Frodi scientifiche su Brain Scan Findings

Un modo in cui alcuni psichiatri "biologici" distorcono la verità per giustificare la loro convinzione che certi problemi comportamentali siano dovuti interamente a disordini cerebrali coinvolge il nuovo giocattolo dei neuroscienziati, la scansione cerebrale del risonanza magnetica funzionale (fMRI). Le macchine fMRI, poiché misurano i campi magnetici, possono mappare sia la struttura del cervello che la funzione cerebrale perché il ferro nel sangue che passa attraverso il cervello crea un campo magnetico. Se una sezione del cervello ha aumentato l'attività, il flusso sanguigno aumenta e si illumina sulla scansione.

In questo post non parlerò di scoperte grossolane che riguardano l'intero cervello, come il restringimento ( atrofia cerebrale) visto nell'Alzheimer avanzato e in alcuni casi di grave schizofrenia avanzata (e sì, contrariamente a quanto dicono gli antipsichiatrici, è stato trovato in 30 studi su pazienti con schizofrenia che non avevano mai assunto farmaci antipsicotici). Questi risultati sono chiaramente indicativi di malattia. Quello di cui parlerò in questo post sono i cambiamenti in piccole strutture cerebrali che sono spesso coinvolte in compiti mentali specifici.

Ciò che i ricercatori fanno è usare la risonanza magnetica funzionale per confrontare alcune strutture cerebrali e l'attività cerebrale, in particolare nella parte primitiva del cervello chiamata sistema limbico, in alcuni gruppi diagnostici con controlli corrispondenti che non hanno il disturbo. Ad esempio, un'importante struttura del cervello chiamata amigdala sinistra è in media più piccola nei soggetti che presentano i segni del disturbo borderline di personalità (BPD) rispetto ai soggetti che non presentano il disturbo.

Naturalmente, stanno confrontando le medie, quindi l'amydala sinistra in alcuni pazienti con BPD è più grande di quella del controllo medio. Si noti inoltre che gli scienziati confrontano solo occasionalmente diagnosi diverse tra loro . Le differenze nelle dimensioni e nell'attività dell'amigdar sono presenti in qualsiasi numero di diversi gruppi diagnostici in psichiatria.

Un altro modo per dire questo è che le differenze osservate possono essere non specifiche e quindi solo marginalmente correlate alla diagnosi in questione.

La fonte più fastidiosa di conclusioni fuorvianti è che ogni volta che si riscontra una differenza tra un gruppo diagnostico e controlli senza disturbo mentale, tale differenza viene automaticamente etichettata come un'anomalia . Se un paziente ha un'anomalia, ovviamente deve avere una malattia al cervello. O così va il ragionamento.

In realtà, questi scienziati non sanno se ciò che hanno trovato è un'anomalia o meno. Ciò che rende totalmente fuorviante l'uso del termine anormalità è che il cervello, in particolare in termini di strutture del sistema limbico, è di plastica . Ciò significa che, nel cervello normale, queste strutture possono cambiare di dimensioni per riflettere attività che diventano importanti per un dato individuo. Tali cambiamenti possono essere molto rapidi e sostanziali.

Ad esempio, nel numero di febbraio 2010 di Archives of General Psychiatry (Volume 67 [2] pp. 133-143), Pajonk, Wobrock, Gruber et. al. Scoprimmo che dopo appena tre mesi di un vigoroso programma di esercizi, le dimensioni di una struttura cerebrale chiamata ippocampo aumentavano in media del 16 percento in "normali"!

È anche vero che la parte del cervello che controlla i movimenti delle dita è, in media, molto più grande nei violinisti da concerto che non nei musicisti. Le conclusioni che i cosiddetti psichiatri biologici sarebbero, immagino, che sia un violinista da concerto sia un esercizio vigoroso sono malattie!

Un altro punto che dovrebbe essere ovvio: alcune parti del cervello diventano più attive quando si intraprendono determinate attività. Ad esempio, alcune parti del cervello si illuminano quando cerchi di risolvere un cubo di Rubik che non si accende se, per esempio, stai lavorando a un cruciverba. La conclusione dello psichiatra biologico? Fare un cubo di Rubik deve essere una malattia! Oh, aspetta un secondo, forse il cruciverba è la malattia e fare il Cubo è normale?

Determinate aree del cervello sono importanti nel servire come una sorta di allarme precoce e centro di risposta per il cervello sia ai segnali di pericolo sia a importanti segnali sociali. Queste aree sono chiamate l' amigdala , il giro cingolato anteriore e la corteccia frontale orbitale . I percorsi neurali che codificano i primi modelli di attaccamento sociale, la valutazione dello stimolo sociale ( cognizione sociale) e le risposte di lotta o fuga alla paura sono tutti centrati in queste aree.   

Il danno all'amigdala nelle scimmie porta a compromettere la capacità di rispondere in modo appropriato all'approccio delle altre scimmie. Le scimmie così compromesse non possono sapere se altre scimmie stanno arrivando per attaccarle o per accoppiarsi con loro.

