Gifted Lives: cosa succede quando i bambini dotati crescono? (Seconda parte)

"Non voglio vedere i bambini piccoli piegati sui libri mentre il mondo li chiama da fuori; beh almeno non tutto il tempo. Voglio che scoprano di cosa è la vita interagendo, sperimentando, sognando, giocando, facendo amicizia e imparando dai loro errori ", scrive la dottoressa Joan Freeman nel suo ultimo libro, Gifted Lives . "I piaceri e la creatività dell'infanzia sono alla base di tutto il grande lavoro. Allontanare l'infanzia dai bambini ", avverte Freeman," e non solo l'adulto è diminuito, il mondo paga il prezzo ".

Per i lettori che si sono appena uniti a questa serie, la professoressa Joan Freeman, oltre ad essere l'autrice di Gifted Lives , è Fellow della British Psychological Society, che l'ha anche onorata con un Lifetime Achievement Award per il suo lavoro con talento e talento. È presidente fondatore del Consiglio europeo per l'alta capacità e autrice di numerosi libri e articoli sul tema dei bambini dotati.

Potresti fare riferimento alla mia precedente intervista con il Dr. Freeman, Gifted Children: cosa succede quando crescono? (Prima parte), per vedere come si è evoluta la discussione.

Gli anni di lavoro del Dr. Freeman, oltre alle discussioni che abbiamo recentemente avuto su di esso, mi hanno portato a credere che sia necessario prestare molta più attenzione al modo in cui percepiamo i bisogni dei bambini dotati, il tipo di guida che offriamo loro -e soprattutto le richieste che sono spesso imposte a loro. Parlando dei suoi 35 anni di studio di rilevamento dei bambini dotati, Freeman spiega: "Il loro obiettivo per i grandi volantini era di solito limitato a quello in cui potevano frequentare le università a cui [i bambini] potevano dedicarsi. Tali importanti decisioni sulla vita sono state spesso prese sulla base dei voti scolastici piuttosto che delle inclinazioni individuali o di una guida personale più profonda. "Lo studio di Freeman ha gettato le basi per il suo nuovo libro ispiratore e essenziale, che ho raccomandato a tutti i genitori e educatori, che tu abbia un bambino dotato o meno. Questo perché, al centro, Gifted Lives riguarda il vivere bene, profondamente e in modo significativo – e in definitiva la vita che desideri e che ti soddisferà. E questo libro è pieno di strategie per aiutarci ad aiutare i bambini a raggiungerlo.

Freeman spiega che nel suo studio è spesso emerso che le istituzioni accademiche ad alta pressione potrebbero essere le meno flessibili. E, con il vantaggio di uno zoom a lungo raggio, questo tipo di inflessibilità, che può sembrare buona a breve termine, può potenzialmente portare a problemi più in basso per tali individui. "La pressione per riuscire", insiste, "può paralizzare il talento con perfezionismo".

Lungo la stessa linea di preoccupazione è se chiamare / etichettare un bambino dotato. Questo, secondo Freeman, è una decisione "delicata" e "complessa". "Dal punto di vista di un bambino", scrive, "essere etichettati come dotati è sempre una sfida." In ogni caso, la decisione deve essere basata sulla "verità" e sull'accettazione del bambino. Aiutare un bambino a raggiungere le sue capacità riguarda l'arte della genitorialità e dell'insegnamento. Ma l'etichetta stessa può avere effetti diversi, ad esempio un bambino può essere "spinto a sentimenti bassi di sé, persino la depressione, sotto la minaccia del fallimento, un altro potrebbe beneficiare della sfida e l'amore [in] essere distinti come dotati." Nota: Nel complesso, per quanto riguarda lo studio di Freeman, "i bambini che erano stati offerti volontariamente dai loro genitori erano più propensi ad avere più problemi emotivi". Che cosa possiamo spigolare? Ancora più importante – e ancora – che dovremmo mettere le pause e dare un'occhiata al problema un bambino alla volta – basta, vedi cosa è meglio per il singolo bambino, e poi vai avanti con compassione, e come implora Joan Freeman: aiutare questi bambini a realizzare la loro felicità e il loro successo più profondi.

Secondo Freeman, il trattamento degli Stati Uniti e del Regno Unito per i bambini dotati è diverso. Per il Dr. Freeman, la principale differenza diventa quella del riconoscimento. "Hanno più denaro", spiega, "e programmi più specifici, ma non necessariamente una migliore istruzione in generale! Il livello generale di istruzione negli Stati Uniti è inferiore a quello del Regno Unito (in base alle classificazioni internazionali), quindi c'è una maggiore necessità di un'istruzione specifica per salvare i più brillanti ".

