Genitori, scrittura, blog e altri atti radicali

Non posso proprio farlo ! ! Il pensiero esplode nel mio cervello almeno una volta al giorno in quelle ore prima che Geoff torni a casa. È colpa mia, di sicuro. C'è così tanto che voglio fare, così tanto che devo fare, e così tanto che mi viene chiesto momento per momento dai quattro dei miei figli che ho accettato quest'anno a scuola a casa, che ho passato la giornata sentendomi come se ne avessi uno piede sull'acceleratore e l'altro sul freno. Mi sobbalzo, mi faccio impazzire, e sì, a volte crollo.

All'inizio questa disposizione mi è sembrata una buona idea. Ho un bambino. Le mie figlie di 12 e 8 anni, Jessica e Kyra, stavano implorando di imparare con il loro ritmo familiare. Avrei fatto il mio lavoro nelle fessure, intorno ai bordi, e dopo Geoff e il nostro quattordicenne arriveremo a casa; Il Kai di 4 anni sarebbe venuto per il viaggio.

Per quanto riguarda la realtà: parlerò della "Dichiarazione d'indipendenza" con Jessica, interponendo a Kyra delle scorciatoie per moltiplicare i nove, mentre cerco di infermare e fare un pisolino Leif infantile, quando Kai chiede, con ogni ampli del suo ampio wattaggio : QUALCUNO GIOCA CON ME ORA! Almeno sono seduto.

Se tutti i pezzi del potente puzzle si allineano e riesco a scrivere un pensiero, è altamente improbabile che riuscirò a piazzare un secondo prima che qualcuno si svegli, abbia fame, abbia una domanda, o abbia bisogno di un colpo. Con le nostre 3:30 di trasferimento, il mio lavoro si è trasformato in un icky pit nel mio stomaco. Vuole uscire. Voglio uscire, ora !

È confuso. Tutte le nostre migliori decisioni mi hanno portato qui. Come mai è così difficile?
*
Michael Chabon e Ayelet Waldman sono di nuovo nelle notizie, questa volta con il suo contributo al nascente genere di Parenting Lit. In due memorie gemelle (la sua è apparsa in primavera), questa squadra di scrittori mamme e pop racconta storie di quello che stanno imparando dalla vita con i loro quattro figli di 14, 12, 8 e 6 anni. il personale e il pubblico, la famiglia e il lavoro, l'accoppiamento e la genitorialità in testi vivaci, scritti e vissuti.

Leggendo sulla loro vita, una fitta di colpi di riconoscimento: Geoff e io stiamo facendo mosse simili . Miriamo a co-genitore e co-creare, fianco a fianco reinventando la vita familiare, anche se nelle zone rurali di New York piuttosto che a Berkeley, in California. Ci siamo trasferiti qui per creare un modo di vivere, di essere una famiglia, che lavora per noi, per i nostri figli, per lui, per me, dove ogni persona riceve ciò di cui ha bisogno per diventare chi è lui o lei. Quindi perché la loro situazione sembra così idilliaca?

Le storie di Michael e Ayelet mi ricordano: anche se potrei sentirmi solo in trincea, non lo sono. Una vera e propria eruzione di scrittori, uomini e donne, condividono le loro conoscenze finanziate dai bambini in libri e blog per un coro di critici e congratulatori. Quindi cosa ne pensi?
*
Rifletto sulla questione mentre spargo il burro di arachidi sul pane fatto in casa per un affamato Kai. Le notizie della scorsa settimana offrono una chiave. Oltre alle recensioni del libro di Chabon, ci siamo nutriti di resoconti su quanto è cambiato nella vita familiare dagli anni '70. Il matrimonio è ad un minimo storico; single mamme e rimanere a casa da papà a tutti i tempi. Più genitori attraversano il baratro tra il posto di lavoro e la casa che mai, mentre l'infanzia si estende verso venti e oltre.

Mentre le realtà stanno cambiando radicalmente, tuttavia, è anche evidente che gli ideali che proteggono la vita familiare non sono così rapidi da girare. Stiamo ancora discutendo con le visioni della buona madre e fornendo il padre, così come quelli di un appassionato amore per tutta la vita e un'infanzia felice, che incombono su di noi come critico e giudice.

Pulendo il contatore per la terza volta in un'ora, ripenso all'articolo di martedì sui genitori tossici come esempio. Come scrive l'autore, "lamentarsi dell'insuccesso genitoriale, reale o no, è praticamente un passatempo americano che mantiene la comunità terapeutica diligentemente impiegata." Nel diluvio di risposte prodotto dall'articolo, emerge un modello di bambini che protestano contro genitori narcisistici e genitori che si lamentano bambini ingrati. In agguato nell'ombra c'era un ideale di genitorialità che quasi nessuno sembra in grado di raggiungere. Perché?