Rispondere rapidamente ai pericoli ambientali e ai segnali sociali ha un importante valore di sopravvivenza. Se dovessimo fermarci a pensare ogni volta che ci trovassimo di fronte a situazioni comuni, saremmo quasi paralizzati. Pertanto, gran parte del nostro comportamento abituale nelle situazioni sociali così come la nostra lotta o fuga di risposta alle paure è messa in moto dai percorsi neuronali in queste aree cerebrali. Le parti pensanti del cervello possono scavalcare la risposta iniziale, ma non entrano in azione fino a quando non vengono attivate prima le risposte abituali.

I cambiamenti adattivi a lungo termine e le risposte condizionate che causano il cambiamento di diverse parti del cervello iniziano di solito a livello della sinapsi, la parte delle cellule nervose che tocca e comunica con un'altra cellula nervosa. Ci sono probabilmente molti meccanismi attraverso i quali i percorsi neuronali vengono alterati. L'espressione genica è letteralmente alterata a causa dell'input proveniente dall'ambiente. Questo è chiamato epigenetica.

Un altro concetto importante è il potenziamento a lungo termine , di cui parlerò brevemente.

Un aumento della forza di una sinapsi avviene attraverso questo processo. Ciò significa in poche parole che stimolare una data sinapsi una o due volte non porta a cambiamenti nella sua forza. Tuttavia, quando una sinapsi viene stimolata più di quella, vengono prodotte nuove proteine ​​nel neurone all'estremità ricevente della sinapsi che portano ad un aumento più permanente della forza della connessione sinaptica. Questo rafforzamento avviene non solo nell'unica sinapsi ma in altre sinapsi vicine.

Se una sinapsi non viene stimolata per un periodo abbastanza lungo, può indebolirsi e poi scomparire letteralmente. Usalo o perdilo.

Ora torniamo all'epigenetica. Questo si riferisce al processo attraverso il quale l'input ambientale esterno spegne e accende i geni. La stragrande maggioranza dei geni in ogni cellula è nella posizione "off", inclusi i geni che influenzano il modo in cui i neuroni funzionano. La maggior parte dei geni è accompagnata da altri geni la cui intera funzione è di spegnerli e attivarli in risposta a fattori ambientali.

Esempi di meccanismi che producono tali cambiamenti sono la metilazione del DNA e la modificazione dell'istone, ognuno dei quali altera il modo in cui i geni sono espressi senza alterare la sequenza sottostante del DNA. È stato dimostrato che esperienze infantili come il trauma portano a cambiamenti epigenetici in diverse aree del cervello, ma questi cambiamenti possono essere suscettibili di alterazione da parte della psicoterapia e quindi reversibili.

Il punto di tutto questo è che alcune "differenze" tra i gruppi sulle scansioni di risonanza magnetica possono essere dovute a malattie, ma possono anche essere dovute a determinate funzioni cerebrali coinvolte dai soggetti in modo diverso durante l'esperimento. Ancora più importante, le differenze possono anche essere solo le risposte condizionate a un particolare ambiente in cui i soggetti hanno trascorso molto tempo. Le scoperte fMRI da sole non ci dicono quale di queste tre possibilità sia rappresentata da "differenze" osservate.

Al fine di differenziare la vera patologia cerebrale dalle risposte condizionate, i buoni scienziati esamineranno una varietà di altri fattori e quindi faranno la loro ipotesi migliore sulla base di una preponderanza delle prove. La schizofrenia, per esempio, è quasi sicuramente una malattia del cervello come la malattia di Alzheimer. Per prima cosa, oltre all'atrofia cerebrale spesso osservata nei casi avanzati, ci sono un numero enorme di differenze di scansione cerebrale molto diverse in aree cerebrali più piccole tra le persone che hanno questa malattia e le persone che non lo fanno, sebbene nessuno di per sé sia ​​necessario o sufficiente per produrre la condizione

Alcune di queste differenze, come le differenze nelle aree che controllano i movimenti oculari, non sembrano correlate ai sintomi del disturbo. Questo rende meno probabile che le differenze osservate siano solo una questione di normale funzionamento del cervello poiché funziona su un compito specifico.

Quello che considero il modo più importante per distinguere un risultato dovuto a una malattia del cervello da altre cause coinvolge il concetto di persistenza e pervasività. I problemi di memoria dovuti alla malattia di Alzheimer e le delusioni dalla schizofrenia, ad esempio, potrebbero andare leggermente meglio o peggio nei momenti di differenza, ma sono sempre presenti in misura significativa indipendentemente dall'ambiente per un periodo di tempo significativo.

I sintomi della maggior parte delle persone con ADHD, d'altra parte, sembrano scomparire completamente in determinate condizioni ambientali. I bambini con questa diagnosi erano abituati a frequentare videogiochi rumorosi con distrazioni multiple e tuttavia essere in grado di concentrarsi proprio lì. Le vere malattie del cervello non si esauriscono in questo modo.

I medici che amano insistere sul fatto che l'ADHD è una vera malattia spiegherebbero questo usando la più incredibile pseudo-logica immaginabile, con "fatti" che non hanno assolutamente basi scientifiche e sono stati sostanzialmente tirati fuori da ciò che sapete. In qualche modo la concentrazione di videogiochi arcade, direbbero, non è concentrazione! Ho sentito dire questo più volte. Allora, per favore, dillo, vero?

Solutions Collecting From Web of "Frodi scientifiche su Brain Scan Findings"