Gioca: una prospettiva diversa

"Il gioco è considerato fine a se stesso.

– Silvan Tomkins

Giocare

Negli ultimi mesi, abbiamo esplorato i nostri primi sentimenti, o "affetti primari". Questo mese considereremo un altro argomento nel bel mezzo di questa discussione, e questo è il gioco.

Il concetto di gioco è stato oggetto di un'ampia letteratura, sia popolare che professionale ( vedi Riferimenti ). Il gioco è strettamente legato alla creatività, all'educazione, alla psicoanalisi e alla psicoterapia. Un sinonimo per il gioco è la ricreazione, o, forse meglio, la ricreazione, che trasmette il gioco come un processo.

Le relazioni genitore-figlio traggono enorme giovamento dal gioco. Il gioco aiuta lo sviluppo interno del bambino e le abilità interpersonali esterne. Perché succede? Come vedremo, il gioco coinvolge i due affetti positivi negli esseri umani: interesse (curiosità) e divertimento.

Teoria del gioco e affetto

Molto è stato studiato e scritto sul gioco, e vorremmo considerare il gioco da una prospettiva un po 'diversa, quella della teoria degli affetti. Cos'è il gioco, in termini di affetti primari?

Il gioco sembra essere un processo, principalmente, ma non solo, che riguarda gli effetti positivi di interesse e divertimento. Sembra implicare oscillazioni tra aumenti e diminuzioni di interesse e divertimento. Anche la sorpresa fa parte di questo processo. La sorpresa può rapidamente diventare tinta di effetti positivi o negativi. Anche se un affetto negativo viene brevemente provocato (ad esempio, angoscia), una riduzione della tensione (godimento) può essere vissuta come piacevole (cioè il gioco).

I collegamenti di Tomkins (Demos, 1995) giocano con l'eccitazione e, come per altri aspetti positivi, discutono dell'ottimizzazione del gioco:

" Il bambino è incoraggiato e ha il permesso di giocare con i genitori, con i compagni e da solo. Molte interazioni sono convertite in giochi e rituali ludici che altrimenti potrebbero essere neutrali, noiosi o spiacevoli. Il gioco è considerato fine a se stesso " (p.170).

Il gioco è anche strettamente legato alla competenza e stabilisce fiducia e autostima. Harry Harlow, nel suo lavoro con le scimmie, notò notoriamente: " L'esecuzione del compito forniva una ricompensa intrinseca " (Pink, 2009, p 3). Robert White (1959) usava il termine "motivazione per effetto" o piacere per effetto. Per White, la competenza si riferiva alla "capacità di un organismo di interagire efficacemente con il suo ambiente" (p. 297).

Mike Basch, nel suo libro Understanding Psychotherapy: The Science Behind the Art , riunisce questi concetti per spiegare come la nostra vita affettiva si rapporta alla competenza, alla fiducia e alla solida autostima nella nostra struttura caratteriale.

Il gioco è stato spesso collegato alla creatività (ad es. Brown, 2009; Pink, 2009; Amabile, 2009). La creatività, ovviamente, è un argomento importante e di per sé e ha generato un'enorme letteratura. Uno dei temi più coerenti in questo rapporto tra gioco e creatività ha a che fare con la motivazione intrinseca contro estrinseca – vale a dire l'interesse e il divertimento di una persona contro obiettivi, aspettative, valori dal mondo esterno. Questo in qualche modo esagera la dicotomia, ma tu capisci il punto.

Allo stesso modo, Bertrand Russell ha suggerito i termini creativo e possessivo:

" Io chiamo un impulso creativo quando il suo scopo è quello di produrre qualcosa che altrimenti non sarebbe lì e non è portato via da nessun altro. Lo chiamo possessivo quando consiste nell'acquisire per te stesso qualcosa che è già lì " (1960, p.130).

Silvan Tomkins ha scritto in dettaglio la sua differenza intrinseca / estrinseca (Demos, 1995). " I problemi costituiscono una polarità che si estende dall'estrema sinistra a metà della posizione stradale fino all'estrema destra. I problemi sono abbastanza semplici. L'uomo è la misura, un fine in se stesso, una forza attiva, creativa, pensante, desiderante, amorevole in natura? O l'uomo deve realizzare se stesso, raggiungere la sua piena statura solo attraverso la lotta, la partecipazione, la conformità a una norma, una misura, un'essenza ideale fondamentalmente precedente e indipendente dall'uomo? "(Pagina 117). Per Tomkins, il gioco e la creatività e una visione intrinseca avvengono focalizzando l'attenzione sugli affetti positivi, mentre la vista estrinseca tende ad essere più correlata agli affetti negativi.

