Freud aveva DP all'Acropoli; Oggi Teens at Venice Beach

google image
Fonte: immagine google

Freud era intimamente familiare con la spersonalizzazione. I suoi tre episodi di irrealtà diventano oggetto della sua ripetuta analisi attenta. Tutti e tre sono stati causati o innescati da una combinazione di fattori fisici e psicosociali. In tutti e tre i nuovi ambienti non familiari e significativi ha giocato un ruolo particolare. L'episodio più famoso della derealizzazione di Freud è accaduto nell'Acropoli. L'acropoli contemporanea per adolescenti – un posto da sogno – è senza dubbio la spiaggia di Venezia.

Entusiasta del suo primo viaggio in California, anche se un sesto selezionatore di jet-legged dell'Ohio si sente "cotto troppo" nel caldo di agosto sulla spiaggia di Venice. Guardando i raggi del sole che si abbagliano sull'acqua, viene improvvisamente colpito da un'esperienza spaventosa. Le cose stanno andando male. L'oceano, il cielo, il mondo: tutto ciò che lo circonda è cambiato. Rimosso. Diverso. Irreale. E 'la sabbia nei suoi occhi che "rende il mondo mosso e distante?" Non si sente bene, è ansioso e "lo strano vuoto nella mia testa" accresce il suo disagio. I genitori preoccupati portano il ragazzo al pronto soccorso. La conclusione medica è probabile disidratazione, surriscaldamento e stanchezza.

La mattina dopo questo incantesimo di spersonalizzazione fu perso nel brillante caleidoscopio dei divertimenti californiani. Alcune decine di anni dopo i giovani ricordano questo episodio durante la sua terapia, collegandolo con la sua spersonalizzazione e derealizzazione.

Il caso illustra tre punti. In primo luogo, è la vicinanza di derealizzazione e spersonalizzazione. Il ragazzo sente che il mondo intorno è irreale, che è formalmente derealizzazione. Tuttavia, le esperienze più profonde erano "i cambiamenti interiori", "la nebbia nella testa" e altri segni di irrealtà di sé – i segni di depersonalizzazione. Fenomenologicamente, l'irrealtà del mondo e l'irrealtà di se stessi appartengono all'unico continuum. Mentre le esperienze di io e del mondo circostante si presentano in una sola esperienza, io-sono-nel-mondo, i sentimenti di irrealtà dell'io o del mondo si presentano in una esperienza di irrealtà di Io-sono-nel-mondo . Quindi la derealizzazione e la spersonalizzazione significano due aspetti di un'unica esperienza. A volte, una parte è più evidente di un'altra.

Il secondo punto è un fenomeno di depersonalizzazione episodica transitoria: uno scintillio di irrealtà in miniatura che non può mai tornare indietro o può essere un precursore del disordine clinico in piena regola. La depersonalizzazione transitoria è generalmente considerata esperienza comune, non patologica, più caratteristica per gli adolescenti, forse in connessione con la loro sensibilità immaginativa e la ricerca attiva dell'identità. Il processo di personalizzazione è caratterizzato dall'interazione tra sentimenti di realtà e irrealtà. I sani sentimenti di identità spesso includono sfuggenti e sfuggenti scintille di irrealtà che in realtà possono consolidare la stabilità dell'identità centrale.

Il terzo punto è la causa di quella depersonalizzazione in miniatura. Naturalmente, come quasi in ogni caso, la causa precisa non è nota. Ma i fattori precipitanti sembrano probabili: esaurimento fisico ed emotivo dovuto al viaggio, cambiamenti del fuso orario, cambiamenti climatici significativi, surriscaldamento, illuminazione intensiva e simili. L'età compresa tra dieci e venti sembra più vulnerabile ai fattori fisici, che spesso provoca elementi di derealizzazione o depersonalizzazione.

Riassumiamo le caratteristiche dei precipitatori fisici o fisiologici della depersonalizzazione. Il post precedente (www.psychologytoday.com/blog/the-search-self/201411/why-depersonalizatio…) ha discusso le cause della depersonalizzazione. Sono stati delineati tre tipi di trigger: biochimico, comprese le sostanze psicoattive, fisiche e psicologiche. In contrasto con le sostanze psicoattive, i fattori fisici non sono immediatamente coinvolti nei processi neurometabolici. I fattori fisici influenzano i processi corporei, tra cui la circolazione sanguigna, le funzioni vasomotorie o le attività del sistema nervoso autonomo, che portano ai cambiamenti nel sistema nervoso centrale e allo sviluppo del sentimento irreale. I fattori fisici comprendono tutti i tipi di stress fisico ambientale – temperatura, pressione atmosferica, traumi meccanici, fattori di stress acustici, fattori di stress visivi (luce intensa, bagliore, immagini in movimento o rotanti), fattori di stress vestibolari e simili.

Gli stress fisici fisici possono essere distinti come fattori di stress fisiologico: febbre, surriscaldamento, disidratazione, mancanza di sonno e simili. Esperienza di derealizzazione e depersonalizzazione – "la stanza sembra strana e irreale", "il corpo si sente leggero e straniero" o "il senso di perdita delle mie gambe, come se non fossero mie" – emerge sull'orlo della febbre durante un'influenza o altre infezioni . Spesso – come nel caso del ragazzo dell'Ohio – gli elementi transitori della depersonalizzazione sono precipitati dalla combinazione di diversi fattori fisici e fisiologici.

I bambini sembrano essere più suscettibili a stress fisici e fisiologici. Ancora una volta – episodi di depersonalizzazione transitoria leggera possono essere un precursore della spersonalizzazione cronica tardiva, ma anche molto bene possono essere solo i segni di una particolare costituzione fisico-psicologica. Gli adulti sperimentano anche episodi non patologici di derealizzazione e depersonalizzazione. Il caso della spersonalizzazione di Freud che è stata introdotta all'inizio di questo post è uno di questi. Il caso di Freud – con la sua intersezione di elementi fisici, psicologici e mistici – sarà esplorato nel prossimo post.

Solutions Collecting From Web of "Freud aveva DP all'Acropoli; Oggi Teens at Venice Beach"