Fobie di pollo e altri argomenti di preoccupazione

La Clinica di Ansia e Fobia che dirigo ha visto oltre 4.000 pazienti durante i 43 anni della sua esistenza. Ci sono individui con una fobia specifica, come serpenti o cani, o uccelli o api. Queste paure di solito non sono molto fastidiose poiché non si diffondono ad altri oggetti o circostanze. Tuttavia, a volte possono essere gravi. Ricordo una donna che non poteva lasciare la sua casa perché temeva di incontrare un serpente, nonostante il fatto che vivesse in un'area suburbana dove non c'erano serpenti. Una fobia delle api può essere così grave che le attività all'aperto diventano impossibili.

La fobia più comune che trattiamo, tuttavia, e la più grave, è l'agorafobia. L'agorafobia di solito deriva da un disturbo di panico. La persona fobica si sente intrappolata in certe situazioni in cui un attacco di panico sembra possibile. Poiché gli attacchi di panico possono accadere ovunque, le situazioni che devono essere evitate tendono a moltiplicarsi. Qualcuno potrebbe iniziare a temere ponti, gallerie o aeroplani, quindi iniziare a evitare ristoranti, cinema, chiese, centri commerciali, campi sportivi e così via. Anche l'attesa on line in una banca può diventare minacciosa. Alcune persone diventano rapidamente costrette a casa, potenzialmente per anni. La claustrofobia, un esempio della quale è la paura di rimanere bloccati in un ascensore, è solo un'altra presentazione dell'agorafobia.

All'inizio è sorprendente scoprire che tante persone diverse hanno paura della stessa cosa, vomitando in un ristorante, ad esempio. Altri hanno paura di perdere il controllo e urlare in una classe. Anche così, ci sono anche altre fobie più rare. Ad esempio, ci sono alcuni uomini e donne, ma soprattutto bambini, che hanno paura dei clown. Alcuni bambini e anche gli adulti hanno paura del tuono, altri hanno paura di vedere il sangue. E ci sono ancora altri che hanno paure rare e solitamente inspiegabili. Ho visto almeno due pazienti che avevano paura di guardare gli edifici alti. Ricordo un'altra donna che aveva paura delle statue.

"Paura della statua che ti cade addosso?" Chiesi.

"No, ho solo paura della statua."

Avendo visto tutti questi pazienti nel corso degli anni, ho sempre pensato di poter parlare sensatamente delle fobie. Ma ho avuto un'esperienza inquietante un certo numero di anni fa, quando stavo promuovendo il mio libro sul trattamento delle fobie, Fighting Fear . Stavo apparendo una mattina su un programma radiofonico nazionale. Ho iniziato a parlare di fobie e ho dato degli esempi. La persona che mi ha intervistato ha parlato a sua volta della sua stessa fobia. Mi sembra che tutti quelli che mi hanno intervistato in radio o in televisione volessero menzionare la propria particolare fobia. Le fobie sono comuni. Quindi, appena prima della chiusura del programma, l'annunciatore ha accolto con favore le domande del pubblico in ascolto. Non ricordo le prime due domande, tranne che l'annunciatore ha indicato con un gesto della mano che ho dovuto dare una risposta più rapida. Eravamo a corto di tempo. L'ultima domanda è arrivata da una donna dell'Ohio. Voleva sapere come avrei trattato una fobia di pollo. Non c'era tempo per porre la domanda ovvia: questa donna aveva paura di essere attaccata da un pollo o aveva paura di mangiare pollo? Fissai l'annunciatore, muto. L'ho guardato e lui mi ha guardato.

Per spiegare la mia improvvisa incapacità di parlare, devo riportare una precedente esperienza su radio dal vivo – quando avevo 9 anni. Dovevo esibirmi al pianoforte di fronte a un pubblico dal vivo. L'annunciatore mi ha spinto a iniziare a giocare; ma avevo dimenticato il pezzo. Mi ha incitato di nuovo, e poi, freneticamente, di nuovo. Ho guardato il pubblico e ho visto mia madre rimpicciolirsi nel suo posto. Alla fine, dopo circa trenta secondi di tempo morto, un lungo, lungo tempo in radio, mi sono ricordato come iniziare il pezzo.

All'improvviso, di fronte alla richiesta urgente di aiutare questa donna con la sua fobia del pollo, ero ancora una volta incapace di iniziare. Ho borbottato una sorta di risposta generica su "confronto" o qualcosa di simile, poi il programma è terminato e ho lasciato lo studio.

Camminai distrattamente lungo la strada, la mia mente correva attraverso le foto di questa donna anonima da qualche parte nell'Ohio perseguita da un pollo. Ho immaginato una strada polverosa con pietre su di esso. All'improvviso, nella mia immaginazione, la donna incespica e si abbatte sul pollo che sta ridendo, come fanno i polli, mi è stato detto, e ho cercato di distogliere gli occhi. Forse era particolarmente vulnerabile perché era stata traumatizzata da bambina vedendo un pollo in giro dopo che la sua testa era stata tagliata, cosa che potevano fare, mi è stato detto. Essendo cresciuto sulla 104a strada e Amsterdam Avenue, ho avuto una visione molto primitiva della vita in una fattoria.

O era un pollo avvelenato, uno che non era stato pulito adeguatamente prima di essere mangiato? Quel genere di cose può lasciarti sensibile al mangiare tacchino, figuriamoci un altro pollo.

Non sono mai stato in grado di risolvere il problema di ciò che è una fobia del pollo, lascia che sia il modo di trattarlo. Chiedo sempre ai pazienti: "Se tu avessi una fobia del pollo, di cosa avresti esattamente paura?", Ma neanche loro hanno una risposta sensata.

© Fredric Neuman

Segui il blog del Dr. Neuman.

PS Al fine di garantire la precisione, ho scritto in anticipo il mio necrologio.

Solutions Collecting From Web of "Fobie di pollo e altri argomenti di preoccupazione"