Tuttavia, nello stato di New York, dove io e la mia famiglia abbiamo una casa, l'unica cosa che è stata obbligatoria in termini di istruzione specializzata per i più dotati è lo screening per il talento. Non esiste una programmazione obbligatoria, a meno che la legislazione, che fino ad ora è stata "in esame", faccia qualcosa al riguardo. Inoltre, i finanziamenti dello Stato di New York negli ultimi anni sono, infatti, passati da (modesto) 15 milioni di dollari a zero. E come ho scritto prima:

Negli Stati Uniti abbiamo intrapreso passi molto produttivi nel soddisfare le esigenze di coloro che hanno raggiunto bassi livelli, di coloro che hanno raggiunto il livello medio e anche di quelli ad alto rendimento. Tutti i bambini meritano questo. Però…

A questo scrittore sembra discriminatorio escludere chiunque, indipendentemente dal suo livello di realizzazione, compresi quelli profondamente dotati. Sfortunatamente, è facile scrivere a questi bambini che pensano che stanno ottenendo diritti A + s. Sembra che stiano facendo abbastanza bene per loro stessi.

Nel Regno Unito, le scuole non usano test di intelligenza perché non sono approvati. Gli psicologi privati ​​come il Dr. Freeman, tuttavia, li useranno.

Freeman definisce il talento in 2 modi. Il primo è per misura del QI. "Esiste", dice, "anche una certa [altra] qualità che non è misurabile e che esperienza ti dà". Come tale, ha alcuni figli che escono nell'1% superiore che non chiamerebbe dotato perché non hanno quel "qualcosa in più" … un particolare senso di curiosità, un certo potere intellettuale che distingue alcuni bambini QI più alti da altri bambini QI più alti.

In Gifted Lives , il Dr. Freeman si riferisce a quello che lei definisce un "inarrestabile bisogno di creare". Questa frase mi ha colpito perché ho assistito personalmente all'energia. Nella mia esperienza, ad esempio, ho visto i bambini entrare in una stanza piena di giocattoli e giochi e gravitare verso quelli che hanno "regole". D'altra parte, alcuni ragazzi di solito si allontanano da questi, preferendo giocare a quelli senza regole o quelle in cui le regole sono più aperte per l'interpretazione. Questi bambini tendono a creare da qualsiasi cosa, in qualsiasi momento e ovunque.

Riferendosi al mio commento sull'inarrestabile voglia di creare, Freeman spiega, "Questo sarebbe un po 'di ciò. Questo genere di cose emerge quando alcuni bambini altamente dotati si sottopongono a un normale QI e dicono [cose del genere] oh questa non è una buona domanda; se tu l'avessi chiesto in questo modo, avrebbe migliorato la domanda: quel genere di cose; Lo trovo molto creativo ", sottolinea.

La voce di Joan Freeman è melodica e vivace. Le piace parlare in veloci raffiche energetiche e poi fare una pausa.

Ha pensato per un momento e poi ha offerto un altro esempio di questo tipo di attività creativa inarrestabile. "Di recente", continua, "un bambino di 3 anni, che può fare cose straordinarie, voleva scrivere il numero 36 e ha continuato a disegnare cerchi". Fa di nuovo una pausa. "Hai detto che avresti scritto 36", racconta. "E dice, lo sto facendo, ma sto prendendo l'idea dei numeri. Ciò che ha fatto, "spiega," così ha disegnato le sue foto dei numeri e alla fine ne aveva trentasei. "

Tornando all'idea delle regole, spiega, "Penso che sia un problema per i bambini dotati, perché gli altri bambini non si possono trattare in quel modo quindi se entrano in un gioco che ha delle regole, il bambino creativo e dotato può volere cambiare le regole perché il gioco diventa noioso. "

E questo tema, per la prospettiva di questo scrittore, si farà strada nelle aule, dove la formazione e la capacità dell'insegnante di lavorare con i bambini dotati e la sua capacità di rimanere flessibile diventa significativa. Come ho già detto negli articoli precedenti, questo tipo di insegnamento è più difficile, ma essenziale e offre un guadagno maggiore in tutto.

