Freud è ovunque

CC0 Public Domain
Fonte: Dominio Pubblico CC0

di Harold P. Blum, MD

Sigmund Freud nacque il 6 maggio 1856. Sarebbe 161 oggi.

Freud ha rivoluzionato la comprensione e il trattamento dei disturbi mentali. Ha creato la teoria psicoanalitica della personalità. Ma al di là di questo, ha cambiato profondamente la nostra comprensione dell'umanità, del pensiero e della cultura. Freud, come Darwin, ha disturbato il sonno del mondo rivelando fino ad allora sgradevoli, ma fondamentali, verità sulla natura umana. Contesa e criticata, la teoria freudiana permea ancora la cultura e gli studi occidentali. La moderna neuroscienza conferma l'intuizione di Freud che la maggior parte della vita mentale avviene al di fuori della consapevolezza. Che la pulsione sessuale e gli impulsi aggressivi siano inseparabili dal pensiero e dall'azione umani è stata generalmente riconosciuta. Sebbene inevitabilmente soggette a continui progressi e modifiche, le formulazioni di base di Freud sul funzionamento della mente umana hanno superato la prova del tempo.

Inizialmente un neurologo di ricerca, Freud ha contribuito a studi medici tecnici originali sull'afasia e sulla paralisi cerebrale infantile. Ma abbandonò gradualmente la neuropatologia, allargando i suoi sforzi a studi più completi di condizioni mentali o psicologiche che interferivano con il successo del funzionamento umano. La proposizione iniziale di Freud era che le cause profonde di sintomi psicologici disfunzionali (nevrosi) che interferivano con il normale funzionamento umano erano i continui effetti dannosi di esperienze traumatiche che erano state represse dalla consapevolezza cosciente ma continuavano a controllare la condotta, i sentimenti e il pensiero di un individuo. La memoria repressa del trauma assomigliava a un corpo estraneo recintato, analogo alle lesioni incapsulate della tubercolosi. Questa attenzione al trauma psichico e ai suoi effetti inconsci manifestati nel pensiero e nel comportamento umani rese possibile applicare il metodo scientifico allo studio della coscienza, nonostante l'incapacità della scienza in quel momento di connettere la coscienza con le strutture e le attività neurologiche.

Freud, tuttavia, guardò oltre i pazienti che continuarono a soffrire gli effetti di esperienze psichiche traumatiche e riconobbe il ruolo universale del conflitto inconscio e della fantasia in tutte le persone. In particolare, ha dedotto che le fantasie sessuali e aggressive erano tra i determinanti universali dell'emozione, del pensiero e del comportamento. Inoltre, per elaborare un approccio scientifico a causa ed effetto nello studio di questi determinanti della personalità umana, Freud propose che la pulsione sessuale umana influenzasse la vita mentale in una sequenza evolutiva. Si riferiva vagamente alla pulsione sessuale come alla "libido" e agli effetti psicologici organizzativi come "fasi libidiche dello sviluppo", che identificava come le ormai note fasi della libido orale, anale e fallica. Le teorie di Freud sullo sviluppo della personalità erano un precursore necessario allo sviluppo delle teorie psicoanalitiche di personalità molto più complesse di oggi.

La profonda influenza di Freud crebbe non solo dall'ampiezza dei suoi interessi teorici, ma anche dall'universalità delle sue fonti. Il suo genio si rifletteva nella sua integrazione di fonti isolate, diverse e spesso incoerenti. Innanzitutto, ha fatto affidamento sulla sua autoanalisi, realizzata principalmente attraverso sogni e associazioni libere, riconoscendo implicitamente che i processi psichici umani sono universali. Ha anche imparato dai miti e dalle leggende dell'antichità e dalle intuizioni intuitive dei grandi scrittori, filosofi e artisti di diversi tempi, luoghi e culture, come Sofocle e Shakespeare, Goethe e Schopenhauer, Dostoevskij e Dickens, Leonardo e Michelangelo. Da bambino, Freud imparò lo yiddish e il tedesco dei suoi genitori e i rudimenti dei dialetti cechi delle sue balie. Da giovane imparò l'inglese a leggere Shakespeare e lo spagnolo a leggere Cervantes. L'educazione di Freud lo espose alle tensioni della particolarità e dell'universalità nel linguaggio stesso, che in seguito applicò ai suoi studi sui sogni.