Alla luce di queste relazioni, appare il significato di Parent Lit. Noi, come cultura, stiamo reinventando la vita familiare. Quella reinvenzione sta avvenendo a casa per famiglia, e leggere e scrivere su tali esperimenti è utile e necessario, anche se non privo di pericoli.

Ascoltare storie su come gli altri genitori affrontano le aspettative ereditate di crescere e allevare ci ricorda che ci sono opzioni. Abbiamo opzioni e non siamo soli nel volere trovarli. I modi di essere una famiglia che ha lavorato per qualcuno in un dato momento in un determinato contesto potrebbero non funzionare ora per me o per te. Scrivo per trovare la mia libertà .

È anche necessario condividere storie, data la natura del cambiamento. Stiamo uscendo da un'era in cui le autorità culturali non hanno prestato molta attenzione ai bambini perché hanno qualcosa da offrire per discutere di chi dovrebbero essere e diventare. Tali riflessioni erano la provenienza di esperti che esercitavano strumenti scientifici su e contro i corpi del nubile. Le storie ci ricordano che abbiamo qualcosa da imparare dai (nostri) bambini su come meglio rapportarsi con loro. Scrivo per ricordare la creatività coinvolta nelle relazioni educative .

Scrivere delle esperienze è anche pericoloso perché corriamo il rischio di suggerire che una taglia è adatta a tutti. C'è la tentazione di celebrare sentimentalmente la carineria eterna dei nostri figli, e un altro di essere nostalgici per l'infanzia perduta. Quando i cambiamenti generano paura e dubbio, tendiamo ad aggrapparci a come erano le cose. I lati si polarizzano e dimentichiamo ciò che qualcuno a cui importa quanto basta per impegnarsi in queste discussioni condivide: il desiderio. Condividiamo il desiderio di fare il meglio per i nostri figli, per l'altro, per noi stessi e, per i mondi in cui viviamo. Scrivo per trovare la saggezza nel mio desiderio .

Leggendo e scrivendo, impariamo a fidarci della nostra insoddisfazione come insegnarci come muoversi in modi che non ricreano il dolore che sentiamo. Scrivo per discernere su ciò che il mio corpo sa .
*
Ieri mattina l'ho perso. Sono stato triturato in poltiglia da colpi in competizione sulla mia attenzione. Durante il prezioso tempo di scrittura, torno alla scena. Cosa trovo? È il fantasma della buona madre, mi perseguita: è il tuo lavoro soddisfare i bisogni dei tuoi figli . Questo cappio troppo familiare di un'idea mi strangola. Scoppio di rabbia quando non posso, furioso con me stesso. Furioso con loro.

Certo, so teoricamente che non posso soddisfare i bisogni dei miei figli. Anche se avessi un solo figlio, non sarei in grado di soddisfare ogni sua esigenza. Ma ancora, voglio . Perché? Perché voglio essere una brava madre ! Ma è ciò che significa essere una buona madre? È quello che ho imparato a credere .

All'improvviso vedo dove questo ideale si aggancia a me. Con la punta della penna la estraggo. Se devo liberarmi da questo bisogno di soddisfare i bisogni dei miei figli, allora devo lasciare andare un'aspettativa che i miei genitori dovrebbero incontrare i miei . Non possono I miei genitori non esistono per soddisfare i miei bisogni.

Rifletto di nuovo sulle lamentele del blog di genitori narcisistici e bambini ingrati e vedo due lati dello stesso ideale che mi perseguita. Per il genitore coinvolto nel dover soddisfare i bisogni, il bambino frustrato appare come un promemoria vivente, che ricorda che il genitore ha fallito. Per il bambino incoraggiato a credere in questo ideale, il genitore difensivo appare come un ostacolo alla felicità. Quando il genitore frustrato (inevitabilmente) si scaglia contro il bambino (infelice), il bambino si lamenta (giustamente) dell'abuso. Un ciclo di delusione crescente (ea volte violenza orribile) affonda i denti nella relazione e scuote. Cosa vogliamo creare ?

Ritorna al luogo del mio dolore e affermare il desiderio nel suo nucleo. Voglio soddisfare i bisogni dei miei figli. Appare una nuova mossa. Voglio soddisfare i loro bisogni perché voglio che abbiano ciò di cui hanno bisogno per diventare ciò che sono . Il dolore si libera; appare un altro impulso. Lo scrivo Voglio aiutare i miei figli a imparare a soddisfare i propri bisogni e, in parte, è mio compito dimostrare loro come incontro i miei .
*
Oggi è diverso. Faccio nuove mosse. Leif si addormenta sulle mie ginocchia. Lo metto sul divano e mi rivolgo ai tre più grandi. Recessare tutti ! Corrono fuori nella luminosa aria d'autunno per inventare un gioco che coinvolge cavalli, imbracature e umani.

Mi siedo alla mia scrivania e inizio a scrivere. Il mio cuore si riempie di gratitudine. Adoro i miei figli. Mi stanno insegnando come.

Solutions Collecting From Web of "Genitori, scrittura, blog e altri atti radicali"