Genitori di matricole del college: non lasciate andare troppo velocemente!

123rf antonioguillem
Fonte: 123rf antonioguillem

Quando gli adolescenti lasciano casa per il loro primo anno di college, i loro genitori lottano con sentimenti di tristezza e perdita. A peggiorare le cose, le credenze popolari sul "lasciarsi andare" lasciano i genitori che si sentono in colpa per aver persino queste emozioni. "È tempo che inizi la sua vita", mi ha detto un papà. "Sono eccitato per lui. Non voglio che la mia tristezza lo trattieni ". Eppure ogni anno ricevo telefonate da genitori preoccupati i cui sforzi per" lasciar andare "sono in conflitto con il loro desiderio di essere lì per i loro figli.

I loro giovani sono spesso matricole o studenti del secondo anno che lottano per adattarsi alle loro nuove vite. Alcuni sono soli o depressi. Altri sembrano sviluppare disturbi alimentari o stanno bevendo o festeggiando troppo. Alcuni sono stati ricoverati in ospedale per avvelenamento da alcol. I genitori sono alla ricerca di una guida professionale perché, anche se ogni istinto dice che dovrebbero prendere un qualche tipo di azione, temono che farlo sia dannoso per la salute emotiva del loro bambino quasi adulto. La maggior parte dei consigli che ricevono da amici, libri e internet dice loro di lasciare che i loro ragazzi capiscano da soli le cose.

Questi clienti non vogliono essere iperprotettivi, aleggiando i genitori di "elicottero" che non possono lasciare andare in modo appropriato. Sono seriamente preoccupati, ma pensano che forse la loro ansia sia nevrotica. La saggezza ricevuta dalla nostra cultura è che quando un adolescente raggiunge l'età di 18 anni dovrebbe essere da solo. (Vedi questo articolo del NY Times). I suoi genitori non dovrebbero più offrire consigli (che molto probabilmente non prendere comunque).

Ma sorprendentemente, ci sono altre voci professionali che dicono ai genitori di non lasciarsi andare così in fretta. Nel 2007 George D. Kuh, un professore della Indiana University, ha scoperto che gli studenti i cui genitori erano più coinvolti avevano in realtà più successo al college rispetto ai loro coetanei "liberati". La domanda, ovviamente, è di quale tipo di coinvolgimento stiamo parlando.

Negli anni '50 lo psicologo Erik Erikson (1) ha riconosciuto che tra i 18-22 anni i giovani hanno bisogno di sviluppare un'identità separata dalle loro famiglie. Ma ha anche capito che questo potrebbe essere un momento difficile e che una serie di fattori potrebbe determinare se questa fase di sviluppo è stata negoziata con successo. Crescere e sviluppare una sana indipendenza implica commettere errori, ei campus universitari sono spesso luoghi relativamente sicuri per quei primi passi lontano dall'autorità genitoriale. Ma come spiego in un recente post, questo processo generalmente funziona meglio quando c'è anche una salutare connessione con i propri cari.

Diversi siti web universitari offrono utili consigli per questo periodo in cui "Sono il capo di me stesso" si alterna con "Dimmi cosa fare. (Un altro sito utile è il" portale dei genitori "della rete CollegeBound.) Trovare un buon equilibrio – uno che è gestibile per i genitori e che aumenta la crescita per gli studenti – non è sempre facile. Inoltre, non è una formula valida per tutti. Mentre alcuni bambini sono pronti per immergersi completamente in un'esperienza di separazione all'età di diciassette, diciotto o anche diciannove, altri no. E anche quelli che sono completamente indipendenti fanno meglio se sanno che i loro genitori sono ancora lì in background.

Ovviamente, i genitori di consulenza e orientamento offrono ai loro bambini di età compresa tra i college è diverso da quello offerto agli adolescenti più giovani. Helen E. Johnson, uno degli autori di "Non dirmi cosa fare; Basta inviare denaro "(3), una guida pratica per gli studenti dei college dei genitori, dice che i genitori non devono affrontare i problemi dei loro figli, ma dovrebbero essere disponibili a parlare con loro delle questioni coinvolte. In altre parole, uno studente universitario ha bisogno di aiuto per scoprire una risposta per se stesso, non la risposta di un genitore. Ma aiutare i giovani adulti a trovare queste risposte può essere complicato. Da un lato, li conosciamo molto bene e abbiamo molti più anni di esperienza di loro. Vogliamo dire loro cosa fare. D'altra parte, pensano di sapere tutto, e vogliamo alzare le mani e lasciare che prendano tutte le loro decisioni da sole.

