Gatti e esseri umani: non c'è bisogno di guerra

Nota: ho appena pubblicato un aggiornamento sulle guerre su gatti e lupi chiamati "Le guerre su lupi, gatti e altri animali: è il momento di chiudere per sempre i campi di sterminio". Contiene numerosi riferimenti e collegamenti su questi argomenti.

" Cat Wars è un libro pericoloso che mette a rischio la vita dei gatti"

Un nuovo libro, Cat Wars: The Devastating Consequences of a Cuddly Killer, sta ricevendo molta attenzione da parte di persone su diversi fronti della barricata su ciò che deve essere fatto per i gatti che vivono liberamente. Cat Wars è stato estremamente polarizzante (per ulteriori discussioni si veda, ad esempio, "Cat Wars" "Call for Killing Free-Ranging Cats", "Un nuovo libro chiamato 'Cat Wars' Calls for Killing Free-Ranging Cats", e soprattutto i commenti per quest'ultimo saggio). Un commento inviato da Bryan Kortis è giusto nel segno quando scrive: "Il libro contrappone le persone con obiettivi comuni l'uno contro l'altro e incoraggia solo la violenza dell'estremismo, non le soluzioni".

Su questa linea, al momento della stesura di questo articolo, ci sono 110 recensioni di clienti su Amazon, l'8% delle quali sono a cinque stelle (molto positive) e il 92% delle quali a stelle (molto negativo). Mentre leggendoli potrebbe essere noioso, essi rivelano veramente i messaggi polarizzanti e di divisione di questo nuovo libro, che conclude:

"Dal punto di vista dell'ecologia della conservazione, la soluzione più desiderabile sembra chiara: rimuovi tutti i gatti che si spostano liberamente dal paesaggio con ogni mezzo necessario." Pp. 152-153).

È anche interessante notare che la Princeton University Press, gli editori di Cat Wars , ha emesso una dichiarazione di non responsabilità che affermava: "Gli autori e la Princeton University Press non sostengono il trattamento inumano degli animali".

Un'intervista con Becky Robinson, presidente e fondatrice di Alley Cat Allies

Per saperne di più sulle alternative umane all'uccisione di tutti i gatti in libertà, ho avuto la fortuna di poter intervistare Becky Robinson, presidente e fondatrice di Alley Cat Allies, su questo libro e sui gatti in generale.

Becky, puoi dire alla gente un po 'di te e del tuo coinvolgimento con "problemi di gatto".

Ho fondato Alley Cat Allies nel 1990 dopo aver appreso che l'agenzia locale per il controllo degli animali ha sostenuto l'uccisione di una colonia di gatti sani che ho scoperto in un vicolo di Washington, ho deciso di proteggere i gatti e il vizio dichiarato, ovvero i gatti della comunità, ovunque non sarebbero più vittime di politiche di controllo degli animali letali.

Alley Cat Allies è l'innovatore nella protezione e nel trattamento umano dei gatti. Abbiamo lavorato per 26 anni per supportare i caregiver, cambiare le leggi, migliorare i rifugi e, soprattutto, salvare i gatti. Abbiamo reso popolare Trap-Neuter-Return (TNR), l'unico approccio umano ed efficace per i gatti della comunità. Stabilendo e promuovendo standard di cura, la nostra organizzazione ha portato il trattamento umano dei gatti sotto i riflettori nazionali. Prima di Alley Cat Allies, TNR era praticamente sconosciuto in America, e nessun governo locale lo sosteneva. Oggi, un elenco crescente di oltre 500 municipi abbraccia ufficialmente il TNR. Un numero sempre maggiore di agenzie e gruppi locali si esercitano anche a Shelter-Neuter-Return (SNR) – programmi di restituzione neutro condotti da rifugi per animali per gatti selvatici al momento dell'assunzione. Le colonie di gatti selvatici sono scomparse da molte aree a causa di TNR e SNR.

Qual è la tua opinione su Cat Wars ? Puoi dirci, per favore, dei pro e dei contro di questo libro che è sicuramente molto controverso?

Cat Wars è un libro pericoloso che mette a rischio la vita dei gatti. In effetti, gli autori danno la licenza all'idea che sia accettabile per le persone uccidere i gatti, come si dice, "qualsiasi mezzo necessario". Che cosa significa? Sparare, avvelenare o intrappolarli?

La tragica ironia è che per più di 100 anni è stata la pratica di agenzie di controllo degli animali e di rifugi per animali per uccidere i gatti all'aperto. Questo è sempre più riconosciuto come una politica pubblica fallimentare e regressiva. Negli Stati Uniti, l'inefficace cattura e uccisione di gatti all'aperto viene sostituita da TNR e SNR come l'unico modo efficace e progressivo per stabilizzare la popolazione di gatti.

Come possiamo convincere le persone a capire la natura dei gatti e aiutare le loro comunità con i gatti all'aperto?

I gatti hanno sempre vissuto all'aperto. Non è un fenomeno nuovo. È importante ricordare che per più di 10.000 anni i gatti hanno vissuto vite all'aperto condividendo l'ambiente con uccelli, animali selvatici e persone. I gatti hanno imparato a vivere al fianco delle persone. Il loro grano immagazzinato attirava roditori, un'abbondante fonte di cibo per i gatti.

