Gatti neri, specchi rotti e disturbi alimentari

foto di just.Luc

Gatti neri, specchi rotti e ombrelli aperti al chiuso.

Queste superstizioni e innumerevoli altre possono sembrare arcaiche, inutili e persino piuttosto stupide. I gatti neri non sono sfortunati, li trovo piuttosto carini. E preferirei aprire un ombrello in casa per non bagnare. Il fatto che oggi sia venerdì 13 non ha molto significato per me. Ma come qualcuno con una storia di DOC e anoressia, la superstizione e il pensiero magico sono ancora parte della mia esperienza.

Il pensiero magico non crede nei trucchi magici. È una conseguenza di come funziona il cervello. La sopravvivenza umana dipende dal riconoscere i modelli. Se una bacca rossa ti fa ammalare una volta, ha senso evitare le bacche rosse in futuro. Ma il pensiero magico porta questa associazione ad un altro livello. Sta pensando che se eviti tutti i cibi rossi, non ti ammalerai.

Tutti ci impegniamo nel pensiero magico in misura maggiore o minore. Fa parte dell'essere umano. In alcuni tipi di disturbi d'ansia, tuttavia, il pensiero magico può arrivare a dominare la vita di una persona. Sebbene l'anoressia non sia un disturbo d'ansia, l'ansia è un sintomo comune, e il pensiero magico pervade un sacco di pensieri disturbati nel mangiare.

Finché non mangerò più di calorie X, non ingrasserò.

Finché non mangio il dessert, non ingrasso.

Se conto le calorie, allora la mia vita andrà bene.

Se non bingo / spurgo / restrizioni / esercizio, diventerò pazzo.

La verità è che la torta non ha un po 'di potere magico. E mangiare comportamenti disordinati non rende tutto nella vita ok, i comportamenti rendono la vita a posto. Guardandolo in un altro modo, questo tipo di pensiero magico rende la vita gestibile, sotto controllo. Dà alle persone un senso di potere in un mondo che non sembra preoccuparsi di noi piccoli grugniti.

Anche se dire che un disturbo alimentare è "sul controllo" sembra una enorme semplificazione eccessiva (il controllo potrebbe essere un fattore, ma non è l'unico), molte persone con disturbi alimentari hanno difficoltà a trovare il controllo. Entra nel pensiero magico. Uno studio pubblicato lo scorso mese ha mostrato che le persone con disturbi alimentari hanno una ridotta tolleranza all'incertezza. E questa intolleranza di incertezza può condurre direttamente al pensiero magico. Se non sai quali cibi saranno pericolosi, il tuo cervello forma ampie associazioni per proteggerti dai danni.

Uno studio del 2009 sulla scienza, intitolato "Lacking Control aumenta la Percezione del Pattern Illustory", ha rilevato che sentirsi meno controllati rispetto a una situazione ti ha reso più probabile pensare di aver visto un pattern in immagini di punti casuali.

Da una recensione dello studio:

[I ricercatori] hanno dimostrato che le persone a cui mancava il controllo avevano maggiori probabilità di vedere immagini che non esistevano, percepire cospirazioni e sviluppare superstizioni.

"Meno persone hanno il controllo sulle loro vite, più è probabile che provino a riprendere il controllo attraverso la ginnastica mentale", ha detto Galinsky. "I sentimenti di controllo sono così importanti per le persone che una mancanza di controllo è intrinsecamente minacciosa. Mentre alcune errate percezioni possono essere cattive o portare fuori strada, sono estremamente comuni e molto probabilmente soddisfano un bisogno psicologico profondo e duraturo. "

Secondo Whitson, quel bisogno psicologico è il controllo e la capacità di ridurre al minimo l'incertezza e predire azioni benefiche. In situazioni in cui si ha poco controllo, i ricercatori hanno proposto che un individuo possa credere che meccanismi misteriosi e invisibili siano segretamente all'opera. Per testare la loro teoria, i ricercatori hanno creato una serie di situazioni caratterizzate da mancanza di controllo e quindi hanno misurato se le persone vedessero una varietà di modelli illusori.

"… Le persone vedono modelli falsi in tutti i tipi di dati, immaginando tendenze nei mercati azionari, vedendo volti in statica e rilevando cospirazioni tra conoscenti. Ciò suggerisce che la mancanza di controllo porta ad un bisogno viscerale di ordine, persino di ordine immaginario, "ha detto Whitson.

Questo mi ricorda molto di come la necessità di controllo sia discussa nel trattamento di DE. Anche se un disturbo alimentare non riguarda solo il controllo, il bisogno di controllo è il filo conduttore di molti comportamenti di disturbo alimentare, che si tratti di controllare ciò che viene consumato, depurato, esercitato o che cosa hai. In così tanti resoconti personali di disordini alimentari, ho sentito affermazioni che dicevano qualcosa sulla falsariga di "quando tutto il resto sembrava fuori controllo, almeno potevo controllare il mio cibo".

Ma questa ricerca mi ha fatto guardare più da vicino e pensare di più a quello che sta succedendo. Lo stress è una causa frequente di insorgenza e ricaduta del disturbo alimentare e una delle cose più stressanti è la sensazione di non avere alcun controllo sulla propria vita. Ci sono stato. Fa schifo. Quindi, forse, se il disturbo alimentare non stava "cercando" di controllare ogni aspetto della mia assunzione di cibo, forse questa mancanza di controllo ha contribuito a spiegare perché mi sono innamorato dell'illegalità, della linea e del sinker dell'ED.

Se fossi come le persone nello studio del 2009, quindi i tempi in cui ero sotto stress, avrei avuto molte più probabilità di presumere che la mia diminuzione del cibo e l'aumento dell'esercizio mi aiutassero a risolvere la situazione. Aiutava a cementare le convinzioni superstiziose che se mangio più di calorie X o esercizio meno di Y ore o non prendi almeno Z lassativi, allora tutto l'inferno si scatenerà. Naturalmente, niente ti fa sentire più fuori controllo di un disturbo alimentare, quindi le convinzioni e la necessità di un ordine pseudo-psicologico non fanno altro che aumentare. I "meccanismi invisibili" proposti dai ricercatori erano, nel mio caso, il disturbo alimentare. Contemporaneamente ha fatto girare il mondo, e ha anche reso la mia vita coerente in una serie di azioni che potevo capire e gestire.

Sul rovescio della medaglia, questa ricerca suggerisce che aiutare le persone a ottenere il controllo della propria vita (che, nel caso degli ED, inizierebbe con l'interruzione dei sintomi) diminuirebbe la loro infinita ginnastica mentale nel cercare di trovare un cibo sicuro o un luogo sicuro da eliminare .

L'ironia è che la ripresa ha portato un maggior senso di controllo alla mia vita. Non che io non diventi angosciante e in preda al panico per le cose più ridicole, e che il mio cervello non sviluppi le generalizzazioni più bizzarre e radicali apparentemente a caso. Ma il pensiero magico dell'anoressia sta rapidamente diventando una cosa del passato. Le mie superstizioni anoressiche facevano sembrare la vita solo a posto. Ora, la mia vita in realtà va bene.

Solutions Collecting From Web of "Gatti neri, specchi rotti e disturbi alimentari"