Giocare a carte, battere l'anoressia?

Giocare a carte, battere l'anoressia?

Certo che no, ma i ricercatori della Stanford University stanno facendo progressi con i pazienti con anoressia facendoli svolgere compiti, incluso un gioco di carte, che non hanno nulla a che fare con il cibo, il peso o l'immagine del corpo.

E questo è il punto. Questi sono argomenti neutri, dice Kathleen Kara Fitzpatrick, Ph.D. Per ognuno di noi, è molto più fattibile cambiare il nostro modo di pensare su argomenti non emotivi. E poi, forse, il nostro comportamento.

Come esempio di come l'approccio diretto si ritorce contro, Fitzpatrick cita l'avocado. Racconta al paziente tutti i benefici nutrizionali dell'avocado. Come hanno più potassio nutritivo di qualsiasi altro frutto, fitoestrogeni per una regolazione ormonale sana, 300 calorie per energia, beta carotene per occhi sani, e buoni tipi di grassi, mono e polinsaturi, un sostituto sano per cibi ricchi di grassi saturi . Per la maggior parte con disturbi alimentari, Fitzpatrick dice: "Ti alzerai e ricorderai solo che un avocado Haas ha 300 calorie".

In discussione è il contenuto emotivo del cibo, attorno al quale i pazienti hanno disegnato limiti e regole severi.

"Non si lasciano distrarre dal quadro più ampio, come il modo in cui la loro vita si riduce a una semplice preoccupazione per il cibo." (Dipartimento di Psichiatria Accademica, Kings College, Londra, 2005: "Sviluppare un modello di trattamento del disturbo alimentare usando ricerca neuroscientifica per esaminare il come piuttosto che il cambiamento. ")

Nel caso dell'avocado, l'immagine più grande è un corpo sano.

Quindi, gioca a carte.

L'ordinamento del Wisconsin Card richiede quattro carte, ognuna con un diverso colore, forma e equivalente numerico. Quindi ottieni una nuova carta e, in assenza di direzione, viene chiesto di abbinarla ad una delle quattro. Nell'illustrazione qui, la nuova carta potrebbe corrispondere a 1, 2 o 4. Scegline una e ti verrà detto se hai la partita giusta. Ad un certo punto, però, la regola cambia. All'improvviso stai facendo la stessa cosa e non ottieni lo stesso risultato. Devi "set-shift".

I ricercatori di Stanford hanno trovato adulti e adolescenti con anoressia acuta "continuano con una risposta precedentemente corretta anche se questo non è più corretto".

La terapia cognitiva (o riqualificazione) La terapia non è solo "divertirsi con i terapeuti", afferma Fitzpatrick. Né è la terapia autonoma. "Aiuta le persone a prepararsi per una terapia più intensiva." È un modo per praticare il cambiamento.

Come esempio di vita reale, un paziente con anoressia fa due enormi balzi dopo la CRT. I suoi registri alimentari ossessivamente dettagliati diventano meno giù all'ennesima potenza. Per un po 'guarda le porzioni di occhi e poi ha giorni in cui non scrive nemmeno nel suo diario degli alimenti. Lei infrange ulteriormente le sue regole chiamando un amico per organizzare un evento sociale.

Un altro vantaggio derivante dalla pratica del "set-shifting" è che può preparare i pazienti a ottenere di più dalla terapia. I pazienti di solito abbandonano quando sentono che il terapeuta non condivide i loro obiettivi. Ma con CRT, condividono il compito e le modifiche che richiede, con un terapeuta.

Questa dinamica può anche aiutare nelle interazioni frustranti tra un genitore e un bambino anoressico, spiega Fitzpatrick.

Madre: "Non capisco quello che dici" o "Non sono d'accordo".

Figlia: "Non riesco a pensare ad un altro modo di esprimerlo".

Fine della conversazione.

Se la figlia può praticare il cambio di set in modo neutro, come con le carte, forse può anche imparare a esprimere i suoi sentimenti in un altro modo.

Impariamo in base al feedback, ma le anoressiche spesso si isolano. (Un altro esempio potrebbe essere, dare indicazioni a qualcuno dicendo: "Svolta a sinistra a Safeway, proprio al prossimo segnale, lasciato al parco." Se quella persona pensa in termini di nomi di strade, potrebbe perdersi. persona per arrivarci, potrebbe essere necessario dare le indicazioni a modo loro.)

Nei prossimi post vedremo altre eccitanti e sorprendenti fonti di speranza per il trattamento dei disturbi alimentari.

Solutions Collecting From Web of "Giocare a carte, battere l'anoressia?"