Forza emotiva in tempi incerti

L'ammiraglio James Stockdale, forse meglio ricordato come vice ufficiale di vicepresidente di Ross Perot nel 1992, fu un prigioniero di guerra in Vietnam. Sopravvisse anni di prigionia tenendo ferma la sua convinzione che la guerra sarebbe finita un giorno, che alla fine sarebbe stato rilasciato, e che l'esperienza lo avrebbe reso un uomo migliore.

La mentalità di Stockdale può sembrare ottimismo, ma l'ammiraglio non è d'accordo. Alcuni dei suoi compagni di prigionia erano ottimisti – ed erano quelli che andavano male in cattività. Gli ottimisti speravano che sarebbero stati liberati prima di Pasqua, poi dal 4 luglio, poi dal Ringraziamento, Natale, Capodanno e così via. Si prepararono per un ciclo implacabile di alti e bassi che presto minarono la loro capacità di mantenere una ferma convinzione circa la loro futura liberazione. Scesero nella disperazione.

La mentalità di Stockdale – ora nota come il paradosso di Stockdale – è riassunta in questa citazione: "Devi mantenere la fede che alla fine prevarrà, indipendentemente dalle difficoltà, e allo stesso tempo devi affrontare i fatti più brutali della tua realtà attuale , qualunque cosa possano essere. "

Questo è stoicismo, non ottimismo. Lo stoicismo precede il cristianesimo. Il suo principio fondamentale è che si dovrebbe coltivare una risposta spassionata e ragionata agli alti e bassi della vita. Come ogni insegnamento morale o etico, può essere portato agli estremi (ad esempio, addormentarsi alla gioia o alla tristezza) o può essere applicato in un modo che abbia senso ed è utile. Stockdale lo usava come le sue circostanze dettate e nella misura in cui lo aiutava a far fronte.

Noi americani ora viviamo in un'era di ignoranza maligna e incompetenza armata in luoghi elevati. Al di là di assaltare le porte in massa e forzare un cambiamento nel governo, dobbiamo sopportare lo status quo. Ciò non significa che dovremmo arrenderci nella disperazione o svincolarsi dalla società. L'attivismo va bene, ma fino a quando, a meno che non comporti un cambiamento benefico, dobbiamo ancora far fronte alla realtà attuale.

Lo stoicismo è eloquentemente espresso nel seguente poema, che è incorporato nella commedia di Tennessee Williams, La notte dell'iguana :

Con quanta calma il ramo arancione / Osserva il cielo comincia a sbollire / Senza un grido, senza una preghiera / Senza tradimento della disperazione.

L'arancio – "il cui verde nativo deve incurvarsi sull'osceno, corruttore amore della terra" – alla fine inizia ad invecchiare e poi a morire. Il poema conclude:

O coraggio, non potresti anche tu / Scegli un secondo posto in cui abitare? / Non solo in quell'albero d'oro / Ma nel cuore spaventato di me.

Essere stoici non significa che diventiamo insensibili. Ciò non significa che non siamo arrabbiati, spaventati o delusi. Significa semplicemente che affrontiamo la situazione con coraggio e che ci rifiutiamo di lasciare che quelle emozioni negative controllino le nostre vite. In breve, lo stoicismo è la sfida in risposta alle nostre emozioni negative: "Non mi farai cadere. Sono più forte di te. "Opinioni simili di stoicismo sono espresse magnificamente nel poema di Rudyard Kipling, If, e nel poema di William Ernest Henley, Invictus.

Lo stoicismo, combinato con attività che ti fanno sentire utile e produttivo, forniscono una buona base per la forza emotiva nei momenti belli e cattivi.

Solutions Collecting From Web of "Forza emotiva in tempi incerti"