Follia, creatività ed esperienza religiosa

[Articolo aggiornato il 7 settembre 2017]

Wikicommons
Fonte: Wikicommons

Sebbene la psicosi (delusioni e allucinazioni) possa essere un marker non specifico di un disturbo grave di base come la schizofrenia o il disturbo bipolare, può anche rappresentare un'estremità di un continuum di coscienza normale. Le esperienze allucinatorie in particolare sono molto comuni: in un sondaggio su campioni rappresentativi della popolazione generale nel Regno Unito, Germania e Italia, ben il 38,7% degli intervistati ha riferito di aver avuto esperienze allucinatorie di qualche tipo. Mentre i sintomi psicotici possono essere un marker di una grave malattia di base, in molti casi possono essere un indicatore o espressione di stress e angoscia o di un problema di vita difficile o radicato. In alcuni casi, possono anche essere un'esperienza normale o di miglioramento della vita: per esempio, ascoltare voci di antenati o angeli custodi e trovare conforto in loro, o vedere visioni e trovare ispirazione o rivelazione religiosa in esse.

Ci possono essere pochi dubbi sul fatto che alcune persone abbiano avuto esperienze insolite di diverse realtà ad un certo punto della loro vita e siano state arricchite piuttosto che angosciate o alterate da loro (si veda, ad esempio, il mio recente post su Carl Jung, Jung: The Man and his simboli). L'idea che la psicosi o "follia" e ispirazione e rivelazione siano strettamente correlate è una vecchia e ricorrente. Per esempio, nel Fedro , il filosofo e protopsichiatra Platone ci dice che,

"La pazzia, a patto che venga come dono del cielo, è il canale attraverso il quale riceviamo le più grandi benedizioni … gli uomini vecchi che hanno dato le cose ai loro nomi non hanno visto disonore o rimproveri nella follia; altrimenti non l'avrebbero collegato con il nome della più nobile delle arti, l'arte di discernere il futuro, e la chiamarono arte maniacale … Quindi, secondo le prove fornite dai nostri antenati, la pazzia è una cosa più nobile del senso sobrio … la pazzia viene da Dio, mentre il senso sobrio è semplicemente umano. "

L'idea che la psicosi, l'ispirazione e la rivelazione siano strettamente correlate può essere una vecchia e ricorrente, ma è anche marginale, e le persone con sintomi psicotici prominenti sono molto probabilmente stigmatizzate e isolate. Al contrario, in molte società tradizionali queste stesse persone possono essere viste come visionarie e mistiche e celebrate e ricercate per le loro speciali intuizioni e abilità.

Come discusso in un precedente post, Schizofrenia e Creatività, a causa della mancanza di lateralizzazione della funzione nel cervello, le persone con schizofrenia e i loro parenti non schizofrenici possono guadagnare in creatività dall'aumentato uso dell'emisfero destro, e conseguentemente dall'aumentata comunicazione tra gli emisferi destro e sinistro. È interessante notare che un maggiore uso dell'emisfero destro si verifica anche nelle persone sane con alti livelli di convinzioni paranormali e religiose. Nelle società tradizionali le persone con psicosi o con alti livelli di credenze paranormali e religiose possono proiettare un'aura di spiritualità e religiosità e, come risultato, può essere conferito lo status di sciamanico o di sciamano. Il termine 'sciamano' è generalmente usato per riferirsi a guaritori, uomini di medicina, veggenti, stregoni e persone così importanti il ​​cui ruolo all'interno di una società tradizionale può includere la guarigione fisica e psicologica, ma anche la divinazione del tempo, seguendo gli animali totemici, comunificando con gli spiriti e placando gli dei.

Quindi, piuttosto che essere stigmatizzati e isolati, le persone con schizofrenia e tratti schizotipici possono essere visti come dotati o benedetti, e può avere un ruolo sociale importante e partecipare a un alto status sociale. La scoperta che il risultato della schizofrenia è generalmente più favorevole nelle società tradizionali può avere molto a che fare con il fatto che le persone nelle società tradizionali vedono il disturbo mentale più come una parte della vita che come un segno di malattia o fallimento, e consentono alle persone con disturbo mentale per mantenere un posto onorevole in mezzo a loro.

Neel Burton è autore di The Meaning of Madness , The Art of Failure: The Anti Self-Help Guide, Hide and Seek: The Psychology of Self-Deception e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Follia, creatività ed esperienza religiosa"