Follia multitasking

Follia multitasking

Lo vedi sempre. Le persone si siedono a cena con un telefono cellulare al loro fianco. Bip, ronzio, e abbassano lo sguardo e decidono se devono rispondere al testo o rispondere alla telefonata. [In realtà, da quello che ho osservato, molte persone rispondono SEMPRE.] Non mi ero reso conto di quanto fosse stato così estremo fino a quando ho attraversato un ristorante e contando solo due tavoli senza telefoni cellulari. Vedete la stessa cosa nella camera da letto di un adolescente con la cella al suo fianco, la TV a tutto volume, gli auricolari per iPod saldamente impiantati, il laptop con una mezza dozzina di finestre aperte, tutte apparentemente imploranti di attenzione. Il tavolo della cena contiene carne, patate, verdure … e la televisione. Siamo tutti circondati da media elettronici e abbiamo apparentemente dimenticato come essere soli senza la nostra tecnologia.

Decenni fa, Colin Cherry ei suoi colleghi hanno usato un compito di ombreggiatura (avere qualcuno che ascolta e ripetere un messaggio consegnato in un orecchio) per dimostrare che non siamo in grado di tracciare simultaneamente un messaggio mentre capiamo qualcosa da un secondo messaggio. Un recente studio condotto da Eyal Ophir e dai suoi colleghi a Stanford ha suggerito che il multitasking è in realtà dannoso per le prestazioni dei multitasker della media pesante cronica, concludendo che "… i multitasker pesanti sono distratti dai molteplici flussi di media che stanno consumando o, in alternativa, da quelli che raramente il multitasking è più efficace nell'assegnare volontariamente la propria attenzione di fronte alle distrazioni. "Entrambi questi studi, tuttavia, utilizzavano ricerche di laboratorio artificiali che prevedevano la presentazione temporizzata del materiale. Né le esperienze rappresentate nel mondo reale.

Nel tentativo di delineare ulteriormente l'impatto delle interruzioni, Laura Bowman e i suoi colleghi hanno esaminato i messaggi istantanei come una forma di interruzione durante un compito di apprendimento. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre condizioni: un gruppo di controllo ha semplicemente letto un passaggio senza interruzioni, un primo gruppo sperimentale ha ricevuto IM prima di leggere il passaggio e un secondo gruppo sperimentale ha ricevuto interruzioni IM durante la lettura del passaggio. Al completamento del compito – la lettura solo per il gruppo di controllo e la lettura più conversazioni IM per i due gruppi sperimentali – tutti i partecipanti hanno preso un test di richiamo della memoria. Bowman ha scoperto che gli studenti impiegavano molto più tempo a leggere il passaggio nella seconda condizione sperimentale rispetto alla prima condizione IM (e il tempo più breve era la condizione di sola lettura, ovviamente); tuttavia, le prestazioni del test degli studenti non differivano tra tutte le condizioni che suggerivano che potevano aver consapevolmente affrontato l'interruzione dedicando ulteriore tempo a leggere il materiale dopo l'interruzione.

Quindi, cosa succede se qualcuno viene effettivamente presentato con più fonti di informazione? Tentano davvero di prenderli entrambi nello stesso momento? Questo è altamente dubbio. In realtà, passano il focus da un'attività all'altra e, se necessario, tornano all'attività originale. Nel mio laboratorio di ricerca siamo interessati a come la tecnologia influenza questo passaggio di attività e abbiamo utilizzato una varietà di progetti di ricerca per catturare l'essenza del cambio di attività. In uno studio basato su sondaggi, ad esempio, abbiamo scoperto che alcune attività venivano eseguite insieme meno spesso di altre, tra cui la riproduzione di videogiochi, la lettura di libri e messaggi di testo. Seguendo lo studio con un approccio sperimentale, abbiamo interrotto gli studenti durante una lezione inviando loro messaggi di testo nei punti critici in cui il materiale sullo schermo doveva essere testato dopo la lezione. Un terzo della classe non ha ricevuto alcun testo, un terzo ha inviato quattro testi durante una lezione di videotape di 30 minuti, mentre il gruppo finale ha ricevuto 8 testi, progettati per essere al massimo dirompenti e causare una vasta attività di commutazione. I primi risultati furono sconcertanti. Il gruppo che ha ricevuto 8 testi ha fatto peggio in modo significativo nel test della memoria, ma quelli che hanno ottenuto 4 testi no. Inoltre, il gruppo di 8 testaggi ha registrato una media solo del 10% circa, nonostante sia stato inondato dai nostri messaggi interrompibili.

