Fornitori di servizi sanitari e la tua popolazione perinatale

I tuoi pazienti sono a rischio.

È stato riportato che il suicidio materno è la principale causa di morte durante la gravidanza e il primo anno dopo la nascita 1 . Questo è il motivo per cui l’attuale spostamento dell’attenzione verso una maggiore consapevolezza della salute mentale materna è urgentemente necessario e lungamente in ritardo. Stiamo solo grattando la superficie, e abbiamo molto da fare, ma questo impulso verso una migliore cura e educazione può essere visto solo come energia positiva nella giusta direzione.

Ci è voluto molto tempo e troppe donne sono morte.

Molti di noi sul campo concorderebbero che la consapevolezza sta aumentando e le organizzazioni mediche stanno rispondendo con attenzione a migliori protocolli, servizi e risorse di screening. Il movimento di advocacy ha avuto grande successo a gettare luce negli angoli bui del diffuso malinteso tra più discipline. Più ricerca e potenti iniziative legislative stanno emergendo. Università e strutture mediche stanno iniziando a identificare e attualizzare la rilevanza della ricerca e delle raccomandazioni perinatali. Gli allenamenti clinici sono in espansione. Le famiglie stanno diventando informate e parlando collettivamente per proprio conto con una forte determinazione e un forte supporto dei social media.

Va tutto bene.

Uno dei problemi con l’identificazione e il trattamento delle donne perinatali in difficoltà è che i sintomi sono difficili da discernere. Questo è vero per le donne, gli uomini e le famiglie che soffrono. E questo è vero per gli operatori sanitari che li trattano. I sintomi si sovrappongono a normali cambiamenti attesi perinatali e non sempre rientrano in categorie discrete o identificabili. A differenza di altre condizioni mediche che potrebbero presentarsi in modo misurabile, l’ angoscia perinatale è spesso soggettiva.

Ci sono un numero infinito di barriere che impediscono a lei di chiedere aiuto in primo luogo e anche se lei trova il coraggio di chiedere aiuto, il risultato di tale sforzo dipende da molte variabili difficili da definire. Chiaramente, il risultato che segue il grido di aiuto di una madre non dipende sempre semplicemente dalle circostanze o dagli ostacoli. Una valutazione accurata può, in effetti, essere raggiunta nonostante le sfide elencate qui. Tuttavia, questi esempi, per citarne solo alcuni, mostrano ciò che è probabile che contribuiscano alla schiacciante mancanza di chiarezza:

  • “Dipende” dalla sua volontà e dalla sua disponibilità ad esprimere come si sente.
  • “Dipende” da quanto si sente male. O quanto è malata.
  • “Dipende” da quanto i suoi sintomi stanno interferendo. O quanto è preoccupata.
  • “Dipende” da quanto, o cosa, in realtà sceglie di rivelare alla sua famiglia o al suo medico.
  • “Dipende” dalla sua attuale convinzione se si trova in un luogo sicuro in cui può essere trasparente su come si sente.
  • “Dipende” dalla cultura della società in cui vive e da come la sua rivelazione potrebbe essere percepita o fraintesa.
  • “Dipende” dal fatto che il provider chieda o meno le domande “giuste”.
  • “Dipende” da quanto bene l’operatore sanitario è in grado di riconoscere e rispondere in modo appropriato alle sfumature del periodo perinatale, che può mascherarsi come un milione di cose e non raggiungere mai la superficie di una precisa distinzione diagnostica.

E solo per complicare ulteriormente le cose, “dipende” dalla sua storia personale, dalla sua storia familiare, dal suo umore / sintomi al momento, dal suo sistema di relazioni e sostegno, dalle sue influenze biologiche e genetiche, dal suo sistema di personalità e convinzioni, dalla sua storia di trauma , fattori di stress ambientali attuali, la sua relazione con il fornitore, il suo livello di sofferenza, i suoi sintomi e così via.

E “dipende” dalla capacità del professionista del trattamento di stuzzicare ciò che questa donna sta dicendo, da ciò che potrebbe provare, da ciò che potrebbe nascondersi.

Anche il migliore, ben addestrato, attento operatore sanitario che si appoggia alle esigenze del proprio paziente può essere ostacolato dalla natura stessa dei sintomi perinatali che possono facilmente essere confusi con esperienze di umore e ansia perinatale “normali”.