Secondo Freeman e molti altri esperti sui bambini dotati, prestare attenzione al talento di un bambino dovrebbe iniziare dal momento in cui sono nati. Puoi iniziare cercando i segni fisici precoci (che possono o non possono, tuttavia, essere indicativi). Questi includono cose come stare seduti, camminare, e quel genere di cose – le pietre miliari – e poi vai alla comprensione dei genitori, alla comprensione e alle reazioni del bambino alle altre persone, e poi a cose simboliche come concetti parlanti e numeri. Questi sono i primi segni.

"I genitori possono fornire nutrimento", dice Freeman, "come faresti per qualsiasi bambino. Se il bambino vuole leggere libri, allora leggi libri. Un problema che emerge ripetutamente nel libro [ Gifted Lives ] è che i genitori vedono che i bambini sono avanzati e iniziano a trattarli in modo diverso. E non lo sono, sono normali bambini. Sono avanzati in alcune aree. Uno dei problemi è che le persone pensano che questi bambini dovrebbero essere diversi perché sono dotati ma le cose accadono nel mondo normale ".

Abbiamo perseguito l'idea ulteriormente. "Il mondo normale manda le sue" fionde e frecce "a tutti: essere dotati significa essere maggiormente in grado di affrontare le cose intellettualmente, ma non sempre emotivamente . Non puoi supporre, [tuttavia] come fanno alcune persone, che i più dotati siano emotivamente più fragili. Tutte le prove indicano la loro maggiore forza emotiva. Non potevano raggiungere il successo e la prominenza se non erano forti. Di nuovo, tuttavia, tenete presente che se si identificano i bambini dotati come tali, allora si hanno aspettative diverse e ciò si riflette sul modo in cui risponderanno.

Gifted Lives pone molta enfasi sul prestare molta attenzione e sulla consapevolezza di sé.

"Sapere chi sei e ciò di cui sei capace è di grande beneficio per tutti", afferma il dott. Freeman. "Dato che i talentuosi sono inusuali, spesso cercano di adattarsi al resto e quindi il loro potenziale può essere perso. Potrebbero aver bisogno di aiuto per trovare quello che possono fare. "

Ma un altro dei suoi messaggi non è quello di spingere sempre. Questo può fare la differenza su come vanno le cose. Mostrare la delusione che un bambino non stia andando dove vuoi che il bambino vada non è buono. Quindi il messaggio generale di Freeman è di non spingere, ma poi con un'osservazione attenta, potresti nel momento giusto dire "provaci". Perché anche i bambini dotati hanno bisogno di questo.

Sulla questione dell'istruzione a domicilio, Freeman suggerisce: "Può funzionare quando si prende cura delle vite sociali dei bambini, ma può limitare lo sviluppo delle abilità sociali del bambino. Anche l'istruzione a domicilio può essere molto limitata a ciò che pensano gli insegnanti di casa, che è un nutrimento educativo meno vario rispetto alla scuola ".

Quindi c'è molto da guardare sia nel cuore che nella mente nel lavorare con vite dotate. “Ah. Quello che ami fare è probabilmente quello che sai fare meglio ", dice Freeman, parlando del cuore. "Ma i più dotati potrebbero dover provare alcune cose prima di stabilirsi in una disciplina perché potrebbero essere in grado di eccellere in molte cose."

Il suo messaggio in Gifted Children come lo vede? "Voglio sottolineare che i talentuosi sono persone normali. Ma affrontano sfide speciali, soprattutto aspettative irreali, in particolare viste come strane e infelici. Altri, come i genitori e gli insegnanti, possono sentirsi minacciati da loro e reagire con atteggiamenti negativi. Ciò di cui hanno bisogno è l'accettazione per quello che sono, opportunità appropriate per sviluppare il loro potenziale e affidabile sostegno morale ".

E così come i genitori abbiamo anche bisogno di flessibilità. Dobbiamo imparare a camminare con il bambino, incoraggiare e assistere ciò a cui tendono e vedere che questa è una linea sottile. Come genitori, potremmo a volte dover sostenere un insegnante o un programma. E in un altro momento, intervenire e dire [come suggerisce Freeman], "provaci."

Gli appunti:

Grazie alla Dott.ssa Joan Freeman per aver condiviso il suo tempo e per il profondo impegno per i bambini dotati e per la sua profonda comprensione e compassione per loro.

Dai un'occhiata al suo nuovo libro [amazon 0415470099].

Per un'avventura scientifica nel mondo dell'attenzione umana vedi il mio libro più recente [amazon1601630638].

Immagine: ccarlstead

Solutions Collecting From Web of "Gifted Lives: cosa succede quando i bambini dotati crescono? (Seconda parte)"