Cercando di capire perché i nostri studenti non sono stati gravemente ostacolati dai nostri messaggi di testo, abbiamo notato il momento in cui hanno ricevuto i messaggi e il tempo che hanno scelto di rispondere. Avevamo incaricato gli studenti di rispondere ai nostri messaggi, ma in modo fortuito non avevamo richiesto loro di rispondere immediatamente. Con nostra grande sorpresa, coloro che hanno scelto di aspettare un paio di minuti per leggere il messaggio di testo e rispondere alle nostre domande di testo hanno ottenuto risultati sostanzialmente migliori di quelli che hanno risposto immediatamente. Infatti, gli studenti che hanno aspettato hanno totalizzato un punteggio del 90% su domande temporizzate in modo da coincidere con il loro messaggio di testo, mentre coloro che hanno saltato subito a leggere e rispondere al testo hanno ottenuto risultati sostanzialmente inferiori, anche inferiori al 70%. Abbiamo ripetuto lo studio quattro volte e abbiamo trovato gli stessi risultati. Gli studenti che hanno optato per evitare la strategia di risposta del jerk hanno fatto il test. Quindi, cosa li spingeva a ritardare l'invio di messaggi immediati? Quello che crediamo è che quegli studenti abbiano adottato una strategia meta-cognitiva in cui hanno valutato l'importanza del materiale sulla videocassetta e hanno aspettato materiale didattico meno critico per rispondere al nostro testo.

Successivamente, ci siamo chiesti come avrebbero fatto le persone negli ambienti in cui dovevano concentrarsi sul loro lavoro ma sono stati sommersi da continue interruzioni. Gloria Mark e i suoi colleghi avevano in precedenza osservato programmatori di computer per tre giorni, otto ore al giorno e hanno preso nota di ogni aspetto del loro comportamento. Incredibilmente, hanno scoperto che questi programmatori, che si trovano di fronte a un compito – programmazione del computer – che richiede una concentrazione continua, si interrompono automaticamente ogni tre minuti e che quelle interruzioni erano per lo più di natura tecnologica. Abbiamo deciso di replicare il lavoro di Mark osservando gli studenti delle scuole medie e superiori e degli studenti universitari che studiano nel loro ambiente di studio preferito (il più delle volte nella loro casa). I nostri osservatori addestrati hanno monitorato gli studenti per 15 minuti osservando ogni minuto se erano on-task o off-task e quali potenziali distrattori erano disponibili nell'area di studio. Gli studenti erano impegnati solo per il 65% del tempo e per la maggior parte avevano più tecnologie disponibili attivamente nel loro campo visivo, tra cui televisione, musica, telefono cellulare e, naturalmente, il loro computer. È interessante notare che hanno mostrato un chiaro schema di rimanere in attività per circa tre minuti e poi di essere distratti – il più delle volte da un'interruzione tecnologica – solo per tornare al loro studio per altri tre minuti. Quando guardavamo sul rendimento scolastico e sul modo in cui si aspettavano di fare sul materiale che stavano studiando, abbiamo scoperto, non a caso, che quelli che erano rimasti in missione avevano prestazioni migliori. Ma quello non era l'unico predittore di studiare il successo. Sono emersi altri tre predittori: se avevano una chiara strategia per studiare il materiale, la quantità di media che hanno consumato in un giorno medio e se hanno controllato Facebook almeno una volta durante i 15 minuti. Nessun'altra attività tecnologica individuale ha avuto questo impatto negativo, basta dare un'occhiata al loro social network preferito.

Ciò che è emerso da questa serie di studi sono parti di un puzzle più grande. La domanda centrale è sempre stata "Perché facciamo il multitasking?" Ora, penso, quella domanda deve diventare "Perché scegliamo di passare da un'attività all'altra?" E "Il cambio di attività è sempre dannoso per noi?" Questi le domande hanno ampie applicazioni per l'istruzione, sia a scuola che al di fuori dell'ambiente scolastico. Dal momento che i nostri studenti hanno imparato fin dalla nascita a prestare attenzione sequenzialmente a molteplici fonti di informazione, cosa possiamo fare per addestrarli, o il loro cervello, a prendere decisioni consapevoli riguardo a quando è una cattiva idea commutare i task e quando il cambio di attività potrebbe non essere come dannoso?

Recentemente un genitore mi ha chiesto perché non dovremmo solo rimuovere tutte le distrazioni tecnologiche dall'ambiente dello studente e consentire loro di accedere a Internet, gestire messaggi di testo, ecc., Fino a quando non hanno completato lo studio. A me sembra che mi chiuda come chiudere la porta della stalla dopo che i cavalli sono fuggiti tutti e stanno saltando su tutti i campi. Abbiamo dato ai nostri studenti una miriade di tecnologie meravigliose e le abbiamo rese tutte portatili e personalizzabili. Li abbiamo dotati di display multimediali e li abbiamo personalizzati per non perdere mai una e-mail, un messaggio di testo, una telefonata o altro. Abbiamo creato una generazione di studenti il ​​cui compito cambia ogni pochi minuti e lo fa perché sono attratti dalle tecnologie interruttive. È troppo tardi per cambiare tutto ciò ed è dannoso per le relazioni all'interno della famiglia semplicemente rimuovere le tecnologie dagli ambienti di studio dei nostri figli.