Freud ha capito il sonno e i sogni in un modo profondamente diverso rispetto alle culture precedenti, come l'antica Grecia. Nelle sue opinioni, i sogni hanno continuato a essere una fonte di conoscenza importante, ma non la conoscenza di eventi futuri. Per Freud, i sogni hanno fornito l'autoconoscenza riprendendo il nostro passato recente e remoto.

Freud distingue tra contenuto manifest (cosciente) e latente (inconscio) di sogni e sogni ad occhi aperti. Ha determinato che il contenuto manifest è stato costruito, sulla difensiva, per mascherare contenuti latenti inaccettabili. Le sue idee sulle difese psicologiche, come la negazione, la repressione, la regressione, la proiezione, l'isolamento, l'annullamento, la formazione e l'inversione delle reazioni, divennero parte della comune comprensione ("la signora protesta troppo" Shakespeare, Amleto ). Il contenuto latente dei sogni comprendeva fantasie proibite, di solito sessuali e aggressive, di desiderio dell'infanzia.

Freud catturò l'attenzione del pubblico colto con le sue idee sul complesso di Edipo, sul complesso di castrazione, sulla scena primitiva e sul romanzo familiare, il tutto formulato dall'autoanalisi di Freud dei suoi sogni e associazioni. I sogni e le memorie dello schermo associate erano percorsi mascherati e distorti per la ricostruzione degli eventi formativi della nostra infanzia, che potrebbero essere rivelati nella psicoanalisi clinica.

Per Freud, i sogni erano "la via reale per la comprensione della mente inconscia". Considerò L'interpretazione dei sogni come il suo capolavoro. "Siamo fatti di cose come i sogni sono fatti su" (Shakespeare, The Tempest ).

Non è più possibile vedere un'opera teatrale o altra opera d'arte senza attingere alla visione penetrante di Freud. Nessuna biografia moderna è senza indagine sull'infanzia, sulla famiglia e su quella traumatica del soggetto, oltre che su una positiva esperienza precoce.

Mentre Freud era coraggioso e persino fermo nelle sue convinzioni, invitava il cambiamento e lo sviluppo alle sue teorie alla luce delle nuove conoscenze ed esperienze. Considerava la femminilità un "continente oscuro", consapevole che le sue formulazioni riguardanti le donne erano altamente controverse e soggette a trasformazioni future.

Infine, l'influenza di Freud è dipesa non solo dal potere delle sue intuizioni teoriche e dall'ampiezza dei suoi interessi e fonti, ma anche dalla sua notevole capacità di distinguere il significativo dall'insignificante e dalla sua capacità di comunicare con grande chiarezza, precisione e direzione obiettivo, senza gergo, o dettaglio distratto e superfluo. Il suo modo di parlare e scrivere era caratterizzato da un'elegante costruzione con ampie metafore, analogie, aneddoti e illustrazioni. Le storie dei casi di Freud si leggono come romanzi polizieschi o racconti di suspense con temi ulteriormente illustrati dalla ripetizione e dall'espansione. Freud ha scritto per il pubblico generico istruito, non solo per i tecnici.

Ancora con noi, Freud rimane indispensabile come parte del dialogo continuo tra studenti di psicologia e comportamento, e tra i membri del pubblico generale che si occupano di problemi di salute mentale, politica e cultura.

Circa l'autore : Dr. Harold Blum è direttore esecutivo emerito per gli archivi Sigmund Freud. È anche Distinguished Fellow, American Psychiatric Association e President, Psychoanalytic Research and Development Fund. Il Dr. Blum era Professore Clinico di Psichiatria e Analista della Formazione presso la Facoltà di Medicina dell'Università di New York, Dipartimento di Psichiatria (in pensione), editore capo del Journal of the American Psychoanalytic Association, ex vicepresidente dell'Associazione psicoanalitica internazionale e autore di oltre 170 pubblicazioni psicoanalitiche e diversi libri.

Solutions Collecting From Web of "Freud è ovunque"