Mantenere i gatti in casa tutto il tempo non è stato possibile fino a diverse importanti innovazioni del 20 ° secolo: refrigerazione, rifiuti di kitty e la prevalenza di sterilizzazione e sterilizzazione. Anche se questi cambiamenti nel nostro stile di vita moderno rendono possibile il mantenimento dei gatti, biologicamente, i gatti sono gli stessi di migliaia di anni fa. Il loro ruolo nella nostra società si è evoluto e ampliato, ma i loro comportamenti e bisogni di base non sono cambiati.

Oggi ci sono gatti di tutti i tipi che vivono in casa e quelli che vivono esclusivamente all'aperto che non sono socializzati, quindi non possono vivere nelle case. Promuoviamo TNR e SNR perché vogliamo ridurre la popolazione di gatti che vivono all'aperto e stabilizzare le colonie. Ma riconosciamo anche che per alcuni gatti la loro casa è all'aperto come lo è stata per migliaia di anni.

Quale ruolo ritieni abbia la conservazione compassionevole nell'affrontare questioni riguardanti i gatti?

Capisco che la Conservazione compassionevole è guidata dal principio di non nuocere. Rifiuta la polarizzazione tra coloro che sono interessati al benessere degli animali con coloro la cui preoccupazione è la conservazione. La compassione dovrebbe essere fondamentale per tutte le nostre azioni. Questi sono principi che condivido anche io. Vedo TNR e SNR come strumenti nella toolbox Compassionate Conservation. In effetti, mi preoccupo tanto dei gatti, indipendentemente da quale parte della porta principale vivono, come faccio per l'ambiente. Una delle ragioni per cui sono vegano è perché la mia dieta consuma molto meno in acqua e altre risorse per produrre il cibo che mangio. Credo che tutti coloro che amano l'ambiente dovrebbero essere vegani!

È interessante notare che lo stesso argomento usato a sostegno della caccia di altri animali è anche usato per giustificare l'uccisione di gatti. Ma, al contrario, sappiamo anche dalla caccia ai cervi e alle riprese di oche canadesi, per esempio, e ad un secolo di uccisione di gatti che i metodi letali di controllo della popolazione non funzionano. Il motivo è l'effetto del vuoto – quando i gatti oi mammiferi si trasferiscono per sostituire quelli uccisi per sfruttare le risorse esistenti e aumentare la capacità.

C'è qualcos'altro che vorresti dire ai lettori?

Naturalmente, accogliamo con favore un dibattito serio e serio sulla protezione e il trattamento umano dei gatti. Qualsiasi discussione di questo tipo deve essere informata e accurata in modo che possa indirizzare in modo soddisfacente e significativo i gatti, il loro stato sociale e il loro stato legale e in che modo possono essere rafforzati. Ma Cat Wars non riesce a soddisfare questo standard. Il libro, che è malamente ricercato e scritto, è un resoconto sensazionalizzato che mostra sfacciatamente il suo pregiudizio contro i gatti. Rappresenta in modo errato il lavoro dei veterinari, che sono pubblicati, autorità rispettate nel loro campo, organizzazioni senza scopo di lucro e volontari della comunità, che lavorano duramente per gestire le popolazioni di gatti attraverso il TNR e altri programmi di affermazione della vita.

Persino gli autori di Cat Wars non sanno cosa fare. Non offrono una soluzione se non quella di rimuovere i gatti con ogni mezzo necessario. Ma tutto ciò che può essere fatto ai gatti è stato provato. Puoi lasciarli essere. Questo non funziona. Puoi metterne dei tesori in 'santuari'. Questo è impossibile. Puoi prendere e uccidere. Neanche questo funziona. Oppure puoi ottenere la riproduzione dell'indirizzo di radice con la sterilizzazione.

Il nostro obiettivo principale è quello di impedire ai gatti di produrre cucciolate di gattini attraverso TNR e SNR. Questo permette ai singoli gatti di vivere le loro vite e le colonie di morire per logoramento naturale. Invece di attaccare un movimento di base di volontari premurosi, che spesso trascorrono il loro denaro intrappolando, sterilizzando, vaccinando e prendendosi cura dei gatti, il movimento del TNR dovrebbe essere riconosciuto come un compassionevole beneficio per la salute pubblica basato sulla comunità – un'iniziativa positiva per tutti gli interessati e l'ambiente.

Do il benvenuto a tutti per saperne di più sul nostro lavoro per i gatti su www.alleycat.org.

"I gatti stanno sopportando il peso di un problema che non solo ci include, ma ci definisce anche. Il problema è molto più complicato che progettare un veleno migliore … " (Fiona Probyn-Rapsey sulla guerra australiana ai gatti selvatici)

Grazie, Becky, per una discussione molto ponderata. Sono assolutamente d'accordo sul fatto che rimuovere tutti i gatti liberi "con ogni mezzo necessario", come suggerito in Cat Wars, non è né necessario né umano. Né ha, o funzionerà. E, anche se fosse così, è eticamente ripugnante e ci sono alternative umane che devono essere perseguite e utilizzate. Usarli sarà una vittoria per tutti. Uccidere nel nome della conservazione deve diventare una pratica del passato.

Nota: non saranno accettati commenti anonimi e personali / ad hominem .

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: Saving Moon Bears (con Jill Robinson), Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole, perché i cani e le api vengono depressi: l'affascinante scienza dell'intelligenza animale, le emozioni, l'amicizia e la conservazione, Rewilding Our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza, e The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson). L'agenda degli animali: libertà, compassione e convivenza nell'età umana (con Jessica Pierce) sarà pubblicata all'inizio del 2017.

Solutions Collecting From Web of "Gatti e esseri umani: non c'è bisogno di guerra"