Quindi, cosa deve fare un genitore? Che cosa dovrebbe fare un insegnante per coinvolgere gli studenti che continuano a chiedersi se hanno ricevuto un messaggio di testo, un post di Facebook o una comunicazione tecnologica dall'ultima volta che hanno controllato furtivamente il loro smartphone? La risposta sta nell'insegnare una nuova abilità di alfabetizzazione mediatica: la meta cognizione. Noi, come genitori e insegnanti, ora abbiamo bisogno di includere un nuovo modello per la formazione dei nostri bambini e studenti; un modello che incorpora la comprensione del fatto che le tecnologie invitano continuamente e come decidere quando è il momento giusto per passare da un'attività all'altra e quando è necessario concentrarsi completamente sull'attenzione. Quando parlo con gruppi di genitori e educatori, uso un'analogia su come il cervello potrebbe funzionare. Parlo di come possiamo collegare un adolescente a una fMRI e guardare il flusso di ossigeno da e verso le aree del cervello che indicano l'elaborazione. Quando un insegnante o un genitore sta parlando, alcune aree del cervello sono attivate e osservare il flusso di ossigeno indica quell'attivazione. Quando la tecnologia è nella visione dei nostri ragazzi, i pensieri vengono stimolati portando a un flusso di ossigeno maggiore verso un'area in cui l'adolescente sta "riflettendo" su ciò che potrebbe accadere con gli altri a cui è collegata tecnologicamente.

Questo costante passaggio di compiti mentali porta l'ossigeno (e l'attivazione) lontano dalla lezione principale e a qualcosa di cui l'adolescente non può fare nulla al momento. Più l'adolescente pensa ai testi o ai post che potrebbe mancare, più è distratta e meno è in grado di concentrarsi sulla lezione principale (o sul suo genitore che parla). La soluzione è insegnare ai nostri giovani studenti "quando tenerli e quando piegarli". Metaforicamente parlando, stiamo insegnando ai nostri studenti quando è importante concentrarsi e ritardare la necessità di controllare con il loro mondo cibernetico.

La scorsa settimana ho parlato con studenti, genitori e insegnanti in una scuola del North Carolina. Ho presentato le stesse idee che ho qui e gli studenti, i loro insegnanti e i loro genitori, tutto sembrava comprendere e apprezzare la mia analogia cervello-ossigeno. Il loro problema è quando iniziare a insegnare ai bambini queste abilità metacognitive e come fare per diffondere quella lezione. La risposta a "quando" è facile: non appena introduci QUALSIASI tecnologia per tuo figlio (compresi TV e telefoni) dovresti iniziare a parlare di quanto facilmente interrompano la nostra attenzione. Come genitori, abbiamo bisogno di programmare pasti privi di tecnologia e tempo per le famiglie in cui pratichiamo ciò che predichiamo e non portiamo i nostri telefoni al tavolo della cucina e spegniamo la TV durante la cena. Abbiamo bisogno di fare gite in famiglia dove la tecnologia non allontana costantemente la nostra attenzione dalla famiglia. Non mi sorprende che i nostri bambini raggiungano i loro telefoni quando vibrano o suonano. Lo facciamo tutto il tempo che siamo con loro, anche a tavola, in un ristorante, durante uno show televisivo. Ovunque. Siamo enormi autointerruttori e stiamo addestrando i nostri figli che se qualcosa ronza, emette segnali acustici o vibra su di noi dovremmo saltare su e immediatamente verificare se è qualcosa a cui dovremmo partecipare in questo momento. Controllandolo, il nostro cervello è già stato diretto a occuparsene e il resto di ciò che dovremmo fare riceve meno attenzione.

La risposta a "come" insegnare la meta cognizione è più complicata. Chiaramente, la teoria dell'apprendimento sociale dovrebbe insistere sul fatto che la modellazione è un modo solido per mostrare ai bambini che le tecnologie interruttive non devono essere autorizzate a interrompere. I principi comportamentali possono essere utilizzati per rafforzare la capacità di rimanere concentrati e anche le conseguenze negative possono essere installate (in modo proattivo) per fermare il bisogno e guidare a essere interrotti da tali tecnologie. Un ultimo avvertimento: se si prevede di utilizzare la punizione come strumento per impedire l'interruzione dei propri figli, non rimuovere semplicemente le loro tecnologie. Penseranno ancora a loro e lo fanno ancora di più quando non sono in bella vista. È meglio lavorare con loro per apprendere alcune abilità metacognitive per impedire che l'ossigeno fluisca verso interruzioni indotte dalla tecnologia fino al momento opportuno. Questo non è un compito facile ma può essere fatto. Ci vuole solo tempo e attenzione continua per le loro strategie fino a quando vedono il valore di sapere quando tenerli e sapere quando essere distratti. In un altro post traccerò una di queste strategie – "interruzioni di tecnologia" – e ti parlerò del perché spaventeranno i genitori e gli insegnanti, ma perché e come funzionano. Rimanete sintonizzati!

Solutions Collecting From Web of "Follia multitasking"