Geni egoisti, cervelli sociali

I geni che promuovono comportamenti che aumentano le probabilità di sopravvivenza dei geni vengono perpetuati. Una delle implicazioni di questa semplice intuizione è che l'evoluzione riguarda la competizione tra i geni che usano gli individui come veicoli temporanei così come la competizione tra le specie. Significa anche che la costituzione genetica dell'Homo sapiens deriva non solo dal successo riproduttivo di un individuo, ma dal successo dei propri figli a riprodursi. Cacciatori / raccoglitori che non formavano legami sociali e non sentivano l'obbligo di tornare a condividere il loro cibo o la loro difesa con la loro prole potrebbero essere stati più propensi a sopravvivere per procreare di nuovo, ma dato il lungo periodo di abbietta dipendenza dei figli umani dalla loro prole potrebbe essere stato meno probabile sopravvivere per procreare. Il risultato è una pressione selettiva per lo sviluppo di operazioni di elaborazione delle informazioni che potrebbero contribuire alla formazione e al mantenimento delle connessioni sociali, tra cui attaccamento, sincronia, comunicazione, compassione, empatia, connessione sociale, lettura mentale, inganno e individuazione dell'inganno, cooperazione, formazione di gruppo, benevolenza e punizione altruistica – cioè, un cervello sociale.

È il gene che è obbligatoriamente egoista, non il cervello umano. Gli esseri umani creano organizzazioni emergenti oltre l'individuo – strutture che vanno dalla diade, famiglie e gruppi a città, civiltà e alleanze internazionali. Queste strutture superorganismali si sono evolute mano nella mano con meccanismi genetici, neurali e ormonali per sostenerle perché i conseguenti comportamenti sociali hanno aiutato gli esseri umani a sopravvivere, riprodursi e a prendersi cura della prole abbastanza a lungo da sopravvivere anch'essi a riprodursi. Lo straordinario sviluppo e la maggiore connettività all'interno della corteccia cerebrale, specialmente le regioni frontali e temporali, sono tra i principali sviluppi evolutivi a questo riguardo. La corteccia cerebrale è un mantello compreso tra 2,6 e 16 miliardi di neuroni con ogni neurone che riceve da 10.000 a 100.000 sinapsi nei loro alberi dendritici. L'espansione delle regioni frontali nel cervello umano contribuisce alle capacità umane di ragionamento, pianificazione, esecuzione di simulazioni mentali, teoria della mente e pensiero di sé e degli altri. Le regioni temporali, a loro volta, sono coinvolti aspetti della percezione sociale, della memoria e della comunicazione. I mezzi per guidare il comportamento attraverso l'ambiente sono emersi prima dell'espansione neocorticale. I sistemi evolutivamente più vecchi svolgono anche un ruolo nell'elaborazione e nel comportamento delle informazioni umane, anche se in modo più rigido e stereotipato. Le regioni neocorticali complessamente interconnesse dei lobi frontali sono coinvolte nell'autocontrollo, che consente la modulazione di questi sistemi più vecchi e l'annullamento degli impulsi edonistici dell'organismo a beneficio degli altri.

Le prove attraverso la storia umana forniscono un supporto schiacciante alla supposizione che gli esseri umani siano fondamentalmente creature sociali. Si stima che la persona media in tempi moderni trascorra circa l'80% delle ore di veglia in compagnia di altri, la maggior parte dei quali viene speso in chiacchiere con persone conosciute. Queste stime sono state supportate nella valutazione più dettagliata di Danny Kahneman e colleghi che utilizzano il metodo di ricostruzione del giorno per determinare come le persone trascorrono il loro tempo e in che modo hanno vissuto eventi nella loro vita su base giornaliera. I risultati di queste valutazioni giornaliere indicano che le persone trascorrono solo 3,4 ore o circa il 20% delle ore di veglia. Il tempo trascorso con amici, parenti, coniugi, figli, clienti e colleghi è valutato in media più intrinsecamente gratificante del tempo trascorso da solo. Gli intervistati hanno indicato che le loro attività più piacevoli sono state relazioni intime e socializzazione – attività che promuovono legami e relazioni di alta qualità, mentre le loro attività meno piacevoli erano il pendolarismo e il lavoro. Questi risultati sono coerenti con i dati dell'indagine. Alla domanda "cosa è necessario per la felicità?", La maggior parte degli intervistati considera "le relazioni con la famiglia e gli amici" come la cosa più importante, anche se non sempre agiamo in questo modo è più importante.

È sorprendentemente facile trascurare l'evidente e, di conseguenza, vivere le nostre vite in modi non ottimali.

