Fuochi d'artificio o Zaps del cervello?

Cosa sono gli zapping cerebrali e sono dannosi?

Un nuovo cliente ha descritto il cervello come un ronzio elettrico che sentiva nella sua testa periodicamente. "Pensavo di impazzire, specialmente di notte mi ha risvegliato." Notò questi sintomi mentre si ritirava lentamente da un antidepressivo SSRI che le era stato prescritto. Altri clienti riferiscono di sentire un improvviso ronzio elettrico nel loro cervello, specialmente quando si riposa o si dorme di notte. È descritto come un impulso ondulatorio da alcuni, ma non li ho mai sentiti riferiti a "zaini cerebrali" fino a poco tempo fa, quindi ho studiato il termine.

Sembra esserci un cambiamento neurochimico quando si diminuisce o si interrompe il trattamento, ma i sintomi possono manifestarsi quando il cervello sta tentando di riadattarsi. Zuppe cerebrali, brividi cerebrali, shock cerebrali, shock alla testa o scosse elettriche sono un comune effetto collaterale e sintomi di astinenza da antidepressivi. Questi sintomi possono anche verificarsi con benzodiazepine e sonniferi. I clienti mi dicono che questo effetto collaterale non viene menzionato quando viene prescritto il farmaco.

I sintomi sono descritti come brevi ma ripetute sensazioni di shock elettrico nel cervello e nella testa, o originati nel cervello ma estesi ad altre parti del corpo. A volte il movimento degli occhi rapidamente da un lato all'altro ha dimostrato di scatenare gli zapping cerebrali. A volte gli zapping cerebrali sono accompagnati da disorientamento, tinnito, vertigini e vertigini.

In ritiro da antidepressivi, sonniferi o farmaci per l'ansia, queste scosse elettriche possono peggiorare e diventare debilitanti, anche se non ci sono prove che gli zaps presentino alcun pericolo per l'individuo, gli antidepressivi della serotonina sembrano essere collegati agli zapping cerebrali, così come farmaci per l'ansia e sonniferi che prendono di mira il GABA.

Sebbene gli antidepressivi siano necessari per trattare la depressione, è importante la cautela e la consapevolezza degli effetti collaterali. Una nuova controversa teoria della depressione sottolinea che i diversi stati di depressione sono associati alla mancanza di una nuova crescita cellulare nel cervello. I neurotrasmettitori come la serotonina sembrano aumentare la disponibilità di neurotrasmettitori che facilitano la nuova crescita. Il cervello è un organo complesso che ci dà la capacità di pensiero razionale, creatività, movimento e azione sulle esperienze sensoriali. Mantiene le nostre funzioni corporee consce e inconsce. Elettricità ed energia sono condotte attraverso il cervello e attraverso il sistema nervoso. Le cellule nervose sono più prevalenti nel cervello, quindi il cervello richiede stabilità per funzionare correttamente. Sono necessari una corretta alimentazione e ossidazione. Molti antidepressivi mantengono la serotonina per periodi di tempo più lunghi di quelli che si verificano naturalmente nel cervello, causando probabilmente una mancata accensione o uno "zapping cerebrale". Non ci sono prove attuali che gli zapping cerebrali presentino alcun pericolo per il paziente che li sta provando. Possono verificarsi durante un aggiustamento del dosaggio di farmaci antidepressivi SSRI e SNRI.

Un'altra opzione per gli antidepressivi è quella di vivere in modo creativo. Inizia dalle basi fornendoti otto ore di sonno ristoratore, un'alimentazione sana e nuove divertenti esperienze passate per tutta la giornata per stimolare la nuova crescita cellulare e aiutare a prevenire la depressione. Se è necessario un farmaco antidepressivo, è importante che le persone siano consapevoli dei possibili sintomi di astinenza, in modo che non vengano colti di sorpresa o spaventati se e quando sperimentano uno "zapping cerebrale".

* Copyright (JeanPollack)

Solutions Collecting From Web of "Fuochi d'artificio o Zaps del cervello?"