La creatività scientifica è spesso concettualizzata come gioco, cioè i sentimenti di interesse, divertimento e sorpresa. Ecco un bell'esempio. Il modo di Charles Darwin fu descritto da suo figlio Francis brillante e animato mentre lavorava durante i suoi anni '60:

" Il suo amore per ogni particolare esperimento, e il suo zelo ardente di non perdere il frutto di esso, è emerso in modo marcato in questi esperimenti di attraversamento – nella cura elaborata che ha preso per non creare confusione nel mettere le capsule nei vassoi sbagliati, ecc. & c. Posso ricordare che il suo aspetto ha contato i semi sotto il semplice microscopio con una prontezza che di solito non caratterizza il lavoro meccanico come contare. Penso che personificasse ogni seme come un piccolo demone cercando di eluderlo entrando nel mucchio sbagliato, o saltando via del tutto; e questo ha dato al lavoro l'eccitazione di un gioco " (Janet Browne, 2002, 414-415).

Gioca, psicologia e terapia

Siamo in debito con Donald Winnicott per così tante intuizioni, e il gioco è uno di questi (vedi Playing and Reality, 1971). Il gioco suggerito da Winnicott era un modo per raggiungere la parte autentica, creativa e meno difesa della personalità di una persona – cioè il sé "vero", in termini della sua vera e falsa auto-distinzione (1960). Un'altra delle sue idee è che la terapia rappresenta la sovrapposizione delle due aree di gioco, quella del paziente e quella del terapeuta – e se l'una o l'altra non possono giocare, allora si deve lavorare per capire quella dinamica.

Il gioco è uno dei luoghi principali di tutte le terapie infantili – come hanno dimostrato Hermine Hug-Hellmuth, Melanie Klein, Anna Freud e altri. E il gioco è anche importante nel lavoro con gli adulti. La nozione di gioco nella terapia per adulti presagisce lo sviluppo delle cosiddette scuole di pensiero relazionali e intersoggettive.

Il gioco è importante per lo sviluppo. Di fronte a vari sentimenti di vulnerabilità, ansia e impotenza, i bambini piccoli spesso giocano a giochi in cui sono forti supereroi o cowboys o altro. La fantasia è un modo per i bambini di regolare le tensioni e sperimentare il mondo reale.

Il prossimo mese useremo la teoria emotiva per affrontare un argomento interessante, importante e complicato: "Bias, Prejudice and Violence".

RIFERIMENTI PER I LETTORI INTERESSATI

Amabile TM (1996). Creatività nel contesto. Boulder, Colorado: Westview Press.

Basch MF (1988). Comprendere la psicoterapia: la scienza dietro l'arte. New York: libri di base.

Brown S (2009). Gioca: come modella il cervello, apre l'immaginazione e rinvigorisce l'anima. New York: Avery (Penguin).

Browne J (2002). Charles Darwin: The Power of Place. Princeton, NJ: Princeton University Press.

Demos EV (1995). Exploring Affect: The Selected Writings di Silvan S. Tomkins. Cambridge, Inghilterra: Cambridge University Press.

Gomberoff E (2013). Giocando al gioco, il bambino assegna. Int J Psychoanal 94: 67-81.

Lang F (2007). Gioca nella situazione psicoanalitica. Journal American Psychoanalytic Association 55: 937-948.

Pink DH (2009). Drive: The Surprising Truth About What ci motiva. New York: Riverhead Books (Penguin).

Russell B, Wyatt W (1960). Bertrand Russell Speaks His Mind (Prima edizione). Cleveland: World Publishing Co.

White RW (1959). La motivazione riconsiderata: il concetto di competenza. Rassegna psicologica 66: 297-333.

Winnicott DW (1960). Distorsione dell'ego in termini di sé vero e falso. In The Maturational Processes and the Facilitating Environment: Studies in theory of Emotional Development, 1965 (pp. 140-152). New York: International Universities Press.

Winnicott DW (1971). Gioco e realtà. Londra: Routledge.

ARTICOLI DEL MESE

Brusatte, Stephen L (2017). Taking Wing: un notevole repertorio fossile di dinosauri che ha portato agli uccelli rivela come l'evoluzione produca tipi completamente nuovi di organismi. Scientific American 316: 49-55.

Gli scienziati sanno da tempo che gli uccelli si sono evoluti dai dinosauri e sono di fatto un sottogruppo di dinosauri. Una ricca documentazione fossile di dinosauri piumati scoperti in Cina e altrove documenta in dettaglio la drammatica trasformazione di dinosauri terrestri behemoth in piccoli uccelli capaci di volare.

Nuove tecniche per analizzare i fossili hanno permesso ai ricercatori di ricostruire il modo in cui il peculiare piano del corpo degli uccelli si è unito. I risultati indicano che i tratti distintivi del gruppo sono emersi frammentati per decine di milioni di anni, per scopi diversi da quelli che oggi servono.

I risultati si aggiungono a un crescente numero di prove che suggeriscono che le principali transizioni evolutive procedono gradualmente, non rapidamente.

