Gelosia negli animali e invidia negli umani


2003-5001/2/21170)
Gelosia o invidia?
Fonte: Thomas Lee Syms (1867-1938), "Gelosia" (1898). (Biblioteca fotografica reale Rif numero: 2003-5001 / 2/21170)

Maria stava solo visitando. Ciò significava che c'era un nuovo animale in casa. Per una settimana si unì ad altre due piccole creature, una bambina di 12 mesi e un cane bianco e nero di 3 anni, Kevin, un cane di razza sana e una croce di collie. I tre, il bambino ei due cani, andarono d'accordo, anche se i cani erano un po 'nervosi per il bambino. Il movimento dei bambini può essere imprevedibile.

Quindi il cane originale, Kevin, quello nero che viveva permanentemente in casa, iniziò a fare qualcosa che non aveva mai fatto prima. L'ho notato mentre prendeva uno dei giocattoli del bambino, un coniglio marrone chiaro, e cominciava a masticare delicatamente l'animale di pezza. Ogni tanto lo lanciava in aria.

Kevin stava facendo qualcosa che aveva rinunciato molto tempo fa. Quello era l'aspetto davvero strano del comportamento del cane. Aveva rinunciato a giocare con i suoi giocattoli nel periodo in cui ne aveva trasformato uno (sebbene avesse ancora una buona collezione disponibile). Da allora ha preferito passeggiare, rincorrere gazze e scoiattoli.

Perché il cambiamento improvviso? Forse la risposta era il cane da visita. Kevin pensava che l'ospite fosse un rivale per l'attenzione del bambino? Fino ad ora aveva visto il bambino principalmente come un coinquilino allarmante e imprevedibile. Non aveva mostrato un atteggiamento proprietario. Ma ora, forse pensava, forse qualcun altro potrebbe voler spingere dentro.

Gelosia? Le azioni di Kevin si adattano al modello. La gelosia si verifica in situazioni triangolari competitive. Un individuo può essere costretto a pensare di essere schiacciato per rinunciare a qualcuno o qualcosa ad un'altra creatura. In queste situazioni i sentimenti corrono alti ed è il perdente a mostrare maggiore agitazione. Se si attiene alla diagnosi fenotipica, non importa se la situazione coinvolge animali o esseri umani. Non è necessario affrontare la questione se gli animali possano provare la gelosia come gli esseri umani. Non ci interessa davvero dei sentimenti , solo quello che puoi vedere accadendo.

Kevin era geloso del nuovo cane. La sua agitazione era il risultato di un disturbo che Mary aveva creato nel suo rapporto imprevedibile, ma stabile con il bambino. Ecco perché inaspettatamente ha preso a masticare il coniglio del bambino. Stava segnalando un pericolo per la sua relazione esclusiva con il bambino attraverso un'esibizione di benigna gelosia – il giocattolo non è mai stato danneggiato. Né era il cane da visita.

Mi piacerebbe poterlo dire, una volta lasciato il cane in visita, Kevin ha perso il suo improvviso interesse per il giocattolo. Ma non l'ha fatto. La gelosia, presumibilmente, era ora tra il cane, il bambino e i genitori. Ciò che questo può mostrare – intendo il continuo interesse per i giocattoli del bambino – è che la gelosia è un'esperienza appresa. È come se, una volta che sei stato provocato a provarlo, una nuova situazione può riaccendere l'emozione. Questo è un "effetto accendersi" o una situazione di "sensibilizzazione all'accensione".

La gelosia è un difetto del personaggio in Kevin? È normale pensare che la gelosia in ogni animale o umano sia un fallimento. Ma c'erano alcune informazioni recenti e intriganti pubblicate sulla gelosia e l'invidia e, implicitamente, sul loro status morale. Questo accadde durante la stessa settimana in cui Kevin stava masticando il coniglio. Quella settimana la psicologa spagnola Julia Poncela-Casasnovas e i suoi colleghi hanno pubblicato un articolo sull'invidia (e, a seguire, sulla gelosia). Era intitolato "Gli umani mostrano un insieme ridotto di fenotipi comportamentali coerenti nei giochi diadici" (S ci. Adv. 2, e1600451 (2016)).

