Gestione del terrore: una battaglia dalla culla alla tomba

Mentre la lotta del nostro paese contro il terrorismo non è mai lontana dalla nostra consapevolezza, siamo tutti guidati da una forte paura di morire che ci colpisce su un livello più profondo, più personale, anche se di solito non lo identifichiamo come tale.
Basato su idee che risalgono a Platone, la teoria della gestione del terrore (TMT) descrive in dettaglio come le persone sviluppano il loro senso di sé come un modo per affrontare la loro paura della morte. Potresti trovare più facile relazionarti ad esso come paura o ansia di essere totalmente sopraffatto da … qualcosa che non riesci a capire.

Come bambini, le persone sono totalmente dipendenti dai loro genitori per sopravvivere. Le loro esigenze più semplici sono travolgenti; ecco perché un bambino urla istericamente quando tutto ciò che è sbagliato è un pannolino bagnato. Questo perché siamo nati con un'amigdala completamente funzionante, la parte del cervello che tende a rispondere alle situazioni con l'urgenza di dover fuggire o combattere per la sopravvivenza. Questa parte del cervello vede una corda arrotolata come una minaccia (sembra abbastanza simile a un serpente) e vuole fuggire dal pericolo. Quindi, con l'aiuto dell'amigdala, anche i bambini rispondono alla stimolazione angosciante con una risposta di sopravvivenza.

Entro il secondo o terzo anno di vita, il bambino sviluppa la capacità di modulare le risposte (il dominio dell'ippocampo in via di sviluppo del cervello) – di vedere una corda arrotolata per quello che è, e rispondere con calma. Sebbene questo sviluppo aiuti ad alleviare l'intensità delle reazioni dei bambini, la loro crescente maturità porta anche la capacità cognitiva a comprendere la loro mortalità; quindi per una ragione diversa, la loro ansia aumenta.

Nelle relazioni genitore-figlio in buona salute, i bambini imparano che i loro genitori soddisfano più facilmente i loro bisogni di rilassamento quando soddisfano le aspettative; per esempio, quando raccolgono i loro giocattoli, condividono o fanno bene a scuola, i loro genitori li elargiscono con lode. Il risultato è che la loro ansia viene alleviata e si sentono al sicuro. Quando non soddisfano le aspettative, i loro genitori mostrano dispiacere, il che li fa sentire insicuri. Chiaramente, la maggior parte dei bambini (il più delle volte) lavora per compiacere i loro genitori. E così, con il tempo e l'esperienza, i bambini assorbono i valori dei loro genitori nel modo in cui vivono l'esperienza. Le loro relazioni con i genitori influenzano quindi il modo in cui si connettono con tutti gli altri.

Quando tutto va bene, il senso di sé che sviluppa un bambino soddisfa i bisogni psicologici di base di avere relazioni forti, sentirsi competenti e vivere secondo valori interiori (discussi nella teoria dell'autodeterminazione). Si sentono fondamentalmente bene con se stessi (ciò che si potrebbe chiamare un senso di autostima o di alta autostima). Al contrario, quando le persone hanno legami deboli con gli altri, si sentono generalmente incompetenti o mancano di un chiaro senso dei loro valori (o non vivono secondo loro), allora provano angoscia. È probabile che queste persone lottino in molti modi. Ad esempio, potrebbero sentirsi dolorosamente soli e scollegati dagli altri, generalmente ansiosi o insoddisfatti e irrequieti. È probabile che si sentano insicuri; un'insicurezza che ha le sue radici nell'ansia della morte iniziata alla nascita.

La dottoressa Leslie Becker-Phelps è psicologa clinica in uno studio privato e fa parte dello staff medico del Somerset Medical Center di Somerville, nel New Jersey.

Solutions Collecting From Web of "Gestione del terrore: una battaglia dalla culla alla tomba"