Questo mi spinge a farti combattere non è aiutato dalle attuali politiche che limitano la capacità di un genitore di ottenere informazioni importanti sul funzionamento di uno studente. Mentre è estremamente importante proteggere la privacy di un giovane, mi sembra anche una contraddizione in termini di mantenere i voti nascosti dai genitori che potrebbero usare proficuamente le informazioni per fare una valutazione sul funzionamento del bambino a scuola. Questa era la situazione con un giovane uomo con cui ho lavorato dopo essere stato bocciato dal suo secondo anno. Si era rifiutato di firmare una liberatoria per i suoi voti da inviare ai suoi genitori e aveva continuato a godersi la scuola tremendamente – ma non per l'esperienza accademica. Si stava divertendo così tanto a far festa che dormiva durante le sue lezioni e non faceva i compiti a casa; ma i suoi genitori, che pensavano che dovevano "lasciar andare", non sapevano nulla del problema fino a metà estate dopo il suo secondo anno, quando non ricevevano una richiesta di pagamento dall'università.

"Aveva passato l'intero anno del secondo anno a fare festa," disse sua madre, in lacrime. "Ci ha mentito su tutto", ha detto suo padre. "Era in prova prima semestre e sospeso secondo; ma nessuno ci ha informato. Sono felici di prendere i nostri soldi, ma non per farci sapere che si sta sprecando ".

Furioso, hanno chiesto che il loro figlio torni a casa e trovi un lavoro. A quel punto, divenne chiaro che stava lottando con problemi psicologici e lo incoraggiò a iniziare la terapia. Hanno anche creato una struttura in cui ha iniziato a rimborsare parte del denaro perso a scuola. Ma la cosa che era più utile per tutti loro era un nuovo sforzo per trovare un modo per rimanere in una comunicazione più realistica. Il loro figlio aveva quasi ventuno quando iniziarono la terapia insieme, legalmente un adulto. Ma anche un adulto ha bisogno di un legame con la sua famiglia, poiché finalmente tutti sono venuti a riconoscere. Il collegamento non deve essere interrotto – in effetti, nessuna connessione è altrettanto malsana come troppa dipendenza. È solo un tipo di relazione diverso da quello dell'infanzia o anche della prima adolescenza. (Dr. Robert London, il mio collega sul sito Web PT ha alcuni suggerimenti più utili per i genitori durante questo periodo. Margaret Nelson, un altro collega su questo sito, ha alcuni dati interessanti sui genitori di elicotteri).

Ecco alcuni suggerimenti sviluppati negli anni di collaborazione con studenti universitari e i loro genitori:

1-Impostare le linee guida per rimanere in contatto. Una volta alla settimana può essere più che sufficiente per alcuni giovani, anche se non è abbastanza per i loro genitori. Più spesso può essere migliore per alcuni, soprattutto all'inizio (anche se a volte funziona nell'altro senso – inizialmente un ragazzo ha bisogno di meno contatti, ma mentre il semestre progredisce e si sente più tranquilla, potrebbe voler parlare di più). Ma restare in contatto non è per definizione nevrotico. Non significa che un genitore non può lasciare andare. È un atto di responsabilità, una comunicazione che si sta lasciando andare, ma in attesa di fornire supporto ed equilibrio. E, come ha detto un collega, "ascoltando la loro voce su base settimanale, puoi dire come stanno andando – proprio come si poteva capire quando guardavi i loro occhi quando erano più giovani".

2-Dai un consiglio con parsimonia, ma offri sempre una risposta ponderata quando ti viene chiesto cosa pensi di qualcosa. Quando è possibile, chiedi cosa pensa tuo figlio o tua figlia (difficile per la maggior parte di noi!) Piuttosto che semplicemente dire loro cosa fare. E quando offri un consiglio, assicurati che entrambi lo comprendano per quello che è – la tua idea o la tua esperienza oi tuoi pensieri su ciò che potresti aver fatto al loro posto, per esempio. Quando si imposta un requisito come quello di ottenere un lavoro o ridurre le feste, chiarire che non si tratta di una guida gentile, ma di una richiesta specifica. Hai ancora quell'autorità se la usi saggiamente.

