FOMO e lo studente universitario: tocca la tua saggezza interiore

È un tipico venerdì per Darcie, * uno studente del secondo anno al college. Ha una lezione al mattino e poi va nella sua stanza per studiare. Ma invece del lavoro scolastico, fissa lo spazio, le fa girare i capelli in un dito e cerca di decidere cosa farà quella sera.

"C'è una festa stasera," mi dice dopo, "e penso che dovrei andare. Dovrei assolutamente andare. "Ma c'è un'esitazione nella sua voce, e le chiedo di parlarmene.

"Sono un paio di cose. Non mi sento molto bene su come sto guardando – ho guadagnato un paio di chili, e ho paura che mi sentirò impacciato e non carino. E sto cercando di guardare le mie calorie in questo momento, il che è impossibile ad una festa. "

Darcie non è insolito in questo senso. L'autocoscienza riguardo all'apparenza mantiene molti giovani uomini e donne dalle attività sociali; ma c'era di più nel suo conflitto.

"Ho anche molto lavoro scolastico da fare, e se vado alla festa berrò molto. È solo quello che fai in queste cose. Rende più divertente … ma poi il giorno dopo è praticamente fatto. Dormirò fino a tardi e non riuscirò a pensare molto domani. E ho bisogno di portare a termine questo lavoro. "

"Ma" – ed ecco il copertoncino – "se non me ne vado, probabilmente non farò comunque alcun lavoro. Mi siedo nella mia stanza e mi preoccupo di quello che mi manca. "

FOMO, o Fear Of Missing Out, è una piaga della vita moderna. Gli studenti universitari non sono soli a lottare con esso – basta dare un'occhiata a ciò che Martha Beck, una mamma con figli adulti, ha scritto di recente sul proprio FOMO su HuffPost. Ma la FOMO può intensificare alcune delle normali lotte del college.

Il college è un periodo in cui siamo programmati per svilupparci su due binari paralleli: da un lato, stiamo creando nuovi tipi di connessioni con i nostri pari, sviluppando più amicizie per adulti e relazioni romantiche più intense rispetto al passato; e dall'altra, stiamo facendo breccia nei nostri futuri obiettivi professionali. Cervello ed emozioni sono in continuo movimento e crescono con la stessa rapidità che facevano quando eravamo piccoli – eppure ci si aspetta che li gestiamo da adulti.

Quindi la FOMO ha molto senso – cosa succede se non vado alla festa e mi manca l'incontro con l'uomo dei miei sogni? O il mio migliore amico trova un nuovo migliore amico? Ma se vado alla festa e non faccio i miei corsi, potrei non fare bene sulla mia carta, e quindi potrei non essere in grado di ottenere quel lavoro perfetto per l'estate, che porterà al lavoro perfetto quando io diplomato…

In altre parole, la paura è che non importa quello che fai, ti perdi qualcosa – e quella cosa sarà la cosa più importante, la cosa che non dovresti aver perso.

Le buone notizie: non sei solo. La FOMO è così comune che ora è stata inserita nel dizionario di Oxford. Anche gli adulti ne soffrono. Quindi non sei solo non solo, non sei neanche un fallimento, cattivo o inadeguato perché hai questi sentimenti!

Le cattive notizie: il fatto che non sei solo ti fa sentire molto più reale. Forse ti stai davvero perdendo l'esperienza più importante della tua vita !!!

La notizia peggiore: i genitori e gli amici più anziani, presumibilmente più saggi, possono essere coinvolti nella sindrome, sia per conto proprio che per i propri, e quindi potrebbero non essere in grado di aiutarti a gestire i sentimenti in modo sano e saggio.

Le migliori notizie – la tua saggezza interiore. Anche se non è sempre accessibile, la stessa intelligenza che ti ha portato al college e ti ha fatto diventare la persona che sei ti può aiutare a combattere la FOMO.

Qui ci sono tre tattiche che fanno uso di quella saggezza interiore.

