dello spirito, del sacro.

Il sacro nel banale e il banale nel sacro – è tutto a posto, se guardi.

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

My Psychology Today Therapists Profile
Il mio sito web

Inviami una email direttamente
Consultazioni telefoniche

Solutions Collecting From Web of "Gioia e dolore come un crogiolo dello spirito"