Ma invidia? Non penso che ci sia molto da guadagnare distinguendo troppo attentamente tra gelosia e invidia. L'invidia ha detto di relazionarsi con ciò che ti piacerebbe avere, la gelosia per ciò che teme di perdere. Sentimenti di perdita o di guadagno non possono essere facilmente dimostrati. Ma il triangolo competitivo e l'agitazione che porta possono essere e sono comuni a entrambi. Poncela-Casasnovas aiuta a capire Kevin? Vediamo.

L'esperimento del dott. Julia Poncela-Casasnovas ha usato una varietà di giochi per determinare se i giocatori avrebbero fatto la cosa logica e avrebbero cooperato per ottenere una ricompensa maggiore. O, si domandava, si comporterebbero egoisticamente e competerebbero da soli per mirare a vincere un pagamento più piccolo ma garantito. Uno dei cinque giochi che lei e il suo team hanno adottato per testare la questione della cooperazione si chiama Stag Hunt . Si dice che il gioco rispecchi la cooperazione sociale o la sua assenza invidiosa. Poncela-Casasnovas sperava che lei potesse, usando questo gioco e altri, mostrare quale percentuale dei suoi 541 soggetti di ricerca avrebbe scommesso sulla cooperazione per ottenere una ricompensa più grande, e quanti l'avrebbero fatta da soli per la parte più sicura, ma non cooperativa.

In questa versione del tag S Hunt due persone escono a caccia. Possono cacciare un cervo o un coniglio (come Kevin). Ogni giocatore in questo gioco si sistema in base all'azione senza conoscere la scelta dell'altra persona. Per ottenere il cervo i due giocatori devono collaborare. Ma una persona, da sola, può andare per il coniglio, che vale molto meno del cervo, nella versione di Julia Poncela-Casasnova la ricompensa era costituita dai biglietti della lotteria che offrivano la possibilità di vincere alla grande. I maschi erano più preziosi, ma ottenerli era più difficile e richiedeva cooperazione. Non così per i coniglietti di valore inferiore. Il 30% dei concorrenti sembra essere andato per lo sparo più facile.

Perché un numero così grande di individui sceglie i conigli [anche] "quando sono a rischio di essere lasciati con un profitto inferiore rispetto alla loro controparte?" Poncela-Casasnovas ei suoi colleghi concludono che molte persone non erano entusiaste della prospettiva "di un'altra persona fare meglio di loro, anche se significava che ricevevano meno ".

Poiché la squadra di Poncela-Casasnovas ha trovato così tanti soggetti disposti ad andare in cerca di conigli, hanno sottoposto le reazioni dei giocatori all'analisi dei computer. Sostengono di essere in grado di raggruppare le risposte secondo quattro strategie: "invidioso, ottimista, pessimista, fiducioso e un piccolo gruppo di individui definiti indefiniti, che giocano una strategia sconosciuta." Poncela-Casasnovas ritiene che i risultati derivati ​​da i suoi 541 soggetti di ricerca possono essere estrapolati alle popolazioni in cui viviamo tutti. Quasi "il novanta per cento della popolazione può essere diviso in [i] quattro temperamenti di base. Di queste personalità "invidiose" sono le più diffuse – con quasi una persona su tre che rientra nella categoria ".

Kevin può tornare ora. Le specifiche dell'esperimento dell'invidia non sono ciò che conta per comprendere il comportamento di Kevin. Ma la conclusione di Poncela-Casasnovas, che l'individuo invidioso o geloso rappresenta un tipo di personaggio standard che è comune al 30%, lo è. Kevin si comporta come il 30%. Sarebbe altrettanto sbagliato abbassare lo sguardo sui suoi sentimenti così come sarebbe guardare in basso qualcuno che è ottimista o fiducioso. Se Julia Poncela-Casasnovas ha ragione, fa invidia e gelosia emozioni che possono essere interpretate come normali caratteristiche del carattere umano – e se i fenotipi significano qualcosa – dell'animale. Quello che Kevin stava vivendo e imparando era perfettamente convenzionale.

Solutions Collecting From Web of "Gelosia negli animali e invidia negli umani"