Fusione dei miti di Visual Snow

"La neve visiva" è un fenomeno visivo in cui le persone vedono ciò che sembra essere neve o statica, come si farebbe con una scarsa ricezione televisiva. Può essere transitorio o persistente, coinvolgendo una parte o la totalità del campo visivo e di solito più evidente su sfondi più scuri. Alcuni pazienti lo associano al rumore della fotocamera in condizioni di scarsa illuminazione. La sua gravità è variabile, ma è noto che ha un impatto estremamente negativo sulla vita quotidiana, rendendo difficile la messa a fuoco e la lettura.

Spesso, non si scopre un'eziologia definitiva per la neve visiva, nonostante gli sforzi compiuti nei settori psichiatrico, neurologico e oftalmologico – e questo, insieme alla diminuzione della qualità della vita associata a chi soffre di neve visiva, ha portato a un'ansia secondaria, depressione e attacchi di panico. È comunemente considerato associato all'emicrania (come insolita forma di aura) o all'assunzione di allucinogeni. Sfortunatamente, l'associazione di neve visiva con l'uso di droghe illecite può aggiungere la beffa al danno quando si presume che un paziente sia presumibilmente un abusatore di sostanze passate o presenti.

Si può facilmente immaginare questo scenario che si verifica con i pazienti con dolore cronico in terapia per il dolore cronico, anche se il loro dolore è dovuto all'emicrania.

Disturbo della percezione persistente allucinogeno (HPPD) è il termine dato l'inizio della neve visiva a seguito dell'uso di droghe psichedeliche allucinogene. È interessante notare che la neve visiva in HPPD è più comunemente indicata come "aeropsia" (dal greco per "vedere l'aria"). Può esserci una considerevole latenza tra l'ultimo (e solo occasionalmente) consumo di droga e l'insorgenza di HPPD. Quindi, fino ad ora, è stato dogma che una storia della droga completa e cronologicamente completa essere presa quando i fornitori di assistenza sanitaria intraprendere il lavoro diagnostico di neve visiva.

Scrivo "fino ad ora" perché la recente ricerca presentata alla riunione annuale dell'American Academy of Neurology ha concluso che la neve visiva non è probabilmente il prodotto dell'uso di droghe illecite.

La ricerca è stata intrapresa dal Dr. Christoph Schankin presso l'Università della California, a San Francisco, perché gli studi visivi sulla neve hanno finora coinvolto un piccolo numero di pazienti e gruppi di advocacy vogliono risposte più definitive. Lo studio del dott. Schankin ha coinvolto 120 persone che hanno riportato sintomi visivi simili.

Dato che c'erano così tante variazioni nei disturbi visivi tra i soggetti, i ricercatori si sono concentrati sui circa 60 soggetti che stavano vivendo punti fissi in bianco e nero fissi come parte delle loro vite visive quotidiane. I partecipanti allo studio hanno inoltre riferito di guizzare oggetti bianchi durante la visione del cielo, onde colorate con gli occhi chiusi, visione notturna non ottimale, e scie che si accodano dopo aver spostato gli oggetti.

È stato scoperto che, mentre l'emicrania è davvero comune nei pazienti con neve visiva, la neve visiva colpisce anche un numero significativo di individui senza una storia di emicrania o uso di droghe allucinogene.

Più della metà dei soggetti ha riferito di aver avuto mal di testa, ma il Dr. Schankin ha sottolineato che il mal di testa non era correlato ai fenomeni visivi. Ha concluso che la neve visiva è di per sé un'entità patologica, clinicamente distinta dall'emicrania con aura.

C'è ancora molto da imparare sulla neve visiva, in particolare la sua eziologia dal punto di vista dell'anatomia e della fisiologia, e il trattamento ideale, che attualmente prevede il dosaggio di prove ed errori con una varietà di farmaci anti-sequestro. Eppure, questa recente ricerca può dare qualche speranza a coloro che affrontano questa condizione – e alcune munizioni quando l'establishment medico si assume tutto a causa del passato o dell'attuale consumo illegale di droghe.

Solutions Collecting From Web of "Fusione dei miti di Visual Snow"