Questa è solo la punta dell’iceberg. Se i sintomi di una grave depressione o disturbo d’ansia vengono persi da un operatore sanitario, anche con lo screening, anche con una buona valutazione, anche con una madre che vuole e chiede aiuto, c’è motivo di credere che la sua sofferenza possa persistere e il rischio è aumentato che si sentirà peggio, prima che si senta meglio. I rischi di problemi di salute mentale perinatale non trattati – alla famiglia, ai suoi figli e al suo stesso benessere – sono ben noti e al di là degli scopi di questo articolo.

Basti dire che gli straordinari progressi della legislazione, la consapevolezza del pubblico, la formazione di esperti e interventi migliorati faranno poca differenza se continuiamo a perdere ciò che sta dicendo quando si rivolge a un aiuto. Oppure se continuiamo a reagire in modo eccessivo, o sotto sforzo, o non sappiamo come reagire alla presentazione acuta, a volte terrificante di gravi problemi perinatali.

Si dovrebbe chiedere ai fornitori di cure primarie, agli ostetrici o ai pediatri di effettuare una diagnosi diagnostica psichiatrica durante la loro visita da 10 a 15 minuti? Ovviamente no.

Ma ogni singolo medico e fornitore che si trova faccia a faccia con una donna incinta o dopo il parto può e dovrebbe fornire tutte le risorse di una donna incinta e dopo il parto. Dovrebbero parlare di depressione e ansia postpartum. Dovrebbero dire quelle parole. Dovrebbero parlare al loro paziente, al modo in cui parlano di pressione alta, o di una buona alimentazione, o cosa fare e cosa non fare durante la gravidanza e il periodo postpartum – dovrebbero incoraggiarla a prendersi cura di se stessa con un piano d’azione, se non le piace come si sente. Dovrebbero dirle che i sintomi della depressione e dell’ansia postpartum sono comuni. Dovrebbero dirle che mentre ci aspettiamo un certo livello di difficoltà di adattamento, non dovrebbe soffrire o chiedersi cosa c’è che non va. Perché i sintomi di depressione e ansia si trasformano rapidamente in una convinzione distorta che “qualcosa è terribilmente sbagliato in ME” e quindi, non si tratta più solo di sintomi, si tratta di chi è lei. Questa convinzione irrazionale di essere alterata, o imperfetta, o in qualche modo inadatta a essere la madre di suo figlio, è parte di ciò che guida la vergogna e il potenziale per i pensieri suicidi.

Per ripetere: ogni operatore sanitario che tratta o entra in contatto con una donna perinatale deve consegnarle una lista di professionisti della salute mentale materni locali affidabili, affidabili e accessibili. (Se questa lista non è disponibile, creane una. Se non ci sono risorse disponibili nella tua zona, prova qui o qui o qui .) Il fornitore dovrebbe informarla che dovrebbe contattare qualcuno se non le piace come si sente e condividi questa lista con il suo partner. Ogni donna dovrebbe ricevere questo. Periodo.

Le donne perinatali continuano a morire. La necessità di vigilanza medica e monitoraggio attento è obbligatoria. Non solo durante le prime settimane dopo il parto. Le donne perinatali sono ad aumentato rischio di suicidio per mesi nel primo anno dopo il parto. Alcuni di loro hanno maggiori probabilità di visitare il loro fornitore di cure primarie per motivi di salute mentale. Se sei un operatore sanitario e non hai chiesto al tuo paziente perinatale se ha pensieri di farsi del male, non hai assolutamente idea se lei stia avendo pensieri suicidi o no. Anche se lo chiedi, potrebbe non dirtelo.

Dare le sue risorse stampate che lei può portare a casa con lei.
Quindi lei può tenersi stretto a quella informazione.
Quindi lei può sapere che ti importa.
Quindi lei sa che lei ha delle opzioni.
Quindi può aumentare la probabilità che lei riceva l’aiuto di cui ha bisogno.

copyright 2018 Karen Kleiman, MSW
The Postpartum Stress Center: postpartumstress.com

Riferimenti

1 CMAJ 2017 Suicidio perinatale in Ontario, Candada: uno studio a 15 anni basato sulla popoulazione Grigoriadis, Wilton, Kurdyak, Rhodes, VonderPorten, Levitt, Cheung, Vigod

Solutions Collecting From Web of "Fornitori di servizi sanitari e la tua popolazione perinatale"