Gioco premiato, film sugli esseri umani, non psicopatologia

La storia inizia così: la gente spesso pensa che stia scherzando quando dico loro che in quattro anni di dottorato di ricerca. programma in Psicologia alla Duke University, ho imparato poco o nulla che è stato utile a chiunque, non importa qualcosa che potrebbe ridurre la sofferenza umana. Ma sono serio quanto posso essere quando lo dico. All'università di Harvard, mi ero laureato in inglese, e sebbene la facoltà di quel dipartimento tendesse ad avere un approccio alla letteratura che trovavo abbastanza sciocco e che portava via una meraviglia della grande letteratura, non era nulla rispetto alla visione tragicamente impoverita di esseri umani che ho incontrato in una scuola di specializzazione al Duca.

Il mio primo semestre al Duke, mi è stata offerta la possibilità di tenere un corso di laurea per laureandi su tutto ciò che ho scelto, e ho scelto "Concepts of Normality" e miravo a convincere i miei studenti che ogni modello di "normalità emotiva" è profondamente imperfetto. Ho poi trascorso un paio di decenni immerso nella psicologia clinica e nella ricerca e nell'insegnamento, e anche se ho amato l'insegnamento a causa degli studenti e perché potevo insegnare un approccio di pensiero critico, e sebbene stimassi alcuni dei miei colleghi, non potevo sopportare il il punto focale di tanti sulla patologia e il compiacimento di quegli psicologi che sembravano sinceramente convinti di sapere di più sui loro pazienti di quanto i pazienti sapessero di loro stessi.

Nel 1994, quando iniziai a scrivere They Say You're Crazy: come gli psichiatri più potenti del mondo decidono chi è normale – la mia esposizione di ciò che ho imparato come membro per due anni della famigerata Task Force DSM-IV , a cui Allen Frances mi aveva nominato, ero estremamente a disagio con i miei paragrafi di apertura. In qualche modo, mi sono reso conto che ciò era dovuto al fatto che erano lontani e astratti, anche se il libro avrebbe dovuto riguardare la patologizzazione totalmente ingiustificata di tante emozioni e comportamenti umani. Sollevato da questo riconoscimento, ho immediatamente scritto una serie di vignette di vita reale su persone specifiche, e il libro è diventato vivo per me in un modo più energizzante.

Quello stesso anno, con entrambi i miei figli ormai cresciuti da soli, mi resi conto di quanto mi mancasse il teatro, qualcosa a cui non avevo partecipato molto dai tempi del liceo. Ho trascorso tre mesi a Los Angeles studiando recitazione a tempo pieno presso l'Atelier di attori di Estelle Harman. Estelle era una cugina molto lontana e un insegnante di recitazione molto rispettato. Durante quei tre mesi trascorsi momenti illuminanti con la sua figlia più giovane, Eden Harman (in seguito Eden Harman Bernardy), che era un brillante insegnante di recitazione, sceneggiatore, drammaturgo e artista visivo … e che ha davvero apprezzato ogni momento della vita. La nostra famiglia ha una lunga tradizione di narrazione e Eden e io ci raccontammo molte storie. In diversi punti, quando citavo cose interessanti o commoventi che altre persone avevano detto, Eden mi fermò dicendo: "Era una grande frase!" Presto, mi disse che dovevo iniziare a scrivere commedie. Così ho fatto.

Anche se è stato estremamente stimolante, perché come insegnante e scrittore di saggistica, il mio scopo era quello di scrivere tutto nel modo più chiaro possibile, ed è mortale per la sceneggiatura, è stato glorioso tornare a concentrarsi sugli esseri umani in tutte le loro ricchezza, complessità, segretezza e mistero e farlo senza patologizzarli!

Lavorando nei decenni con sopravvissuti psichiatrici e con veterani militari (e spesso si sovrappongono tra i due gruppi), ho imparato da loro cosa li aiuta a guarire: connessione e creazione. La connessione può essere con una persona, un gruppo, un'organizzazione, un animale, un giardino, un'entità spirituale, una delle arti, educazione, azione politica e altro. La creazione può essere in quelle che di solito vengono considerate come le arti o nella creazione di una o più relazioni con gli altri o di un giardino o di una nuova entità come una comunità o un'iniziativa politica, un'impresa e molto altro.

Quindi, il mio spettacolo, SHADES, e il mio film, "Any Anybody Listening?" Parlano di persone che hanno avuto gravi problemi, persino traumi o altre tragedie, che hanno oscuri segreti che li tormentano, ma che usano connessione, amore, umorismo e creatività attraversare, anche per guarire. E nessuno nella commedia o nel film è patologizzato. Infatti, un personaggio di SHADES dice "Solo perché soffri non ti rende malato di mente" e nel film critichiamo esplicitamente la tendenza delle persone a chiamare gli effetti dei traumi di guerra e dei traumi da stupro "malattie mentali" e offriamo un modo molto semplice per aiutare coloro che sono stati così traumatizzati, cioè ascoltandoli con il 100% della nostra attenzione, i nostri cuori e il nostro rispetto.

Il regista di SHADES, Alex Keegan, e il suo cast di Ashley Wren Collins, Carson Lee, Hal Robinson e Holly Walker hanno già, nelle prove, incarnato in maniera squisita la ricca umanità dei loro personaggi e li amerai!

Spero che qualcuno di voi che potrebbe essere nell'area di New York tra il 9 novembre e il 17 dicembre vedrà SHADES (usate il codice di sconto HALFSHADES su www.cherrylanetheatre.org). Se desideri venire anche a vedere la proiezione (gratuita, pubblica) di "Qualcuno ascolta?" Il 13 novembre alle 16:15 scrivi a SHADESreservations@gmail.com e dì che parteciperai alla proiezione del film a novembre 13. Se sei un ex membro dell'esercito o un membro della famiglia di uno, su SHADESreservations@gmail.com, puoi prenotare biglietti gratuiti per il 13 novembre per la performance SHADES alle 14:00 o quella alle 19:00 che giorno.

Non vedo l'ora di vederti lì!

Inizialmente pubblicato su https://www.madinamerica.com/2016/11/dual-award-winning-play-film-human-…

Solutions Collecting From Web of "Gioco premiato, film sugli esseri umani, non psicopatologia"