3-Cerca di evitare problemi amministrativi a meno che tuo figlio non si trovi in ​​una reale difficoltà psicologica; e anche allora, assicurati di averlo almeno informato che stai per contattare qualcuno, anche se non hai il permesso. Quando possibile, offri supporto, incoraggiamento e consigli, ma fagli negoziare con l'amministrazione scolastica. Non fare interferenze se pensi che un professore sia stato ingiusto o che una regola non sia realistica. Questo è uno dei luoghi in cui tuo figlio inizia a imparare a gestire il mondo degli adulti da solo. Molte volte gli studenti universitari non dicono ai loro genitori delle difficoltà che stanno avendo a causa del timore che i loro genitori debbano agire per conto del loro bambino.

4-Riconoscere che tuo figlio è quasi adulto e che potrebbe aver ancora bisogno di aiuto assumendosi la responsabilità di tutte le sue cure. Molti genitori fanno appuntamenti medici per i loro giovani quando tornano a casa per le vacanze. Se possibile, discutere la necessità di questi appuntamenti e incoraggiarla a farli da sola. Ma se è difficile per lei, chiedi come puoi aiutare – un cliente poco più che ventenne che lottava con un'ansia tremenda si chiedeva se le cose sarebbero potute essere diverse se i suoi genitori, piuttosto che prendere appuntamenti per lei quando andava a scuola (perché sapevano quanto fosse difficile per lei fare le chiamate) avevano cercato di aiutarla a capire e lavorare sulle sue paure, invece.

5-Presta attenzione ai segnali che il tuo ragazzo è nei guai. Disturbi alimentari, abuso di alcool e droghe, carenze di gradi e altre difficoltà non avvengono da un giorno all'altro e non sono un segno che un giovane o una donna siano inadeguati o cattivi. Sono, tuttavia, segni di problemi e richiedono un intervento da parte degli adulti. Può essere utile discutere la situazione con un professionista per decidere come intervenire; ma non lasciatevi scoraggiare dal consiglio di "lasciar andare". Se il vostro ragazzo è nei guai, lasciarsi andare non lo aiuterà. Non trattarlo come un bambino, ma ricorda che in questi casi non esiste un atto neutrale. L'inazione è un'azione, ed è spesso interpretata dai giovani come mancanza di interesse o preoccupazione da parte dei genitori.

6-La cosa più importante che puoi fare è cercare di mantenere un ciclo di comunicazione con la matricola del college. Chiedi informazioni su classi, amici, professori, attività. Scopri cosa stanno mangiando e quando stanno dormendo. Ascolta i segni di confusione, stanchezza o semplicemente non ha senso. Una volta va bene; ma più spesso (che è il motivo per cui si desidera avere un contatto telefonico settimanale) potrebbe essere un segno che qualcosa non va bene.

7-Crea una data per vedere il tuo ragazzo. Questo può essere difficile quando lui o lei è lontano, ma se ci sono segni ripetuti che qualcosa non è giusto, fare lo sforzo di vederli. Puoi dire di più guardando nei loro occhi piuttosto che ascoltandoli al telefono.

8-Sii brutalmente onesto con te stesso sulle tue motivazioni. Se ti manca tua figlia che è anche la tua migliore amica, o vuoi che la sua casa faccia da babysitter; se non sei d'accordo con la politica di tuo figlio o sei arrabbiato perché ha smesso di andare in chiesa o alla moschea o alla sinagoga; o se sei semplicemente solo e vuoi riavere tuo figlio, allora devi lasciarlo andare nel senso che devi smetterla di provare a controllarli. Ma anche allora, per la salute emotiva di tuo figlio e tua, devi trovare un modo per rimanere connesso.

Riferimenti:
1. Erik H. Erikson: identità e ciclo di vita. International Universities Press, Inc. 1959.
2. F. Diane Barth: "Caso clinico: adolescenti e separazione" in Psychotherapy Networker, 2002.
3. Helen E. Johnson e Christine Schelhas-Miller: non dirmi cosa fare, basta inviare denaro: la guida genitoriale essenziale per gli anni del college. 2000

Solutions Collecting From Web of "Genitori di matricole del college: non lasciate andare troppo velocemente!"