Giocare con trucchi sul passato

The Headcase è a Washington questa settimana per alcune ricerche sulla seconda guerra mondiale. In diversi mesi di colloqui con i veterani e i loro coniugi, ho imparato che a volte qualcosa può scatenare un ricordo nitido da settant'anni indietro, ea volte tutto non può.

Parlando con un veterano due settimane fa, per esempio, dovevo solo menzionare il cognome di un detestato primo sergente che l'uomo potesse scoppiare, letteralmente, nel saluto standard di quel sergente: "Potrei frustare qualsiasi figlio di puttana in questo vestito, e se non mi credi ti vedrò dopo la ritirata. "* Eppure, in un'altra recente occasione, ho passato ore e ore a spingere la vedova di un veterano con date e luoghi precisi, solo per suscitare poco più di un sorriso gentile e antico.

Qualsiasi giornalista sa che la memoria è un'amante volubile. Un modo fidato per far uscire una donna onesta è con le fotografie. Qualcosa su sfogliare un album fotografico ci riporta a quella parata ininterrotta del passato. Per lo meno, una foto conferisce un elemento di certezza a procedimenti altamente incerti: o riconosci quello che succede nell'immagine o non lo fai.

Almeno questo è quello che ho sempre creduto. Risulta che non è interamente il caso. Un nuovo studio solleva alcuni importanti avvertimenti per l'accuratezza delle memorie foto-scattate. Mentre la ricerca passata ha trovato la prova che le persone ricorderanno falsamente parole simili ad altre apprese in una lista, il lavoro attuale estende la nostra fallibilità a immagini concrete.

In un recente numero della rivista Memory (pdf qui), gli psicologi Yana Weinstein e David R. Shanks concludono che esporre le persone al nome di un oggetto, o alla descrizione di un'azione, può ingannarli facendogli pensare di averlo visto in precedenza un'immagine di questo oggetto o azione che causa "livelli sorprendenti di falsi riconoscimenti".

Per produrre i loro risultati, Weinstein e Shanks avevano soggetti di test a guardare le immagini di oggetti comuni. I soggetti hanno quindi studiato i nomi degli oggetti, alcuni dei quali avevano visto nelle foto, alcuni dei quali non avevano. Dieci minuti più tardi i soggetti sono stati mostrati più foto e hanno dovuto scegliere quali hanno riconosciuto dalla visione precedente.

Alla fine, le persone identificavano con precisione le immagini che avevano effettivamente visto in precedenza, ed erano anche molto brave a sapere quali immagini non avevano mai visto. Dove hanno fallito, scrivono gli autori, era nella loro pronunciata tendenza a riconoscere falsamente oggetti la cui immagine è stata impiantata con parole ma non un'immagine reale:

È solo quando i partecipanti sono esposti al nome di un oggetto che la loro capacità di rifiutare un nuovo oggetto viene compromessa. … Interagire con il nome di un oggetto ha portato ad un aumento significativo del numero di immagini che sono state giudicate ricordate

Quindi, sebbene le immagini servano da utile ponte per la memoria, è fin troppo facile costruire questo ponte di paglia.

Criticamente, i ricercatori hanno esteso le loro conclusioni al di là dei semplici oggetti. Non mi aspetterei che un veterano ricordi i dettagli della procedura di clearing company quando viene mostrato un semplice elmetto della Croce Rossa, ad esempio, ma potrei aspettarmi di suscitare vividi ricordi con un'immagine di uomini della sua compagnia che si trova fuori dalla reale stazione di smistamento.

Tuttavia, in una sperimentazione di follow-up, i ricercatori hanno scoperto che i colpi d'azione – di persone reali coinvolte in attività reali – sono ugualmente corruttibili. Semplicemente descrivendo le azioni immaginarie per i soggetti del test innescato "robusto falso riconoscimento di fotografie raffiguranti persone che eseguono tali azioni".

Gli autori riconoscono le implicazioni del mondo reale dei loro risultati:

Questa scoperta può essere prontamente applicata a situazioni al di fuori del laboratorio, compresi i contesti legali, dove avrebbe forti implicazioni in termini di affidabilità della memoria di riconoscimento per prove fisiche che erano state precedentemente accennate a verbalmente.

Aggiungerei i contesti giornalistici a questa lista. Grazie mille, scienza, per aver reso la mia settimana un po 'più difficile.

* Questa minaccia è stata testata solo una volta, a quanto pare, e il sonuvabitch è stato effettivamente frustato.

(HT: BPS Research Digest)

Seguimi su twitter: e_jaffe

Solutions Collecting From Web of "Giocare con trucchi sul passato"