Durrant JE, Ensom R (2017). Venticinque anni di ricerca sulla punizione fisica: cosa abbiamo imparato? J Korean Acad Child Adolesc Psychiatry 28: 20-24.

Nell'ultimo quarto di secolo, la ricerca sulla punizione fisica è proliferata. Quasi senza eccezioni, questi studi hanno identificato la punizione fisica come un fattore di rischio nello sviluppo comportamentale, emotivo, cognitivo e cerebrale dei bambini. Allo stesso tempo, le Nazioni Unite hanno stabilito che la punizione fisica costituisce una violazione dei diritti umani fondamentali dei bambini alla protezione e alla dignità. Insieme, i risultati della ricerca e gli standard sui diritti umani hanno spinto un profondo cambiamento globale. Ad oggi, 51 paesi hanno proibito tutte le pene fisiche dei bambini. In questo articolo, esaminiamo la letteratura sulla punizione fisica nel suo contesto storico e forniamo raccomandazioni per gli operatori sanitari che lavorano con le famiglie.

LIBRI DEL MESE

La scienza evolutiva della prima infanzia
Autore: Claudia M. Gold, MD
New York: WW Norton, 2017

Questo è un bel libro che traduce i concetti di sviluppo in relazioni genitore-figlio e vita quotidiana. Il Dr. Gold inizia con Donald Winnicott e si concentra su quattro principi: la preoccupazione materna primaria; il vero sé; l'ambiente di detenzione; e la madre abbastanza buona

I capitoli comprendono: "Attaccamento e mentalizzazione", "Temperamento, elaborazione sensoriale e concetti correlati" e "Come le relazioni cambiano il cervello".

Libertà di scelta: due sistemi di autoregolamentazione
Jack Novick e Kerry Kelly Novick

Questo è un libro meraviglioso per psicoanalisti, psicoterapeuti e chiunque sia interessato alla condizione umana. Contrasta le risposte del sistema aperto con le risposte del sistema chiuso a tutte le fasi della vita e mette in relazione queste concettualizzazioni con i vari aspetti della terapia. Queste opinioni sono coerenti con la teoria degli affetti e le relazioni tra gli affetti positivi e negativi.

The Parent disponibile: Radical Optimism In Raising Teens and Tweens
John Duffy, MD
Berkeley, CA: Cleis Press, 2011

Questo è un libro meraviglioso sui processi e le interazioni tra adolescenti e genitori. John Duffy è molto perspicace e disponibile sulle dinamiche evolutive che si verificano durante l'adolescenza. Le sue sezioni su "What Never Works" e "What Always Works" sono dei classici.

Parenting giocoso: un nuovo approccio entusiasmante per allevare i bambini che ti aiuteranno a nutrire stretti legami, risolvere i problemi comportamentali e incoraggiare la fiducia
Lawrence J. Cohen, Ph.D.
New York: Balantine Books, Crown Publishing, 20017

Questo classico si concentra sul gioco – in sostanza sugli effetti positivi di interesse (curiosità) e divertimento – per migliorare lo sviluppo e le relazioni figlio-genitore.

Come parlare Così i bambini ascolteranno: una guida di sopravvivenza alla vita con i bambini di età 2-7
Joanna Faber e Julie King
New York: Simon & Schuster, 2007

Questo è un libro fantastico sulla falsariga di How to Talk, quindi i bambini ascolteranno e ascolteranno così i ragazzi parleranno. L'importante della comprensione dei sentimenti è evidenziato.

Parent Speak: Cosa c'è di sbagliato nel modo in cui parliamo ai nostri figli – e cosa dire invece
Jennifer Lehr
New York: operaio, 2016

Questo è un altro di un numero crescente di buoni libri di "genitorialità" che usano la teoria dello sviluppo e degli affetti per comprendere le relazioni genitore-figlio e il mondo interiore dei bambini.

Informazioni su Paul C. Holinger, MD, MPH

Il Dr. Holinger è Faculty, Analyst Training / Supervising (Child / Adolescent and Adult) e ex Dean presso l'Institute for Psychoanalysis di Chicago. È anche professore di Psichiatria al Rush University Medical Center di Chicago e fondatore del Center for Child and Adolescent Psychotherapy.

Il suo lavoro include articoli e libri sull'epidemiologia psichiatrica e sulla salute pubblica (compresi il suicidio, l'omicidio e le tendenze della popolazione nel tempo) e lo sviluppo del bambino e del bambino (compresi ciò che i bambini dicono prima di poter parlare ).

Copyright @ 2017 di Paul C. Holinger, MD, MPH

  • Iscriviti alla mia newsletter, Parenting and Child Resources
  • Seguimi su Twitter e Facebook
  • Visita il mio sito
  • Vedi il mio libro, Cosa dicono i bambini prima che possano parlare

Solutions Collecting From Web of "Gioca: una prospettiva diversa"