COMBATTIMENTO FOMO CON SAGGEZZA:

1 – Sappi che ciò che vedi non è necessariamente reale. Martha Beck inchioda il problema quando scrive,

"Quando senti FOMO venire, ricorda a te stesso che praticamente ogni immagine che vedi praticamente su qualsiasi schermo è probabilmente fuorviante. Se le immagini sono state create da individui (post di Facebook, vlog, istantanee e-mail) o da professionisti (pubblicità, reality show, siti Web), tendono a catturare momenti di eccitazione artificiale. Pensaci: quando qualcuno tira fuori una macchina fotografica e urla "Dai il formaggio!" Costringi un sorriso a prescindere da quanto spiacevole provi. Non confondere la galleria di glee su schermo per una vita meravigliosa che ti passa in qualche modo. L'esperienza umana descritta dai media non è mai l'intera verità – e spesso una menzogna vera e propria ".

Usa la tua saggezza interiore per aiutarti a valutare realisticamente ciò che vedi nelle pagine Facebook dei tuoi amici (e dei tuoi nemici), e ciò che le persone ti raccontano di che tempo meraviglioso hanno avuto quando non eri lì. Usalo di nuovo per farti sapere quanto ti diverti veramente quando sei fuori – e per scoprire quanto è bello il tempo che hanno i tuoi compagni di festa. Ricorda: se stai fingendo, le persone intorno a te potrebbero fare la stessa cosa!

2 – Cerca di trovare altre persone che hanno attinto alla loro saggezza interiore.

Secondo gli psicologi evoluzionisti, noi umani siamo animali sociali. Abbiamo bisogno di compagnia, ma abbiamo bisogno di più di altri corpi caldi. Una delle scoperte interessanti della neuropsichiatria e della psicoanalisi negli ultimi anni è che abbiamo esigenze di connessione specifiche. Per prima cosa, vogliamo tutti sapere che altre persone vedono chi siamo e ci piace e rispettano ciò che vedono. Peter Fonagy, una delle maggiori forze nella teoria dell'attaccamento, dice che un bambino impara a conoscere se stessa attraverso la sua riflessione sui volti dei suoi genitori e dei suoi genitori. Heinz Kohut, il fondatore di una teoria chiamata "auto psicologia", afferma che "rispecchiare" è un prerequisito non solo per uno sviluppo sano, ma per il benessere emotivo dalla nascita alla morte.

Ma ecco una parte interessante della necessità di essere visti dagli altri. Vogliamo essere conosciuti, compresi e ammirati; ma vogliamo anche che tutte queste risposte siano reali, non false! La psicanalista Jessica Benjamin lo chiama "riconoscimento". Non si tratta di mettersi in mostra (anche se può certamente assumere quella forma) ma si tratta di un bisogno di sapere che qualcuno che rispettiamo, ammiriamo o semplicemente ci sentiamo vicini sa davvero chi siamo, e si prende cura di noi anche con i nostri difetti meno amabili. Quel tipo di riflessione è difficile da trovare in una festa in cui tutti bevono e si concentrano sul sembrare felici!

3 – Ritorna

Trova attività che ti fanno sentire veramente bene con te stesso. Questo può includere esercizio, passare il tempo a parlare con buoni amici e persino ottenere un mani-pedi! Ma un modo infallibile per gestire FOMO è fare qualcosa che faccia sentire bene anche a qualcun altro. Volontari per tutorare i bambini delle scuole, accompagnare i cani presso la SPCA locale o sostenere un candidato politico. Man mano che diventi più coinvolto in attività che hanno un impatto significativo sugli altri, ti ritroverai a ottenere il rinforzo positivo che desideri. Potresti anche incontrare un'altra persona saggia o due o tre – e la FOMO allenterà la presa sulla tua psiche.

* nomi e informazioni identificative modificati per proteggere la privacy

Buon articolo di Huffington Post su FOMO:

Fighting FOMO: 3 strategie per battere la paura di mancare di Martha Beck

Fonte immagine Teaser: http://www.selfhelpzone.com/selfhelp/are-you-a-child-of-divorce-are-you-…

Solutions Collecting From Web of "FOMO e lo studente universitario: tocca la tua saggezza interiore"