Il 15 gennaio 2009, il volo 1549 della US Airways partì dall'aeroporto LaGuardia di New York per Charlotte, nella Carolina del Nord, quando colpì uno stormo di oche durante il decollo. Entrambi i motori sono stati disattivati ​​e l'aereo pesante ha perso rapidamente l'ascensore di cui aveva bisogno per rimanere in alto. Il capitano Sully Sullenberger, che stava pilotando l'aereo quel giorno, riuscì in qualche modo a una discesa controllata nel fiume Hudson. I media hanno soprannominato l'ammaraggio dell'aereo e la sopravvivenza di tutti i 155 passeggeri e hanno fatto il miracolo sull'Hudson, e il capitano Sullenberger è stato debitamente annunciato come un eroe. La capacità di controllare la discesa di un aereo di 84 tonnellate senza spinta del motore non è qualcosa con cui gli esseri umani sono dotati in modo naturale. Il capitano Sullenberger non era un novizio, naturalmente. Era un laureato dell'American Air Force Academy che ha pilotato aerei da caccia F-4 mentre era in Air Force e aveva 40 anni di esperienza di volo. Tuttavia, per quanto notevoli fossero i suoi risultati rispetto a ciò che normalmente ci si poteva aspettare in questa situazione, gli sforzi del capitano Sullenberger non erano sufficienti per ottenere il miracolo sull'Hudson.

Quando il volo 1549 si fermò nel gelido fiume Hudson, i passeggeri e l'equipaggio si arrampicarono sulle ali e sugli scivoli gonfiabili del loro aereo che affondava lentamente. Le navi commerciali locali delle flotte di New York Waterway e Circle Line hanno risposto quasi immediatamente, con il primo dei battelli a raggiungere l'aereo in quattro minuti. Gli equipaggi delle varie navi hanno lavorato insieme per salvare i passeggeri e l'equipaggio del volo 1549, e vari volontari e agenzie hanno offerto assistenza medica. Questi sforzi di salvataggio non erano motivati ​​da interessi personali o commerciali, e nessuno era lodato come eroe. I loro sforzi hanno ricevuto meno attenzione perché le loro azioni erano esattamente ciò che ci aspettiamo gli uni dagli altri.

È l'insolito, non il luogo comune, che attira l'attenzione. Il 13 marzo 1964, Kitty Genovese parcheggiò vicino a casa sua a Kew Gardens, New York, e si trasferì nella sua residenza in un piccolo complesso di appartamenti. Winston Moseley, un operatore di macchine operatrici che in seguito confessò che il suo motivo era semplicemente quello di uccidere una donna, superò Genovese e la pugnalò due volte alla schiena. Genovese urlò: "Oh mio Dio, mi ha pugnalato! Aiutami! ", Una chiamata che è stata ascoltata dai vicini. Quando un vicino ha gridato all'attaccante: "Lascia stare quella ragazza", Moseley scappò. Genovese, ferito e sanguinante, si diresse verso il condominio lentamente e da solo. Moseley ritornò circa 10 minuti dopo e cercò Genovese. Trovandola quasi incosciente in un corridoio del palazzo, continuò il suo attacco con il coltello su di lei e la aggredì sessualmente. L'intero attacco è durato circa mezz'ora, eppure nessuno ha risposto. La prima chiara richiesta di aiuto alla polizia non si è verificata fino a pochi minuti dopo l'attacco finale, e Genovese è morto in un'ambulanza in rotta verso l'ospedale. Il numero di persone che erano a conoscenza di alcuni aspetti dell'attacco era stimato da una decina a più di tre dozzine. Un vicino non identificato che ha visto parte dell'attacco è stato citato in un articolo del New York Times che recitava "Non volevo essere coinvolto". L'idea che le persone non potrebbero andare in aiuto di un altro, anche di un estraneo, nel disperato bisogno portato a oltraggio pubblico. Decenni di ricerca hanno portato alla conclusione che l'ambiguità della situazione e la diffusione della responsabilità erano fattori che contribuivano.

Queste due notizie illustrano, in modi molto diversi, come le forze invisibili scolpite dall'evoluzione e coltivate dall'ambiente agiscano sulla nostra specie. Quando i capitani commerciali agiscono contro i propri interessi finanziari per salvare gli altri su un aereo che affonda, non ci pensiamo affatto perché crediamo che sia ciò che ogni individuo nella stessa situazione farebbe naturalmente. Quando gli osservatori di un attacco brutale non fanno nulla per aiutare la vittima, siamo terrorizzati perché crediamo che vada contro chi siamo come specie. L'idea che "ciò che è buono per me è un bene per la società" è stato un pilastro in economia negli ultimi quarant'anni, ma l'economia ha sbagliato. Gli esseri umani non sono motivati ​​unicamente da interessi personali, ma piuttosto lavoriamo insieme e ci aiutiamo l'un l'altro quando è nel bisogno. Sopravviviamo e prosperiamo a lungo termine attraverso le preoccupazioni e le azioni collettive, non solo con scopi egoistici.

Solutions Collecting From Web of "Geni egoisti, cervelli sociali"