Giocare è buono

OK, quindi stavo navigando su Google per cose che riguardavano di nuovo il gioco per adulti. E attraverso ostinata ostinazione e sfortunata fortuna, ho trovato un articolo, scritto da Frank Oppenheimer nel 1980, chiamato da quelle stesse parole: "Adult Play" (PDF). Stava scrivendo in particolare sul tipo di gioco per adulti che si svolge nel suo incredibile museo della scienza, The Exploratorium:

Uno dei dipendenti più produttivi dell'Exploratorium mi disse alcuni anni fa che si sentiva confuso perché quello che stava facendo la maggior parte del tempo in officina stava giocando senza uno scopo particolare. Non capiva perché dovesse essere pagato per farlo, anche se il suo modo di suonare a volte portava alla nascita di mostre meravigliose e istruttive: mostre il cui scopo o forma principale non era in alcun modo concepito all'inizio del gioco. Mio fratello, quando era giovane, disse che il suo insegnamento gli faceva sentire che stava dando a qualcuno il valore del proprio denaro, mentre quasi nessuno dei suoi calcoli di ricerca aveva nulla a che fare con niente. Sembrava difficile per lui giustificare il fatto che fosse pagato per fare solo ricerche.

Che si tratti di costruzione di mostre o di ricerche o di sculture, si passa così tanto tempo a giocare senza pensare a un particolare fine. Un tipo di osservare senza pensare come funziona qualcosa o non funziona o quali sono le sue caratteristiche, proprio come quando, da bambino, giravo per casa con una bottiglia di latte vuota versando un po 'di ogni sostanza chimica, ogni droga, ogni spezia in bottiglia per vedere cosa succederebbe. Certo, non è successo nulla. Ho finito con un pasticcio grigio-marrone appiccicoso, che ho buttato fuori disgustato. Ma molte ricerche finiscono con lo stesso disordine amorfo e sono o dovrebbero essere buttate fuori solo per poi iniziare a giocare in un altro modo.

"Così tanto tempo", dice Oppenheimer, "si spende solo giocando senza un particolare fine in mente." Sì, certo, siamo tutti adulti qui e ci sono cose che speriamo di trovare o fare, cose che Sarò elogiato per, rispettato per, pagato, scoperte, qualcosa di nuovo, bello e vero. Ma mentre siamo in fase di scoperta, e siamo abbastanza fortunati da trovarci in un ambiente che alimenta quel processo, mettiamo tutte quelle speranze in un altro posto, e giochiamo, semplicemente suoniamo.

È eccezionale, l'ambiente creato da Oppenheimer, un ambiente di lavoro che favorisce il gioco degli adulti. Ha molto senso, e funziona così bene, ed è così divertente. Ed è ancora l'eccezione. Tanto l'eccezione che ci vuole un genio come Oppenheimer per farlo accadere. Vai a capire.

Solutions Collecting From Web of "Giocare è buono"