Free Will Hunting: una recensione di "Clean" di David Sheff

Di Glenn C. Altschuler e Patrick M. Burns

Abuso di sostanze e dipendenza hanno raggiunto proporzioni epidemiche negli Stati Uniti. Ogni giorno, in media, circa 8.120 persone di 12 anni e più provano droghe per la prima volta e 12.800 provano alcolici. Circa 60 milioni di persone binge drink. I tassi di mortalità derivanti dall'abuso di pillole da prescrizione sono saliti alle stelle. Nel complesso, oltre a distruggere famiglie, devastare le città interne e causare crimini e incidenti automobilistici, l'abuso di sostanze è responsabile di più morti di qualsiasi altra causa "non naturale".

In Clean: Superare la dipendenza e porre fine alla più grande tragedia dell'America , David Sheff, l'autore di Beautiful Boy , un toccante resoconto della dipendenza e del trattamento di suo figlio, Nic, attinge alla ricerca in psicologia, neuroscienza e medicina per presentare un nuovo approccio alla negoziazione con quello che potrebbe essere il nostro più grande problema sociale. Sheff insiste che la dipendenza è una malattia incurabile ma curabile, non un fallimento morale. Poiché la scelta "non ha nulla a che fare con la malattia", sottolinea, è controproducente esortare i giovani a "Basta dire di no" o licenziare i tossicodipendenti come dissoluti o indisciplinati. Il trattamento deve basarsi su prove, non su leggende metropolitane, sensi di colpa o pio desiderio.

Fornendo una grande quantità di informazioni e consigli pratici, Clean è il miglior libro sull'abuso di droghe e la dipendenza da apparire in anni. Le affermazioni di Sheff sulla scelta, tuttavia, sollevano molte più domande di quante non rispondano.

Pulisce una montagna di miti. Le persone che vivono al di sotto della soglia di povertà, rivela, hanno il 100% di probabilità in più di abusare o di essere dipendenti da persone più ricche. Sheff cita studi che dimostrano che il programma DARE, che viene utilizzato nel 75% dei distretti scolastici della nazione, può effettivamente aumentare i tassi di consumo di droga. Dimostra che i tossicodipendenti non rispondono meglio se hanno il permesso di "colpire il fondo". Fa un caso convincente che "nessuno sa davvero quanto spesso lavora e per chi", e sappiamo che la ritenzione di AA è bassa e l'attrito è alto Anche se non cita studi, Shef sostiene che "l'approccio basato sulla scienza rifiuta la disintossicazione da tacchino freddo".

Sheff formula inoltre raccomandazioni specifiche sulle opzioni di trattamento e su come effettuare selezioni informate. Ordina i tipi di accreditamento e licenze per le strutture; favorisce programmi in cui psicologi, assistenti sociali clinici e terapeuti familiari sono "a tempo pieno e non si fermano solo settimanalmente" e gli esami psicologici e fisici e le terapie (se necessario) vengono somministrati in loco; e lui consiglia di inchiodare in anticipo il personale di assistenza fornirà una transizione verso un nuovo programma quando il paziente è pronto o lui o lei è stata espulsa.

Basato su evidenze di predisposizioni genetiche e sull'effetto di droghe sul cervello, il tema principale di Sheff – la dipendenza è una malattia, non un difetto di carattere – contrasta una tendenza pervasiva e perniciosa a "incolpare la vittima" (oi genitori della vittima ). Ma ci lascia lottare per comprendere il ruolo del "libero arbitrio" nel resistere alla malattia.

A nostro giudizio, Sheff non è né coerente né chiara nel distinguere tra tossicodipendenti e tossicodipendenti o nel trovare un modo per comprendere o spiegare le scelte degli utenti. Difficile spiegare perché "alcune persone smettono di usare da sole", ipotizza che i membri di questo piccolo gruppo "non siano così dipendenti in prima istanza". La sua analogia, secondo cui "incolpare un tossicodipendente per ricaduta è come incolpare un malato di cancro quando la radioterapia e la chemioterapia non funzionano, "non sembra del tutto appropriato.

Nel suo libro, vale la pena notare, Sheff riconosce che le scelte sono disponibili per i tossicodipendenti e i tossicodipendenti. "Prima che una persona possa cambiare il suo comportamento", scrive, "[lui] deve volerlo cambiare". Le interviste motivazionali "possono aiutare i tossicodipendenti a comprendere il conflitto tra i loro obiettivi di vita e il loro uso di droghe". La terapia comportamentale, sostiene Sheff, può insegnare ai tossicodipendenti a selezionare comportamenti alternativi per disinnescare i trigger – come andare a correre – quando raggiungono un "punto di scelta". Quando Luke Gsell prese Dramamine e bevve birra mentre era in riabilitazione per festeggiare il suo 15 ° compleanno, ne è venuto fuori, ha riconosciuto che era un tossicodipendente e ha promesso "Ho finito con questo", Sheff dichiara che "se aveva bisogno di conferma che la sua decisione era intelligente, lo ha ricevuto il giorno successivo", quando il suo compagno di stanza OD " d dopo aver preso 36 pillole. E nell'appendice di Clean , Sheff conclude: "Se i bambini devono fare scelte informate sulle droghe, devono avere dei fatti su di loro. Devono sapere cosa stanno rischiando per diventare alti. "

Il libero arbitrio è un concetto elusivo ed enigmatico. Sebbene i filosofi siano andati a caccia di libero arbitrio per secoli, non hanno mai veramente capito perché le persone scelgano ciò che scelgono. Né la volontà libera è ancora suscettibile di essere misurata dagli scienziati. Noi crediamo che la scelta, come è comunemente intesa, e come lo usa Sheff stesso, sia rilevante per il flagello dell'abuso e della dipendenza, e per le tattiche, le strategie e le politiche che il suo libro straordinariamente prezioso espone per aiutarci a superarle.

Glenn C. Altschuler è il vicepresidente per le relazioni universitarie, decano della scuola di educazione continua e sessioni estive, e Thomas e Dorothy Litwin professore di studi americani presso la Cornell University.

Patrick M. Burns è direttore associato di Young Alumni Programs alla Cornell University.

Questa recensione è stata originariamente pubblicata su Huffington Post.

Solutions Collecting From Web of "Free Will Hunting: una recensione di "Clean" di David Sheff"